gamberone

Hieronymus Bosch (Jeroen Anthoniszoon van Aken, s-Hertogenbosch, 1453 - 1516)

Trittico del Giardino delle Delizie

1480-90, Madrid, Museo del Prado

Olio su tavola, 220 x 389 cm

-

Sto trittico è davero na robba assurda, che ancora li studiosi ce se stanno a sfragne ‘a testa pe capillo. Meno che mai ce volemo quinni provà noi, però voo presento perché è davero fico.

A sinistra se vede er paradiso terestre, primo granne sito de incontri matrimoniali daa storia, co Dio che presenta Eva a Adamo e Adamo che già saa guarda e sapemo subbito a che pensa, che poi è rimasto uno dii pensieri primari dell’omo fino a oggi. Su ‘o sfonno na robba che sarebbe ‘a Fontana daa Vita, che quinni vedi che quelli dell’Expo nun se sò inventati quasi gnente.

Ar centro ce sta ‘a scena più controversa. E’ na specie de parco de divertimenti ndo ce stanno animali, ommini, donne, de tutte ‘e razze e de tutti i colori, co su ‘o sfonno na specie de robbe strane che pure pareno un po’ i padijioni dell’Expo. Ce sta veramente de tutto, che ce poi passà na domenica quanno ‘a Roma nun gioca a scoprì tutti li particolari: due che scopeno drento na vongola gigante, antri che se ficcheno in una specie de gamberone a magnà a porpa (che in effetti co cortello e forchetta nun ce riesci mai), uno che cià ‘a testa a forma de oliva, un porcospino drento na palla de vetro giustamente così non pizzica, gente a cavallo, gente a cavallo de mucche, de maiali, de animali inventati, passeri giganti, fragole geneticamente modificate dar peso de trenta chili, spiriti alati che voleno per aria, mejo der circo Medrano insomma, de tutto de più.

Che vor dì sto pannello centrale? Nun se sa. Cioè li studiosi nun sò d’accordo. Che posto è? E’ l’Eden (no er cinema eh, er Paradiso terestre intendo…anche se in effetti pare un firme fantasy un pochetto)? E’ er monno popo all’inizzi inizzi che poi appena cianno dato ‘e chiavi e er libero arbitrio amo subbito cacato fòri daa tazza e n’amo pensato antro che magnà e trombà tutto er tempo e a seguì tutte ‘e tentazioni der monno senza ricordacce che er giudizzio universale ce aspetta? Oppure è l’America appena scoperta? O invece na destinazione esotica a caso presa dar catalogo de I Viaggi d’Eelefante?

E infine ner pannello de destra c’è l’inferno. E’ un inferno zeppo de strumenti musicali che diventeno strumenti de tortura, quinni paro paro a quanno tu metti ‘o stereo a palla e tu madre e tutto er condominio te vorebbero appunto ammazzà e torturà come te stai a torturà loro. C’è de tutto, avari, lussuriosi, perfino na specie de diavolo caa testa d’uccello che se magna li dannati e li caca drento a un cesso. E ner mezzo ce sta na specie de omo-arbero, come na gigantesca discoteca, co uno che sale in consolle co na freccia ficcata ner culo, e gente che gira su ‘a pista sotto na specie de amplificatore–zampogna che sicuro je sta a sparà drento l’orecchie na versione stonata de Disco Inferno. E er Diggei, che vedi ‘a faccia che sghignazza da dietro li piatti, pare sia popo Bosch. Che me pare giusto: er regista aa fine è lui, lui solo sa che vor dì tutto l’ambaradam, lui solo sa che pezzo sta pe mette dopo, e nun accetta richieste.