il-diario-di-anna-frank

…Ecco la difficoltà di questi tempi: gli ideali, i sogni, le splendide speranze non sono ancora sorti in noi che già sono colpiti e completamente distrutti dalla crudele realtà. È un gran miracolo che io non abbia rinunciato a tutte le mie speranze perché esse sembrano assurde e inattuabili. Le conservo ancora, nonostante tutto, perché continuo a credere nell’ intima bontà dell’uomo. Mi è impossibile costruire tutto sulla base della morte, della miseria, della confusione. Vedo il mondo mutarsi lentamente in un deserto, odo sempre più forte il rombo l’avvicinarsi del rombo che ucciderà noi pure, partecipo al dolore di milioni di uomini, eppure, quando guardo il cielo, penso che tutto volgerà nuovamente al bene, che anche questa spietata durezza cesserà, che ritorneranno l’ordine, la pace e la serenità. Intanto debbo conservare intatti i miei ideali; verrà un tempo in cui forse saranno ancora attuabili.
—  Da Il diario di Anna Frank, 15 luglio 1944
Cercavo di non guardarlo troppo perchè,se lo facevo,anche lui mi guardava - e allora provavo una sensazione gradevole,dentro di me,che non debbo provare troppo spesso.
—  Il diario di Anna Frank
Vedo il mondo mutarsi lentamente in un deserto, odo sempre più forte l'avvicinarsi del rombo che ucciderà noi pure, partecipo al dolore di milioni di uomini, eppure, quando guardo il cielo, penso che tutto si volgerà nuovamente al bene, che anche questa spietata durezza cesserà, che ritorneranno l'ordine, la pace e la serenità.
—  Anna Frank
Chi mi consolerà, se non lo farò da sola? Perché spesso ho bisogno di essere consolata, di frequente non sono abbastanza forte e le volte che sbaglio sono più di quelle in cui riesco a comportarmi come vorrei.
—  Anna Frank.
Ecco la difficoltà di questi tempi: gli ideali, i sogni, le splendide speranze non sono ancora sorti in noi che già sono colpiti e completamente distrutti dalla crudele realtà. È un gran miracolo che io non abbia rinunciato a tutte le mie speranze perché esse sembrano assurde e inattuabili. Le conservo ancora, nonostante tutto, perché continuo a credere nell'intima bontà dell'uomo. Mi è impossibile costruire tutto sulla base della morte, della miseria, della confusione. Vedo il mondo mutarsi lentamente in un deserto, odo sempre più forte il rombo l'avvicinarsi del rombo che ucciderà noi pure, partecipo al dolore di milioni di uomini, eppure, quando guardo il cielo, penso che tutto volgerà.
—  Il Diario Di Anne Frank.
Non potevo evitare di incontrare di tanto in tanto i suoi occhi oscuri e quasi l'imploravo con tutto il mio cuore:oh,dimmi che cos'hai dentro,smettiamola con queste chiacchiere inconcludenti!
—  Il Diario Di Anna Frank