forato

Forato Theme

  • 2 opções de alinhamento background (Maximizado e a direita);
  • Rolagem infinita funcionando;
  • Opção imagem na sidebar;
  • Opção de Fonte Zeyada no título;
  • Não aparece o link de quem rebloga (source:donodopost);
  • Usuário escolhe a largura da coluna dos posts;
  • Usuário escolhe a largura da sidebar;
  • Opções de fontes com mostruário;
  • Melhor edição do theme, com complexidades resolvidas e retiradas.
  • 4 Links adicionais ao menu, adiciona-se por appearance;
  • Opção de espaçamento entre um caracter (letra) e outro. Bom se você resolve aumentar o tamanho da font e não quer ela tão “colada” uma na outra;

Pre-visualização | codigo

Pre-visualização 2 (com imagem na sidebar)

http://coleciono-lagrimas.tumblr.com/ está usando. Veja como exemplo.

Bonnie Marcio Succhia Il Cazzo Prima Di Ottenere Forato Duro All'Aperto - Youporn - HD porno, sito video porno italiano

New Post has been published on http://www.youporndue.com/10911

Bonnie Marcio Succhia Il Cazzo Prima Di Ottenere Forato Duro All'Aperto

Guarda Bonnie Rotten Succhia il Cazzo Prima di Ottenere Forato Duro all’Aperto, qui . La nostra vasta selezione di video caratteristiche calda culo-fucking, big-tette, e scene di pompino.

Power Car Team centra il podio nel Salento in attesa del WRC

Nuova ed esaltante doppia prestazione per POWER CAR TEAM, lo scorso fine settimana, stavolta al Rally del Salento, terza prova del “tricolore” WRC. Antonio Forato, con la Renault Clio S1600 ha conquistato la terza posizione assoluta al termine di una gara entusiasmante che ha dato nuova conferma dell’elevato livello del pilota trevigiano e della rinnovata competitività della vettura francese che non teme confronti contro le più recenti vetture da corsa. Una prestazione di elevato livello, quella di Forato, partito in settima posizione ed autore di una rimonta strepitosa, concreta ed esente da errori, sfruttando al meglio l’agilità e l’affidabilità della Clio affidatagli.

#Forato, #PowerCarTeam, #RallyItaliaSardegna

Continua a leggere http://www.quintazona.it/power-car-team-centra-podio-nel-salento-in-attesa-wrc/

Rette parallele

I treni correndo in direzione opposta s’incrociavano solo per caso alla stazione, quando i ritardi dell’uno e dell’altro lasciavano coincidere l’arrivo dei pendolari, che di schiena si dirigevano verso i due lati della città, senza pensare ad altro che alle loro rispettive vite. Le due mura, speculari se non per i graffiti, rispecchiavano lo stato delle anime che lo attraversavano. Non erano i colori a mancare, quanto l’aria: la pesantezza trasmessa dal tunnel forato in quella grotta artificiale, l’atmosfera perennemente pesta malgrado le luci e l’eco del silenzio sordo che solo i passi e i freni rompevano per non più di qualche secondo, ammutolivano i pensieri dei derelitti, dei deportati, o di chi, pur essendo altro, lì sembrava tale. 
Viaggiare nel treno che transita per quella stazione vuol dire essere già morti - dentro, almeno. 
Se in quel purgatorio si fossero incontrati due sguardi, sarebbe accaduto l’inferno. 
O il paradiso, ma nessuno lo saprà mai.

Iniziare dai singoli ingredienti per preparare un piatto è semplicissimo.

Spaghetti con cozze e pomodorini

Raschiare e spazzolare le cozze sotto acqua corrente, privarle dei filamenti, sciacquarle per bene e lasciarle un'oretta in acqua e sale.

Sistemare le cozze pulite ad un solo strato in una larga padella con un fondo di olio evo e aglio in camicia. Mettere sul fuoco vivo; dopo pochi minuti quando l'olio sfrigola, sfumare con vino bianco, attendere qualche secondo, abbassare il fuoco e continuare la cottura col coperchio. Spegnere non appena la maggior parte dei gusci sono aperti. Scartare eventuali gusci non aperti e con un mestolo forato trasferire le cozze aperte in un piatto. Filtrare il liquido, profumato e saporito, rimasto nella padella. Sgusciare tutte le cozze tenendone da parte qualcuna bella per la decorazione. Tritare il prezzemolo fresco e schiacciare i pomodorini dentro una ciotola di acqua (oppure tagliarli in quattro). Lessare gli spaghetti e scolarli dopo circa 4 minuti. Terminare la cottura nella padella risottandoli con l’acqua delle cozze. Aggiungere i pomodorini e solo alla fine le cozze sgusciate e il prezzemolo. Servire con un filo di olio evo e una grattata di pepe.

LICENZIATOOOOO (mercoledì 28 gennaio 2016)

Tutto sommato un sacco di cose non vanno bene.

Il primo gennaio 2016 ho forato la ruota nuova in tangenziale.

Non esiste l’inverno qua in Emilia, oggi il caldo mi faceva sudare sotto il maglione di lana colorato comprato anni fa. Sentire un po di sole sulla pelle ogni tanto mi ricorda che non ho la nuvola di Fantozzi sulla testa. 
Ma questo vuol dire che a maggio quest’anno vivremo nel Sahara. Andrò in giro nudo. 

La mia amica Giorgia ha comprato gli occhiali di Buddy Holly. Per l’amor di dio. Sei una ragazza carina, non bella. Hai un naso che sembri rudolph la renna pero se carina, di una bellezza pura, sincera. Ho immaginato di fare sesso con tante ragazze e quando penso a lei penso sempre al sesso più dolce, come in una nuvola di cotone. 
E prendi sti cazzo di occhiali per fare la figa, che ti stanno male, e sembri una barzelletta cazzo. Ma continua a fare la fortuitissima ragazza delicata cazzo.

Questo sempreverdemagnificoappenacominciato 2006 mi ha fatto un altro regalo: mi servono soldi e non ne ho. 
Sono assolutamente al verde non ho un centesimo nel momento in cui me ne servirebbero di più. L’anno scorso avrei dovuto spendere meno soldi per gli altri e tenerne più per me. Forse adesso avrei un piccolo gruzzoletto da parte e non sarei cosi spaventato. Imparerò mai?

Mi manca il sapore dell’acqua di fiume in bocca. Voglio che arrivi presto l’estate. Voglio andare in viaggio in campeggio, fare un qualche percorso lunghissimo sopra cime altissime e vedere dove sorge il sole. Dove è difficile respirare. Una di quelle vacanze che ti cambia la vita e in cui ritrovi te stesso. Quest’estate lo voglio fare. E mi voglio buttare da tantissime cascate, e pescare, fare tantissime grigliate profumate e sdraiarmi nei campi di fiori.


Ieri ho attaccato un C di carta orografica sopra Clare. Clare è una Squire Duo Sonic del duemila e otto color crema (desert sand è meno dolce) ed è la mia seconda chitarra e voce. E’ la mia seconda anima, e prima di lei avevo trovato solo un altra chitarra cosi. Ho visto che Viterbini aveva una lettera del genere e ho pensato che fosse una cosa davvero trash. Perciò ho comprato una C è l’ho incollata sotto al ponte. Destino vuole che dopo due ore che suonava mi si stacca una pellicina sul dito e comincio a sanguinare. 
Quando mi piacciono gli schizzi di sangue sulle chitarre appena pulite.

In tutto questo grosso casino di cose messe insieme a caso, che non si sa bene come leggere, ma che però hanno tutte una loro poetica coerenza la notizia seria è una.


L    I   C   E   N   Z    I    A    T   O

Addio posto di lavoro di merda. Addio stronzi. Addio magoni prima di andare a letto. Addio orari assurdi di lavoro. Addio Lacrime appena tornato a casa. E finalmente. Addio passare tutta l’estate a lavorare. Addio passare IL SABATO a lavorare. Addio responsabilità più grosse di me. Addio alle mie colleghe che oggi erano felici per me. Addio a voi due stronzi che sarete nella merda e ve ne accorgerete eccome. Addio piante. Addio Matrimoni. Addio signora Pigoni. Addio signora Bulgarelli.Addio mie dolci clienti piene di soldi. 

Addio tempo che non ho mai avuto per amare chi amavo. Addio tempo che non ho mai avuto per odiare chi odiavo. 
Addio 2015.

Francesco








3

Paletta in alluminio con manico forato. Oggetto integro ‘60 ad uso alimentare  con possibilità di prolungare lo stesso inserendo manico in legno di lunghezza a piacere.

Misure: L 25cm circa

€20

Spese di spedizione €4 con posta celere 3 tracciabile.

Possibilità di ritiro in zona Parma città o consegna a domicilio su tutto il nord Italia e oltre con spese di trasporto in base al chilometraggio.

info: oilsaltandpepper@yahoo.com