gullnäs

Lance: There’s that chirping again, how are you not hearing that!

Keith: NEWS FLASH ASSHOLE! I’VE BEEN HEARING IT THE ENTIRE TIME!

Lance: Then why didn’t you say something?!

Keith: BECAUSE I HATE YOU!

Ti ho cercato un sacco prima di trovarti.
La prima volta ti ho cercato in altri occhi, poi ti ho trovato mentre vagavano distratti.
La seconda volta ti ho cercato in altri posti, e ti ho trovato sulla solita panchina.
La terza volta ti ho cercato in altre braccia, ma non sapevano di te. Così ti ho trovato poggiato al muro, ma non ti ho trovato più. Mi sono allontanata, e ho fatto finta di non sapere che ti avevo già trovato. Ho continuato a cercare qualcosa che ti somigliasse, in altre mani, in altri giochi.

Cercavo le tue domande nelle risposte degli altri, ma nessuno era mai te. E allora mi facevo andare bene cose che mi facevano male perché non mi ricordavano te. Ed io volevo ricordarmi del tuo viso ma sotto altre luci era diverso. Io volevo ricordarmi del tuo odore, ma sugli altri lo stesso profumo non faceva lo stesso effetto.

Così io ti ho cercato, e nuovamente non ti ho trovato. Sempre un passo avanti e l'altro indietro, io e te.
Non ci capiamo più, io e te.
O forse ci capiamo ancora, il punto è che non vogliamo più la stessa cosa. Allora facciamo finta.
Io rido e ti passo accanto, ti guardo indifferente come se non m'avessi scosso l'anima.
Tu mi guardi e mi sorridi, ma lo so che non ti ho trovato, quando te ne vai e non mi guardi, mi fai male ma non ti interessa.
Fingo di stare bene ma ti spio in ogni dove, per sapere se tu hai trovato qualcuno di diverso che ti fa star bene uguale, per sapere se lei ha i miei stessi occhi, o magari li ha più simili ai tuoi. Se guardate dalla stessa parte. Se magari la capisci, se volete la stessa cosa. Se guardi lei come guardavi me, se non le fai male, se quando se ne va la guardi fino a quando non puoi più, se la aspetti a braccia aperte, se le hai dato tutto quello su cui pensavo di avere l'esclusiva.

Permettimi di essere egoista, una volta nella vita, perché lo sono solo quando ti riguarda. Perché tu non sai quante notti mi sveglio pensando che meriti di essere felice, però non essere innamorato di qualcun altro. Ti prego, aspetta me, cerca me, troviamoci.