incartati

Una menzogna raccontata per sentirmi grande,
Una mano che mi cerca il cuore
nelle mutande,
una notte con i sogni incartati nei giornali,
un pastore con le ferie pagate
dai suoi cani.

Hai fottuto il tuo futuro, solo che per lui era un gioco
e ti vuole segretaria per toccarti un poco il culo
e ti vuole con il sonno addosso per dirti puttana
e ti vuole al centralino per non parlar da solo.

Han detto la vita, la vita, la vita
è pagare i debiti che fanno i ricchi e aspettare pure il resto,
pure il resto a calci in culo.
E ti han detto che si chiamano profitti.

Hanno detto un giovane è come il natale:
o lo è tutti i giorni oppure non lo è mai.
Scegli se invecchiare, perderti con stile o rubare a chi ti venderai.
E se hai tutta questa voglia di scappare
e neanche un posto come dici tu,
dammi un bacio che fuori è la rivoluzione
che non passerà in tv.

—  Lo Stato Sociale - La rivoluzione non passerà in tv