folta

youtube

Monsanto’s current efforts to recruit public university scientists are not about communicating science, but to manipulate public opinion just like the tobacco industry

Kevin Folta was revealed by Freedom of Information requests to have accepted $25,000 from Monsanto, even though he had repeatedly denied having any Monsanto funding.

As of last year, Monsanto was listed as a “gold” donor to the University of Florida, meaning the company had donated more than $1 million. Several major agricultural biotech companies are major donors, as shown below. A “diamond” donor has given more than $10 million. Dr. Folta has lied and said this money did not directly support his work.

Monsanto and its industry partners have also passed out an undisclosed amount in special grants to scientists like Kevin Folta, the chairman of the horticultural sciences department at the University of Florida, to help with “biotechnology outreach” and to travel around the country to defend genetically modified foods.

“I am grateful for this opportunity and promise a solid return on the investment,” Folta wrote after receiving the $25,000 check, thereby showing both a clear understanding of his role and the purpose of the money. The article goes on to similarly expose Bruce Chassy (Prof Emeritus, University of Illinois) and David Shaw (Mississippi State University). It also discussses, presumably for “balance”, agronomist and GMO critic Charles Benbrook, then at Washington State University, who unlike the others openly acknowledged his funding.

Monsanto: Looking for a Few Educated Whores

12

Se ci pensate i capelli e la barba e le unghie sono solo una disgustosa dimostrazione passiva di come ci piace andare in giro lasciando penzolare una serie di cellule morte dal nostro corpo. Ma questo lo dico solo perché sto perdendo i capelli, ho una barba poco folta e mi mangio le unghie.

Dire che mi manca tutto di te è molto riduttivo. Andrò per ordine. Mi manca guardare la tua folta chioma che ondeggia e che si avvicina a me e a me soltanto. Mi mancano i tuoi occhi seri, i tuoi sguardi carichi di parole. Mi manca la tua parlata strana, ma solo tua. Mi mancano le nostre labbra che si cercano, mi mancano le nostre lingue che si toccano. Ma soprattutto mi mancano i tuoi sorrisi di stupore, quelli di un bambino, dopo un bacio e il tuo baciarmi mentre ti sorrido di rimando. Mi manchi come il respiro, ti giuro. Non sono mai stata più insicura in una relazione in vita mia, e tuttavia non sono mai stata più sicura di ciò che voglio. Mi dispiace dirtelo così, ma voglio te. E non posso più fare a meno di te. Lo sai già probabilmente, mi hai fatta innamorare, e io non me lo aspettavo. Come cazzo hai fatto in così poco tempo? Come faccio a volere solo te mentre tu nemmeno mi pensi? Perché è successo tutto questo. Perché? Non riesco a spiegarmelo. Vorrei che fosse solo un brutto sogno. Perchè hai dovuto mettere in discussione la nostra storia che era così bella? Perchè ho smesso di piacerti? PERCHÉ?! E SE NON TI PIACCIO PIÙ ALLORA PERCHÉ NON MI LASCI ANDARE? MA SOPRATTUTTO, PERCHÈ IO NON RIESCO A LASCIARTI ANDARE?! CHE CAZZO HO CHE NON VA!! Scusami, non lo faccio più, ma sto veramente male. É assurdo no? Io che sto male e tu che nemmeno mi pensi. Ecco come devono sentirsi le mie amiche, quando vanno dietro a qualcuno che non se le fila per niente. Io le prendo in giro, perchè mica hanno avuto una relazione col soggetto in questione. Ma sono una cogliona, ora sono nella loro situazione. Non prendermi per pazza. A proposito, come stai? Ti prego, non dirmi che hai cambiato il mio nome sul tuo telefono, ci tenevi così tanto. Per me sei il solito testa d'alghe, anche se più volte ho avuto ed hanno avuto la tentazione di cambiarlo in testa di cazzo. Probabilmente lo sei, probabilmente lo siamo entrambi. Non avrei mai voluto che accadesse tutto ciò. Ti ricordi quando tuo nonno mi ha chiamata ‘la tua pupa’? Lo sono ancora? Io voglio esserlo. Ma io e te siamo uguali no? Pieni si orgoglio, come degli scemi. Avevamo dei piani, costruivamo castelli di carta sulle nuvole. Ti ricordi quando mi hai fatto promettere che certi viaggi li avremmo fatti insieme? Ti ricordi quante foto a tradimento ti ho fatto? E le promesse di restare insieme qualunque cosa accadrà? E il non perderci? Che cosa ci è successo? Io voglio una spiegazione a tutto questo dolore. Tu dovevi restarmi accanto.
Tacconi: "Allenatore? Non ho le cratteristiche umane, manderei tutti a quel paese. Platini dimostrerà di essere un uomo onesto"

Tacconi: “Allenatore? Non ho le cratteristiche umane, manderei tutti a quel paese. Platini dimostrerà di essere un uomo onesto”

External image
http://video.corriere.it/video-embed/0558bb68-d058-11e5-b46f-b6e34893b4a5

Stefano Tacconi, ex portiere della Juventus, intervistato da Corriere Tv parla della sua carriera: “Quella Juve ha preso anche qualche batosta, c’era un piccolino che tirava…Penso mi abbia fatto due gol ed uno su autorete. Era talmente vicino, a barriera era folta, nel frattempo che cercavo la palla, ciao, ha tirato. Con…

View On WordPress