guaritas

Camping Cabanas Guarita em Torres no RS

Camping Cabanas Guarita em Torres no RS

Localizado em Torres/RS, a mais bela praia do litoral gaúcho, próximo a Reserva Ecológica Parque Estadual da Guarita, a Praia da Cal, a Praia da Guarita e a Lagoa do Violão, você tem aqui total contato com a natureza sem perder as comodidades que a cidade pode te dar.

O Camping Cabanas Guarita oferece aos seus hóspedes uma excelente infra-estrutura e atendimento.

» Mais informações sobre Torres

»…

View On WordPress

[Martine - Gualicho - Rota 105]

Assim que terminou o bico no museu, Anytha recebeu suas coisas de volta com a Jenny da guarita e seguiu viagem. Não tinha dormido havia quase 24 horas, mas a teimosia de não querer perder tempo a manteve desperta ainda mais.

Usando parte do pagamento pelos trabalhos anteriores, ela pegou um trem até a cidade vizinha, tendo dormido a viagem de 5 horas inteira. Só o que a acordou foi o aviso da chegada na estação de Gualicho. Ali, desceu, comeu algo numa cafeteria da estação e seguiu para fora da cidade sem sequer explorá-la primeiro. Tinha pressa.

Seguindo as orientações de um guarda qualquer, Anytha encontrou a saída para a rota 105 ao entardecer, qual foi orientada a seguir reto até chegar na floresta bem mais adiante e chegaria em Champaqui. Sendo assim, soltou o Luxray, montou nele e avançaram pelo campo desértico em boa velocidade.

Tal cenário era bastante perturbador para alguém como Anytha, acostumada a viver entre o verde. Ela não deixava de sentir pena dos pokémons dali e raiva daqueles que tornaram aquela rota um campo seco. Ainda estavam bem longe de ver a floresta quando uma nuvem escura vinha na direção da dupla; uma horda de Zubats. Esperavam que a horda desviasse, mas ao invés disso, vieram pra cima, atrapalhando a corrida e obrigando Luxray a parar enquanto guinchavam de forma atordoante e tentavam mordê-lo. Mesmo sacudir-se não os espantava.

- Arg, vão procurar uma caverna! - reclamou - Sieg, no três! - alertou, e então jogou-se para fora do leão num rolamento que abrisse distância entre os dois. - Três!

Ao comando, Luxray soltou um discharge, liberando de seu corpo eletricidade sem mira, abatendo todo o grupo de uma vez., exceto um, que mesmo cansado continuou voando.

- Heh, aquele ali parece querer brigar - soltou um risinho desafiador. Reparando bem, aquele Zubat tinha as presas ligeiramente menores que o normal. Uma fêmea - Essa garota tem fibra, gostei. Sieg, Spark!

Desta vez, a eletricidade do leão foi mirada na zubat. Mesmo exausta, ela voou para desviar. E ao invés de fugir, investiu num supersonic ensurdecedor do qual Luxray não pôde fugir e acabou atordoado.

- Spark outra vez!

O leão tentou, mas a confusão o fez errar a mira. A morceguinha aproveitou para avançar com um wing attack mirado no rosto do leão, finalizando uma uma mordida sanguessuga nas costas do mesmo (leech life).

Luxray grunhiu dolorido, e sacudiu o corpo tentando tirar a Zubat de si, mas ela não o soltava; estava absorvendo sua vitalidade.

- Caramba, ela é boa. Se é assim, Discharge!

Discharge é um ataque sem mira, que libera eletricidade de todo o corpo do pokémon usuário. Logo, mesmo acertando a si mesmo, consequentemente acertaria a morceguinha em contato direto com o pokémon elétrico.

A vitalidade absorvida não bastava para que ela resistisse à outro ataque elétrico daquele porte. Zubat desmaiou nocauteada ainda com os dentes ficados no Luxray.

- Essa é a única pokébola que eu tenho, é bom que você fique aí. - dito, atirou contra a Zubat a pokébola comprada dentro da cidade enquanto pedia informações.

Dovrei dirti che sono ancora innamorata di una persona che ho lasciato 8 anni fa? Sembra assurdo.
Posso dire di averlo amato con tutta me stessa, ma di essere stata profondamente delusa.
L'ho odiato e in tutti quelli che ci sono stAti dopo cercavo lui, quelle emozioni che avevo perduto. Proiettavo. Amavo e odiavo sconosciuti.
Non sono ancora guarita, no…ma da qualche mese a questa parte non proietto più, riesco a fare sesso senza sentirmi in colpa.
Non mi manca, a volte sogno che ci faccio sesso e che sono infelice e lui mi chiede di tornare insieme e io non voglio.
Sono stata delusa…La persona di cui più mi fidavo è stata profondamente egoista.
Io so amare ancora, so darmi, so far sentire le persone a casa. Il problema è che non mi fido più.

L'immagine di te che, incurante del fatto che la mia schiena non sia ancora del tutto guarita - dopo essersi rotta a causa tua, tua, solo a causa tua, per la miseria, non di una caduta, come ho raccontato a tutti! - , minacci di spaccarmi la bottiglia di vino in testa, mi dà ancora da tremare.
Ma é solo colpa mia, giusto? É sempre colpa mia.
Ho accidentalmente rotto l'attaccatura di plastica del busto girandomi nel letto? Colpa mia. Trecento euro buttati, peccato. Ma della mia schiena e del fatto che probabilmente potrei operarmi, cosa importa?
Mamma rasenta l'esaurimento nervoso e vuole andar via di casa? Colpa mia, certo, é sempre colpa mia.
Ti é andata male la giornata? Colpa mia, ovvio, é sempre colpa mia. Sono una disgrazia, vi porto sfiga, no?
E allora picchiami ancora, se nella tua mostruosità la cosa ti fa sentire meglio. Picchiami ancora, rendimi forte, dammi altra sfiducia nel genere umano, alimenta il mio odio per te e per tutti. Continua così. Che la prossima volta il busto te lo spacco in testa.
Ti ho sempre amato più di me stessa, eri l'unica persona al mondo di cui mi fidassi davvero. Ora voglio solo vederti sanguinare per mano mia, da quando mi hai fatto perdere fiducia nelle persone e anche in me stessa, da quando mi hai dato conferma del fatto che io non sia in grado di provare amore o benevolenza per qualcuno. Neanche per te, neanche per me.

Non voglio più essere costretta a respirare la tua stessa aria, papà.

Natal RN; MP quer câmeras e vigilância 24 horas no maior presídio do RN após fugas

Natal RN; MP quer câmeras e vigilância 24 horas no maior presídio do RN após fugas

Um presídio com monitoramento de câmeras, vigilância 24 horas nas guaritas, refletores e estruturas metálicas para reforçar o perímetro externo. São as medidas recomendadas pelo Ministério Público do Rio Grande do Norte para conter a onda de fugas e abertura de túneis na Penitenciária Estadual de Alcaçuz, a maior unidade prisional do estado, localizada em Nísia Floresta, na Grande Natal.

A…

View On WordPress

Dopo 7 anni io ancora l'artrite non l'ho accettata, anche se mi illudo di averlo fatto. È una cosa seria e io mi ostino a dire che ormai sono guarita e faccio la cura a cazzo, ma intanto la mattina non riesco ad alzarmi dal letto e certe giornate camminare è una cosa impossibile. Forse me lo merito di diventare storpia a 30 anni. Però nemmeno ci credo a quella possibilità su cento di guarire dopo la pubertà, quindi tanto vale evitare di avvelenarmi con quella merda. Andiamo, stiamo parlando di sfigalessandra.
Quanti controsensi in questo post, mammamia

Medico italiano:”Ho curato mia moglie dal tumore con terapie alternative”

Medico italiano:”Ho curato mia moglie dal tumore con terapie alternative”

Nel 2009, dopo la diagnosi di cancro cerebrale invasivo, fa 3 cicli di chemio che la portano in stato terminale. Approda allora alla Terapia Di Bella e a farmaci vietati in Italia ma che all’estero funzionano. Sua moglie, mamma di tre bambini, è guarita.



Questa è la storia di un odontoiatra lombardo di 42 anni, Carlo, sposato e con 3 figli piccoli, che è riuscito a cambiare il suo destino.…

View On WordPress

Io in ogni caso non so cosa scrivere ma, come sempre, l'impulso di scrivere ce l'ho. Non scrivo sul moleskine da più di due mesi, da quando te ne sei andato, ma nonostante i tuoi continui ritorni già mi sembro cambiata. Che male che fanno le ferite dell'amore, e io stupida che ogni volta ci ricado e mi brucio ancora e ancora, come se questa ferita senta il bisogno di non essere guarita ma di incrementare di ora in ora il suo dolore. Non mi piacciono quelle con la pelle liscia, che poi forse non è proprio legale, sai, ma sei bella vestita di lividi; giusto per citarne qualcuna. Ma come si resiste alla ferita dell'amore? Ti colpisce in una sera di maggio e incrementa il bruciore ogni volta che quegli occhi e quelle mani sfiorano una parte profonda, profondissima, della tua anima.

Io non ne avrò mai abbastanza.

anonymous asked:

I tuoi non ti dicono niente? Io a volte salto i pasti ma non ottengo molti risultati,mi hanno anche buttato via la bilancia e quindi non so nemmeno quanto peso! Poi la mia nutrizionista mi dice che se non aumento mi toglierà la scuola e mi manderà in una clinica dove non mi fanno uscire finché non reputeranno guarita.. È un incubo 🌸

Mi fanno le scenate,ma non è possono fare molto,non mi possono obbligare e mi lasciano fare come meglio credo. La psicologa ha parlato con i miei genitori e ha detto loro di non obbligarmi mai a mangiare se non voglio,peggiorerebbero solo la situazione.

Io mi voto alla vertigine, al godimento che confina col dolore, all'amore-odio, al dissidio che alla fine è ristoro. Questa mia anima, guarita dalla smania del sapere, non deve mai più chiudersi a nessuna sofferenza; voglio accogliere in me le gioie destinate all'intera umanità; voglio abbracciare col mio spirito le sue vette ed i suoi abissi; ammucchiar nel mio petto tutto il suo bene e tutto il suo male, e così dilatare il mio io sino ai confini del suo io, per poi, com'essa, alla fine, naufragare.
—  Goethe, Faust