giungla

Avevo la cresta di un pavone e lo sguardo di un leone, ma in realtà ero un cucciolo, solo un povero cucciolo smarrito in una giungla.
—  In silenzio nel tuo cuore, Alice Ranucci
Non giudicatemi per la musica che ascolto.
La musica è come un ruggito,
Che squarcia la giungla in cui ci troviamo.
L'accomuno molto all'arte,
La musica è arte!
Anche perché,
Sono fra le uniche poche cose,
Che non hanno generazione.
—  Davide Raimondi
Tu si o sol che da luce pe fa cresce e piant
Tu si ammor si a rispost a tutt sti rimpiant
E’ passion e ta truov a scorrere int o sang
Manc l’oro t’arricchisce si pò arint si vacant
Quand a truov spess vot t’annammur
E certi fras e certi gesti
Pienz a ess e non pienz a nisciun
E quanta vot nun e magnat
Si stiv afferrat cu mammà che fa domand
Si te ver preoccupat
N’abbast na jurnat e sol
Arint teng o viern
E nun me scarf manc chiù
A staggion
So nu poet urban e mett o cor int e canzon
Perchè miezz a stu burdell
A gent vo coccos e buon
Pur quand stong trist
Dico che è tutt appost
Pecchè chi soffr
O fa in silenzio
E si sta mal ntò dimostr
Agg chius l’uocchij p fa scennr e lacrim
L’unica femmena e sta vita
E’ stat mamm’m
—  Rocco Hunt

the world is quiet here

that no life lives forever;
that dead men rise up never;
that even the weariest river
winds somewhere safe to sea.
-algernon charles swinburne

people are strange - johnny hollow // forest - giungla // bloody nose - jack conte // such horrible things - creature feature // sometimes, sunshine - revue noir // the wolf - phildel // soviet trumpeter - katzenjammer // the heroine - unwoman // superhero - johnny hollow // in the craters of the moon - the mountain goats // the wondersmith and his sons - astronautalis // ain’t no rest for the wicked - postmodern jukebox

[listen]

Caro Babbo Natale,
ti ricordi di me? Sono passati tantissimi anni dall'ultima volta che ti ho scritto. Ero una bambina ma ti scrivo oggi perché forse una bambina lo sono ancora.
Caro Babbo Natale mi sento così indifesa in questo mondo gelido e crudele! Quando ero piccola non pensavo che le persone potessero essere così orribili perché avevo mamma e papà che mi tenevano al sicuro dai problemi e dalle sofferenze della vita ma adesso devo camminare da sola e cavarmela da sola.
Attraverso una giungla piena di spine ogni giorno per conto mio e si mi ferisco mentre cerco di attraversarla, poco male, piango un po’, provo a farmene una ragione e vado avanti.
Purtroppo le ferite stanno cominciando ad essere troppe Caro Babbo Natale! Non mi dirai che la vita è tutta così? Quante spine dovranno ancora ferirmi? Io non ce la faccio più.
Vorrei chiederti dei doni, anche se non sono stata molto buona…continuo a non andare a scuola, continuo a rispondere male, continuo ad essere scontrosa e crudele con me stessa e con gli altri…ti giuro che è l'unico modo per difendersi…
Ti chiedo perfavore di darmi la forza per affrontare questa giungla piena di spine!
Ce l'ho sempre fatta ma sono in una situazione talmente catastrofica che non sono convinta di avere le energie necessarie per combattere.
Non ti chiedo la pace nel mondo, perché per quanto posso essere bella, le persone non hanno una morale e quindi non esisterà mai…sempre per lo stesso motivo non ti chiedo di aiutare i bambini poveri…
Caro Babbo Natale, questo mondo è una merda! Io non volevo crescere e facevo bene!
Buon Natale.