i cavolacci

Le frasi da non dire a chi fa le foto in discoteca...

Mi presento a tutti: sono Valentina, ho 25 anni e faccio le foto in discoteca.

Amo il mio lavoro, perché le persone quando cala la notte danno sempre il meglio di se, come si sentissero protetti dal buio e riescono a dire/fare delle cose nemmeno immaginabile da un umano qualsiasi.

Qui di seguito voglio dunque riportare, alcune tra le frasi più dette dalle persone ai fotografi in discoteca. ( lo so che ne hai detto  almeno una anche tu)

“Non farmi le foto” e si mettono davanti alla consolle

Questa è la categoria che più amo e sono quelle persone che si mettono esattamente davanti, dietro, vicino al dj e pretendono di non essere fotografati. Ora, tu, persona con un minimo di intelligenza, lo sai che il dj viene per forza fotografato e tu ancora, non avendo il potere della invisibilità, che ci fai li davanti se non vuoi le foto? dimmelo.

“ Hey tu, hey, hey, cioè tipo è, non voglio le foto, okkkeyyyy??”

Questa è la mia seconda categoria preferita che si può accomunare per molti aspetti alla prima, ma che si differenzia perché questa persona usa la psicologia inversa come con i bambini a cui dici “Non voglio che tu metta a posto i giochi” quando ovviamente vuoi che lo facciano. Ecco, queste persone credono che chi lavora in discoteca abbia un QI pari a Flavia Vento (e al loro) e mentre tu ti stai facendo bellamente i cavolacci tuoi, ti chiamano e ti dicono a questa frase a cui risponderesti “Machittessencula”.

Ciao puoi farmi le foto con lui? e la mia amica? e il mio amico? e mio cognato?

Avete presente quando c’è qualcuno che  è intervistato in TV dice:“Posso salutare due persone? Vorrei cominciare da mio papà Gaetano, mia mamma Mimma, mio zio Pino, le mie sorelle Rina, Rita,Pina, Bianca, Anna, Maria e i miei cinquantadue compagni di corso come Tino, Gino….”

Si? Bene, perché la terza categoria da citare  è la traslazione di questi personaggi all’interno di un locale dove vogliono la foto con tutta la parentela e con tutti quelli che può conoscere all’interno del locale. Queste persone sono così carine che o ti agguantano e non ti fanno andare più via, o per i più furbi, ti seguono per il locale scoprendo tutte le scorciatoie, facendo finta che il caso vi faccia incontrare. Nice try, bro.


Ciao puoi farmi le foto con i miei amici? Indicando l’altra parte del locale

Adesso tu mi spiegherai perché quando passo vicino a te non mi guardi nemmeno e appena sto andando via, facendo fatica a infilarmi tra la gente, tu mi rincorri per dirmi che,esattamente dall’altra parte del locale, vuoi la foto, indicandomi un punto in mezzo alla pista in cui sono appena stata e da cui ci ho messo cinque minuti per uscire. Ora devi sapere che mentre ti dico “Certo, arrivo subito”, ti sto augurando che tu domani ti possa svegliarti con la diarrea. 

Ciao scusa puoi cancellare la foto mia di mezz’ora fa? non è la mia ragazza

Forse questa categoria rientra tra i miei preferiti, perché ti chiamano, ti fanno fare la foto, sorridono e quando ti rincontrano nel locale ti dicono “Sai la foto che mi hai fatto prima?” e tu lo guardi con una faccia come per dire “Anche no, visto che ho fatto 100 foto in mezz’ora”, ma lui continua con “potresti cancellarla?” e dopo questa frase seguono le scuse più improbabili come “sono un attore e non posso stare qui” “lavoro in un altro locale” “non è la mia ragazza” “la mia ragazza non sa che sono qui” e a cui la mia risposta varia tra “ma perché mi hai fatto fare la foto?” a “ma tutta questa storia lavorativa/di parentela/di fidanzamento, si è concretizzata meno di mezz’ora fa?”

Ciao, vuoi che ti faccia io una foto, visto che sei sempre tu che la fai agli altri?

Fare le foto in una discoteca ti permette di fare una cosa bellissima, non essere mai nelle foto delle serate, così che il tuo tasso alcolemico e il tuo outfit possano restare nel limbo delle cose che non finiranno su internet della tua vita, dunque no che non voglio la foto anche perché se voglio mi prendo l’iphone e me la faccio e di sicuro non darò la mia macchinetta fotografica in mano di un marpione ubriaco che sta cercando di allacciare bottone pensando di essere super originale, ma non sapendo che è il centesimo che mi chiede questa cosa.

Ciao, facciamo la foto insieme?

Arriva un tipo/a sconosciuto/a , ti fissa, ti fa fare le foto con gli amici e poi arriva con la frase “possiamo fare la foto insieme, io e….te?” Certo, ma ora dimmi, che posto avrà questa foto nella tua vita, hai fatto la foto con chi faceva le foto e poi? un autoscatto con la fotografa e te ne vanterai in giro con i tuoi amici come se fosse Paris Hilton? Non credo, dunque dimmi, persona sconosciuta, cosa te ne farai di una foto con me? La venderai a qualche sito porno giapponese che ha come feticismo quello di fare le foto con le fotografe dei locali? (oddio potrebbe esistere…)

“Ciao mi fai una foto?” e si mettono da soli, in pose solitamente da rapper

Questa è la categoria che io definisco “solitari” e sono quelle persone che non hanno amici o che vogliono solo farsi la foto per metterla come foto profilo che ti chiedono di fargli la foto, ma non è finita qui, perché le pose che assumono oscillano tra il ridicolo e il penoso e tu li guardi e con un velo di tristezza ti affretti a fargli la foto per andartene e per pensare quanto triste possa essere il mondo.

“Ciao mi fai una foto con la mia amica?” e si mettono in una finta non-posa dove sembra che si stiano divertendo un casino perché Yolo e sono ubriaca yeeee”

Questa cosa è molto comune tra le ragazze e mi diverte abbastanza. Il target di questa frase di solito è molto giovane e per farvi capire il tipo sono quelle che bevono un Bacardi e dicono di essere ubriache. Di solito la trafila è questa, ti chiamano sorridenti e assolutamente normali e mentre tu imposti la macchina loro si mettono con capelli in faccia, mani sulla testa, gambe storte e tu, aspetti per scattare pensando che si stiano sistemando, ma dopo 3 secondi che stanno giocando al gioco delle statuine con te, gli fai lo scatto molto stranita e te ne vai, non aspettando altro che si mettano il tag su fb per scrivere “Amo ma quanto eravamo urbi??” al quale tu vorresti rispondere “No, sei solo cagna”

E adesso ditemi che mai nella vostra vita non avete detto o fatto una di queste cose, io lo ammetto, una di queste l’ho fatta, lascio indovinare a voi quale…