il nascondiglio

Beato a chi la notte porta consiglio,
io invece alle tre e mezza
nemmeno sbadiglio
e cerco nella musica il mio nascondiglio
perché solo di giorno
io appaio tranquillo
ma col buio poi affondo
come all'isola del Giglio.
—  cit. pioggia-di-parole ☂Michele Giorgi
Dove finisce l'onda
e dove inizia il mare?
Dove finisce il corpo
e dove iniza l'ombra?
Dove finiscono le tenebre
e dove iniza la luce?
Le parole respirano fuori dalla loro cornice
i sensi si increspano e si distendono
simili a un oceano di un cerchio
il cui centro è inesitente.
Non siamo altro che una
delle probabilità dell'esistenza.
La nostra vita
è un buffo insieme di dubbi
un equivoco di possibilità concesse.
Mi rivolgo a ciò che è informe
procedo verso il nascondiglio.
Quando cercherò di raccogliere l'esperienza?
Come potrò trovare l'imbarcazione?
nell'annullamento del tempo e dello sviluppo che retrocede?
La luce non ha forma
l'onda non ha confini
l'io non ha facciate
la passione non ha orrizzonti.
Sii luce
onda
passione.
Sii te stesso.
A'isha Arna'ut
Di’ cose belle alla tua donna:
“Hai un corpo da clessidra
e un’anima da film di Hawks”.
Diglielo a voce bassa, le tue labbra
attaccate al suo orecchio, e che nessuno
possa ascoltare ciò che stai dicendo
(ossia che le sue gambe sono razzi
diretti verso il centro della terra,
o che i suoi seni sono il nascondiglio
di un gambero di mare, o che la sua schiena
è argento vivo). E quando si convince
e inizia a sciogliersi tra le tue braccia,
non indugiare un attimo:
bévitela.
—  Luis Alberto De Cuenca