fattas

itsmarti02  asked:

Se ti è mai capitato di non riuscire inizialmente a dimenticare una persona anche se sapevi che avresti dovuto farlo, ma poi ce l'hai fatta, ti prego dammi un consiglio perché questa cosa mi sta distruggendo.

Non capisco dove sia il problema. Se sei riuscita a dimenticare una persona, e quello era il tuo intento non vedo perché dovresti starci male. Comunque vivi la vita e dimentica chi ti ha ferita. 😊

surfer-osa ha risposto al tuo post : Da queste parti gira un detto: ‘La legna che fai…

@kon-igi queste operazioni noi le abbiamo fatte a fine luglio, con il coefficiente di bestemmia a +1000 causa caldo torrido (però qua inizia a fare freddo presto indi per cui la scorta va fatta prima possibile)

Ho smesso di fare la legna perché per la mia salute mentale e fisica è più economica la fornitura a domicilio di un boscaiolo professionista (quale io non sono).

Boscaiolo professionista che latita da più di un mese e quindi mi sono dovuto attrezzare in autonomia per far fronte perlomeno ai prossimi giorni di freddo.

Vi devo per forza raccontare una cosa ahahahah un po me ne vergogno ma chi se ne frega. Allora….
Appena arrivato in piscina mi metto il costume e mi accorgo di avere la mano un po sporca sul palmo, quindi decido di andare in bagno a lavarmi le mani. Vado lì e mi accorgo che manca il sapone…. ma vedo sta cazzo di stecchetta di lato al lavandino. Ora…. non so come cazzo mi è venuto in mente che quella stecchetta fosse fatta di sapone ahahahah
Quindi mi bagno le mani e come un dannato mi metto a smanettare la stecchetta cercando di insaponarmi le mani ahahaha
Dopo un minuto arrivo alla conclusione che quella è solo plastica e serve per appendere il rotolo per asciugarsi le mani.

Stare con me è difficile, lo so e l’ho sempre saputo.
Sono una di quelle che vive di piccoli gesti e di attenzioni.
Un fiore, qualche bella parola, una cena fuori, una canzone, una porta tenuta aperta per farmi passare per prima, uno sguardo ogni tanto.
Sono una di quelle che danno peso alle parole. A quali vengono scelte, come vengono dette, al tono di voce. E le parole, quelle che segnano, devi dirle bene. Devi dimostrarle bene.
Sono una di quelle che non si accontenta, mai. Non mi accontento di un amore mediocre, di una relazione mediocre, di un uomo mediocre.
Sono una di quelle che ama la propria libertà, e proprio perchè la amo mi rifiuto di metterla da parte per il primo che promette amore eterno. Che poi si sa, le parole se le porta via il vento.
Sono una di quelle che è capace di mettersi a ballare senza musica sotto la pioggia, solo per sentirsi un po’ più viva, un po’ più libera, un po’ più selvaggia.
Sono una di quelle che se c’è una strada dritta, spianata, distesa sceglie quella più tortuosa, più diroccata e insidiosa, ma che in un modo o nell’altro arriva alla meta.
Sono una di quelle che non rimane indifferente o zitta se una cosa non le sta bene. No. Io sono una di quelle che sbatte pugni contro il muro, che si incazza e bestemmia contro il cielo per farsi sentire.
Sono una di quelle che non tieni in un angolo, perchè se voglio stare in disparte mi ci metto da sola.
Sono una di quelle che non sceglie chi giura amore o chi ostenta affetto in pubblico, ma che sceglie quelli con l’anima in fiamme, delusi e feriti e che per strappargli uno sguardo amorevole devi pregare, perchè se scegli loro stai sicura che ti distruggeranno, ma ti ameranno davvero.
Sono una di quelle che fa ciò che vuole, come vuole, con chi vuole, anche pentendosene ma lo fa perchè in quel momento vuole così.
Sono una di quelle che indossa un sorriso e la sua armatura e non la vedi crollare manco se ti impegni, anche se poi magari crollo a casa da sola.
Sono una di quelle che passa le nottate sveglia, perchè la notte è per persone vere.
Sono una di quelle che vede e sente tutto, ma che non lo dà a vedere per poi colpirti e farti male quando vuole.
Sono una di quelle che incassa colpi su colpi ma non cade, e se cade si rialzerà sempre una volta in più. Perchè mi è stato insegnato così: toccare il fondo per avere più spinta.
Sono una montagna russa, io.
E voi preferite le giostre a cavalli.
—  Andrea Nicole
Mi dispiace, purtroppo sono una di quelle persone che se viene ferita non perdona facilmente e a volte non perdona per niente.
—  ibattitidelcuore
Ho sempre creduto nel destino, ma ho anche sempre creduto nelle mie scelte. Ho preso una decisione e ne pagherò le conseguenze.
Incontrarti è stato come trovare un motivo per continuare ad andare avanti. Ogni volta che pensavo di non farcela immaginavo di averti lì di fianco, a guardarmi, a credere in me. Ed incredibilmente alla fine, riuscivo a farcela.
—  ilragazzodalsorrisomaledetto
Cosa credi? Che voglia stare sola? Ma sono fatta così, non riesco ad avvicinarmi veramente a nessuno. È un dato di fatto. È come se mi mancasse quella parte d'anima che ci incastra negli altri, come nei Lego. Che si unisce veramente a qualcun altro. Alla fine tutto cade a pezzi. Famiglia, amici. Non resta più niente.
—  David Grossman
Alla fine io sono fatto così: mi esalto per poco e mi deprimo per nulla. E’ che ho bisogno di conferme e di certezze costanti, dalle persone a cui tengo. E mi intristisco quando ciò non accade, quando mi sento messo in disparte, quando qualcuno preferisce qualcun altro a me.
—  Assenzadiemozioni. ( assenzadiemozioni )
Scusa mi piacevano le parole. Se ti da fastidio elimino.
Hai sempre pensato di non farcela, giusto? Ma pensaci bene. Ne hai passate di tutti i colori, hai sofferto molto e ogni volta che credevi di non andare avanti, qualcosa ti ha spinta ad alzarti in piedi e a continuare. Forse un po’ a pezzi, forse più debole; ma guardati, sei qui ora.
Cel'hai fatta. E ce la farai sempre, anche quando penserai che di alzarti in piedi non ne avrai più le forze.
Ti rialzerai, sempre.

Io non ho mai saputo tenere le persone.
Non ho neanche mai saputo amare come si deve.
Non so voler bene.
Ma se entri nel mio cuore, non ne esci più, te lo posso giurare. Posso non vederti o sentirti per anni ma ci sarà sempre una sera in cui ripenserò a te. Non dimentico mai chi mi ha passeggiato nel cuore, fosse per qualche ora o una vita intera.
Non so restare, ma tu rimani.