federica maneli photo

Dove sei? Che stai facendo?
Io ti penso, e magari non sono abbastanza ubriaca da chiamarti e dirti che cavolo, mi manchi.. non troppo, giusto quanto basta a farmi sclerare in questa strada vuota e buia, dove vorrei ci fossi tu, stasera, tra le mie braccia, tutta la notte, tutta la vita, fin quando Dio ce lo permetterà, fin quando non moriremo, perlomeno assieme. Che dici? Sotto i miei baci, tra le mie mani, morire, ti va? Farsi male, odiarsi, stasera, ti va?

A Mergellina puoi vedere uno degli spettacoli più belli al mondo: la distesa d’acqua blu sceglie di farti un regalo; le onde a un certo punto si schiantano contro gli scogli lisci e bianchi ma pieni delle scritte di poeti anonimi.
Con il cielo caldo di Napoli che fa da sfondo, le gocce d’acqua — schiantatesi — si dissolvono nell’aria lasciando una scia diamantata che ti lascia perplesso.
Non stai sognando, è tutto vero.
E se senti la dolce melodia di un pianoforte non temere, non sei pazzo, perché a Napoli, il mare suona per te.

(Federica Maneli)

Il Gioco

Levt ‘o sfizij
amami p’ n’ora e vattenne ‘a copp’a pelle,
Ca io chest’ song’, ‘o desiderio ‘e nu mument’
E che fa si me vase sta vocca e me tuocche ‘e capille,
stringneme chiù forte n’copp’ ‘o piett’
si respir t sent’
ricm ca song’ bella
ricm “tu si ‘a mij” e vattenne
Vattenne ‘a copp’o core
Pecchè pe te
nun song’ niente

(Federica Maneli)

Pozzuoli, 31/03/15 
Un uomo si ferma a guardare le barchette ondeggiare con eleganza sull’acqua, mentre il canto dei gabbiani si espande nel cielo. La pacca sulla spalla di un amico lo fa tornare alla realtà.
«È bellissimo, vero?» gli chiede.
L’uomo non si volta, piange.
«Quasi quanto lo era lei» sussurra.

(Federica Maneli)