folta

We Have a Few Concerns, From Sharks

Dear Humans,

We hope everything is going well up there on land.  We, the sharks, got together to write a quick note about some things that are on our mind.

First, the positives – thanks for Shark Week. How exciting to be the only animal with it’s own week! It put those high and mighty whales in their place, that’s for sure.  You have no idea how holier-than-thou they are, floating around like they run the place. Man, when they heard there was a whole week for us but nothing for whales – it was great. The look on their faces alone was worth it. Thanks.

And no hard feelings about aquariums. Frankly, from what we hear, it’s a pretty sweet gig – no boats zipping around, a bunch of people coming just to see you, food delivered right to you. Pretty neat! Maybe we could start a rotation system? Some of us out here could switch out for a year or so, get some R & R in an aquarium, and then head back out into the ocean? Just an idea.

We wanted to address some of the things you’ve been saying in the media about sharks and the effect it’s having on our shark-body image. Sharks are having a hard time reconciling how we’re being depicted with how we know ourselves to be.

For example, the footage you air of us swimming head on at those underwater cages you love to plunk into the water.  Do you think we’re not startled? You know as well as we do that most of us just swim by and don’t charge wildly into the metal cage. But that’s not what you put on TV or in movies. You only show the bad apples that are trying to start trouble. Think of it this way: how would you feel if we only chose to show humans running headlong into parked cars?

And it’s not just the “bad” depictions that are harmful, the positive portrayals are hard too.  All this talk about how incredible our sense of smell is might seem like a compliment. It’s no big deal you might think.  But you are greatly exaggerating. We do have a very sensitive and nuanced sense of smell, but we can’t trace a tiny drop for miles and miles. That’s preposterous.

Again, it’s a positive portrayal, but it has a negative impact.  It’s especially hard on our pups. You can’t imagine all the body image issues they have. As parents, it breaks our two-chambered shark hearts to look our kids in their glassy eyes and reassure them that they’re normal.  That all the other sharks can’t smell better than they can. That it’s okay that they can’t leap out of the water and grab seals out of midair. How do you make a shark-child understand that they’re still wonderful and special even if they can’t perform these super-shark feats?

Can you blame the little guys? When all they hear is that they’re supposed to be able to find a solitary bandaid from miles away? When all they see are sharks that can kill anything that flies over the water? That’s not how it works in the real world. Just ask yourself if it’s worth it to warp these little sharks’ sense of self worth, just to market some shark television.

What we’re saying is just be a little more responsible with the images and descriptions you’re putting out there.  Understand that it has an effect on us. It’s hard enough for us without having to live up to the unrealistic and unattainable expectations that your media puts out. Put yourself in our fins – would you bombard your human children with images that set unrealistic physical expectations?

One last thing: we are starting to get worried about the seeming total lack of responsible stewardship for the oceans. In your defense, your complete apathy doesn’t make any logical sense.  So we figure you guys are planning some big move to take care of global warming and environmental degradation. I mean, no one would stand by this idly. We all can’t wait to see what you have planned!

Lastly, please don’t stop referring to fat humans as whales. The whales hate that, and it’s so excellent.

Keep it sleazy,

The Sharks

 

[James Folta]

[read more of his work at McSweeney’sCollege Humor, and Splitsider]

Things Your Pinky Ring Is Saying on Your Behalf

“I’m stoked for Santacon.”

“I refer to ‘magazines’ as 'books.'”

“Ask me about why I think voting is for suckers.”

“My favorite holidays are the ones that have car dealership sales.”

“I’m willfully ignorant about climate change.”

“Upwards of 60% of my tee-shirt wardrobe features a snarky phrase or an off-center skull.”

“'Scarface’ is my favorite piece of art and also my personal guidebook.”

“I have a tattoo in a language that doesn’t use the Latin alphabet.”

“9/11 was an inside job, man.”

“I will say that 'family’ is important but what I mean is 'getting laid’ is important.”

“I have a DJ night coming up and you don’t want to be there.”

“I think UFC should be in the Olympics.”

“Help, I can’t get this ring off.”

[James Folta]

[read more of his work at McSweeney’s, College Humor, and Splitsider]

Era Agosto quando la vide la prima volta, all'imbrunire sotto un ciliegio in fiore. Lei era vestita di un sorriso bellissimo, lui silenzioso fra quei gigli, il cuore già volava tra il polline. Aveva in mano una piccola calendula, tremante la poso nella folta chioma bionda della donna. Lei piccola, esile come un ramoscello di ulivo acerbo, le gote rosee come le dalie, gli occhi chiari accentati da un cobalto intenso; danzava fra quei campi giovine e leggiadra, si perdeva tra quei ruscelli di colore. Amore dolce, miele per l'anima; un bacio a stampo in quella tempesta di sentimenti increspa un’aurora in quel cielo terso. La donna gli accarezzava gli occhi, parlandogli con l'anima; un sospiro affannoso era dolce aria nel crepuscolo estivo…
Domani.

Mentre cerco di calmarmi e di modulare il respiro, pensando che ormai non riesco manco più a reggere una sigaretta senza sentirmi mancare il fiato, sto pensando a domani.

Non posso credere che sia arrivato questo momento. Manca ancora un po’, siamo solo all’inizio del percorso, ma per me è già tanto. E’ da quando avevo otto anni che mi baso sull’astratto, che penso, sogno, immagino e mi chiedo come saranno questi prossimi mesi. Da quando avevo otto anni che aspetto di cominciare a prendere in mano questo desiderio che ho sempre avuto.

E domani sarà il momento di cominciare.

Ovviamente le cose non vanno mai come ci si aspetta: avevo calcolato la data in cui farmi la barba, in modo che domani potesse apparire al meglio - né folta né totalmente assente - ma ad oggi non è ancora ricresciuta come la volevo. Ho l’ansia e penso che probabilmente lunedì sarò ucciso dall’ISIS. Non so in che modo lavarmi visto che a casa mia manca l’acqua, ma non mi importa. 

Non ho idea di quello che accadrà domani e dopodomani. Non so se farò una buona impressione, se sarà tutto come ho immaginato, se ci saranno difficoltà. Non so cosa succederà. So solo che, finalmente, posso guardarmi intorno e dirmi “non mancano più tre anni, mancano tre ore”.

Ed è bellissimo.

Celtic Goddesses and Gods Part 2

Babd (Also Badhbh, Badb Catha)- A Gaelic Goddess of war, wisdom, death, and inspiration, she is the wife and sometimes granddaughter of Net, a war God. As an aspect of Morrigan, she is the Battle Raven, and her name means Scald-crow. She fills warriors with fury and helped defeat the Formorians in Ireland. Her father is Ernmas and her sisters are Macha, the Morrigu, and Anu. Her symbols are the cauldron, ravens, and crows.

Balor- He is a Sun God and king of the Formors, who were early giants, originally occupying Ireland. Son of Net and grandfather to Lugh, he has a baleful eye that, when opened, lays waste to his enemies. At the second Battle of Mag Tuired, Lugh puts out Balor’s evil eye with a sling-stone and kills him. 

Banba- An Irish Earth Goddess representing the sacred land, she is part of the triad of the three Goddesses of sovereignty that also includes Folta and Eriu. She is wife of MacCruill, and thought to be the first settler in Ireland. One of Ireland’s ancient names is “the island of Banba of the Women”. 

Belinus (Also Bel, Belanos, Belenus)- A God of life, truth, war, inspiration, and music. His mother is Corwenna and his brother Brennius. He represents fire of fire, and is said to have been buried in a golden urn in London. An active healing (dry heat) God, he drives away diseases. His symbols are the roadways, sun disc, a golden harp, and a golden curved sword and spear. 

Belisama- The Goddess of Fire and an aspect of Bridget, she is known as the “young Sun” and the “Sun maiden”. Her name means like unto flame or bright and shinning one. Her symbol is the rising Sun. 

Belisana- An aspect of Belisama with a similar appearance, but more earthly, she is a solar Goddess of healing, laughter and the forests. 

Blodenwedd (Also Blodewedd, Blodeuedd)- A sun and moon Goddess associated with the dawn and the May Queen, she is called “Flowerface” or “White Flower”. Created by Math and Gwydion from flowers, blossom, and nine elements, she is the most beautiful and the most treacherous Goddess and is associated with the Arthurian Guenevere. She is turned into a white owl by Gwydion. Her magickal symbols are he white owl, meadowsweet, oak, broom, primrose and cockle.

Borvo (Also Bormo, Bormanus)- A Celtic Apollo and a God of healing, he is also associated with wet heat, such as hot springs and mineral waters. He represents the elements of fire and water, and is God of unseen or concealed truth and inspiration through dreams. His symbols are a flute, a golden harp, a golden sword or spear, hot springs, and the sun disc. 

Brigantia- A powerful Celtic Briton nature Goddess of water and pastoral activities with distinct similarities to the Irish Sun Goddess Bridgit, her name is an ancient name for the rivers and the curves of the countryside. She us a titular Goddess of the Brigantes in Yorkshire.  

(Source: Exploring Celtic Druidism Ancient Magick and Rituals for Personal Empowerment by Sirona Knight)

Capita anche a voi di ricordare improvvisamente dal nulla una cosa imbarazzante che avevate rimosso e rivivere la figura di merda?

Perché io stavo facendo tutt’altro e all’improvviso mi sono ricordata:

  1. di quando da piccola al buffet di un matrimonio mi lasciai cadere a pera cotta su una poltrona che fece un rumore molto simile a un enorme peto e io dall’imbarazzo divenni viola così tutto il mondo si convinse che ero stata effettivamente io (e per ore mi accompagnò la frustrazione di non aver esclamato in mezzo a tutti i presenti qualcosa tipo: GUARDATE CHE È QUESTA STUPIDA POLTRONA CHE SCOREGGIA!) (anche se da piccola non avrei detto “scoreggia”)
  2. di una volta che io e l’Uomo stavamo chattando su facebook e nel mentre c’era anche una chat di gruppo attiva che includeva entrambi più una folta schiera di amici, e siccome l’ultimo che ci aveva scritto dentro era stato proprio lui io vedevo solo il suo nome in entrambe le chat; questo per dire che feci sapere in modo piuttosto succinto a una quindicina di persone che avevo casa libera e una cospicua voglia di chiavare.

Grazie cervello per ripropormi sempre la crème de la crème.

5

Volpe artica

La volpe artica si trova nelle zone polari e subpolari. La loro pelliccia folta le aiuta a riscaldarsi anche quando la temperatura scende fino a -70°C. Queste volpi hanno muso e gambe relativamente piccoli, che le aiutano a trattenere il calore e a mantenere una posizione stabile.

Le domande esistenziali: “Chi siamo?”, “Dove andiamo?” e “Perché cazzo vi rasate i lati della testa?”.

Ho questa ragazza seduta davanti a me. Una massa di capelli voluminosa, miliardi e miliardi di bulbi attaccati l'uno all’altro da sembrare folta quanto un cincillà, color castano addolcito dal miele tendente al rossastro corteccia viva staccata dall’albero con un coltellino in osso del Passo dello Stelvio.
Ecco che compare il segno distintivo di quest’epoca. Alza la matassa per infilare le cuffiette e sta lì, la rasata al lato.
Il titolo l’avevo scritto mesi fa, quando mi rifiutavo di capire. Poi oggi mi sono tornati in mente vecchi particolari, attraverso fotografie che non vedevo da troppo tempo e mai avrei dovuto rivedere.
È inutile criticare questa moda contemporanea quando in un cassetto a casa di tua madre nascondi delle testimonianze che ti ritraggono nei primi anni 90 con un codino lungo più di venti centimetri a penzolarti dalla nuca fin dietro la schiena. Noi avevamo quello. Avevamo Baggio che ci insegnava lo stile. Quindi dall’alto di cosa uno si può permettere di sentirsi disturbato?
Passeranno gli anni, come sono passati per me, e in un futuro non molto lontano guarderanno fotografie digitali con la stessa reazione che ho avuto io guardando le mie.
1. Ma come cazzo andavo in giro?
2. Ma non mi vergognavo?
3. Ma perché i miei genitori non mi hanno fermato?
Finirà così, chiudendo l’album oppure cancellando la cartella.
Non cambierà nulla, proveremo lo stesso tipo di vergogna.
Solo una cosa è differente.
Io, quando ho deciso di smetterla col codino, l’ho tagliato e messo nella smemoranda dell’anno scolastico in corso, come monito per il me stesso futuro, a non ripetere gli errori del passato. Ogni tanto, dalla scatola in cantina nella quale è contenuto, lo puoi sentire ancora distintamente urlare “Vai avanti! Non ti voltare! Non tornare mai indietro!”
E seguirò il tuo consiglio, amico mio.
Mi dispiace solo per la ragazza con i lati rasati perché questo continuo tagliare e tagliare non le farà conservare nulla.
Come puoi vivere una vita normale senza avere un pezzo di te in una scatola nascosta in cantina?
Per ricordarsi di essere migliori ma soprattutto, quando un giorno starò per morire, per dire agli scienziati “Clonatemi da qui, colui che ne nascerà avrà già sofferto tanto e pagato per i suoi errori”.

I

Sull'onda calma e nera dove le stelle dormono
Fluttua la bianca Ofelia come un gran giglio, fluttua
Lentissima, distesa sopra i suoi lunghi veli…
- S'odono da lontano, nei boschi, hallalì.

Da mille anni e più la dolorosa Ofelia
Passa, fantasma bianco, sul lungo fiume nero;
Da mille anni e più la sua dolce follia
Mormora una romanza al vento della sera.

La brezza le bacia il seno e distende a corolla
Gli ampi veli, dolcemente cullati dalle acque;
Le piange sull'omero il brivido dei salici,
S'inclinano sulla fronte sognante le giuncaie.

Sgualcite, le ninfee le sospirano intorno;
Ella ridesta a volte, nell'ontano che dorme,
Un nido, da cui sfrùscia un batter d'ali:
- Un canto misterioso scende dagli astri d'oro.

II

Pallida Ofelia! Come neve bella!
In verde età moristi, trascinata da un fiume!
- Calati dai grandi monti di Norvegia, i venti
Ti avevano parlato di un'aspra libertà;

Poi che un soffio, attorcendoti la chioma folta,
All'animo sognante recava strane voci;
E il tuo cuore ascoltava la Natura cantare
Nei sospiri della notte, nei lamenti dell'albero;

Poi che il grido dei mari dementi, immenso rantolo,
Frantumava il tuo seno, fanciulla, umano troppo, e dolce;
Poi che un mattino d'aprile, un bel cavaliere pallido
Sedette, taciturno e folle, ai tuoi ginocchi!

Cielo! Libertà! Amore! Sogno, povera Folle!
Là ti scioglievi come neve al fuoco:
Le tue grandi visioni ti facevano muta
- E il tremendo Infinito atterrì il tuo sguardo azzurro!

III

- E il Poeta racconta che al raggio delle stelle
Vieni, la notte, a prendere i fiori che cogliesti,
E che ha visto sull'acqua, stesa nei lunghi veli,
Fluttuare bianca come un gran giglio Ofelia.

—  Arthur Rimbaud