fascistic architecture

3

Stefano Canto

Monumento to Theo van Doesburg

“…Monument to Theo Van Doesburg is an ongoing project by artist Stefano Canto based on historical research into an exemplary fascist monument. The work has developed in collaboration with art critic and curator Mike Watson. Conceived as an ongoing discussion on themes of space, time and modernist representation, the project calls for a consideration of the possibilities offered to critical thinking by architecture in its materiality.
Following the exhibition of a series of photographs, drawings and models for the project, the artist envisages presenting a full scale copy of the obelisk of Mussolini in 2016, disassembled into its components and laid horizontally in a public space in Rome.

…In effectively dismantling the Obelisk of Mussolini and showing its raw component parts, Stefano Canto’s Monument to Theo Van Doesberg (2015) invites the viewer to reconsider the modernist aesthetic stripped of its political connotations and returned to a reflection on fragmented time and space in keeping with the research of the De Stijl movement which strongly influenced the architecture of the early Fascist period…”

stefanocanto.com

(I’ve seen some discussion about fascist architecture on here, a difficult subject, interesting to see an artist working on this topic..)

La Casa del Fascio di Reggio Calabria è un Esempio di architettura razionalista, inaugurata nel 1936. Durante il fascismo le Casa del Fascio costituiva il centro politico, culturale e sociale reggino; nello stesso edificio era infatti ospitata la Caserma dei Fasci Giovanili di Reggio Calabria, dedicata a Luigi Razza, ex ministro del governo Mussolini. I locali interni erano riccamente decorati con bassorilievi, e sul tetto dell'edificio era presente una balconata; il 31 marzo 1939 da tale balconata Benito Mussolini, giunto a Reggio Calabria pronunciò un discorso alla popolazione che gremiva Piazza del Popolo:

« Camicie Nere, voi mi avete atteso per 16 anni dando prova di quella discrezione che è un segno distintivo dei popoli di antica civiltà quali voi siete. In questi 2 giorni io ho assaggiato la tempra di questo popolo. È una tempra di buon metallo, di un metallo col quale si fanno le vanghe e le spade, gli aratri e i moschetti. Per la vostra organizzazione, per il vostro stile, per il vostro ardore, voi siete in linea con tutte le province d'Italia…“

7

Fascist Architecture 

Fascist architecture is a style of architecture developed by architects of fascist societies in the early 20th century. The style gained popularity in the late 1920s with the rise of modernism along with the nationalism associated with fascist governments in western Europe. The style resembles that of ancient Rome. However, the fascist-era buildings lack ostentatious design, and were constructed with symmetry, simplicity, and a general lack of ornateness. Both Benito Mussolini and Adolf Hitler utilized the new style of architecture as one of many ways to unify the citizens of their nations and attempt to mark a new era of nationalist culture, and to exhibit the absolute rule of the nation.

Projects identified from the top:

  • Le Palazzo dei Congressi (EUR, Rome) 
  •  Palazzo della Civiltà del Lavoro (EUR, Rome)
  • The Zeppelinfield Arena (Nuremberg)
  • Prora Holiday Resort (Rugen)
  • The New Reich Chancellery (Berlin)
  • Olympic Stadium (Berlin)
  • World Capital Germania

The 14 Points of Fascism

  1. Powerful and Continuing Nationalism
    Fascist regimes tend to make constant use of patriotic mottos, slogans, symbols, songs, and other paraphernalia. Flags are seen everywhere, as are flag symbols on clothing and in public displays.
  2. Disdain for the Recognition of Human Rights
    Because of fear of enemies and the need for security, the people in fascist regimes are persuaded that human rights can be ignored in certain cases because of “need.” The people tend to look the other way or even approve of torture, summary executions, assassinations, long incarcerations of prisoners, etc.
  3. Identification of Enemies/Scapegoats as a Unifying Cause
    The people are rallied into a unifying patriotic frenzy over the need to eliminate a perceived common threat or foe: racial, ethnic or religious minorities; liberals; communists; socialists, terrorists, etc.
  4. Supremacy of the Military
    Even when there are widespread domestic problems, the military is given a disproportionate amount of government funding, and the domestic agenda is neglected. Soldiers and military service are glamorized.
  5. Rampant Sexism
    The governments of fascist nations tend to be almost exclusively male-dominated. Under fascist regimes, traditional gender roles are made more rigid. Opposition to abortion is high, as is homophobia and anti-gay legislation and national policy.
  6. Controlled Mass Media
    Sometimes the media is directly controlled by the government, but in other cases, the media is indirectly controlled by government regulation, or sympathetic media spokespeople and executives. Censorship, especially in war time, is very common.
  7. Obsession with National Security
    Fear is used as a motivational tool by the government over the masses.
  8. Religion and Government are Intertwined
    Governments in fascist nations tend to use the most common religion in the nation as a tool to manipulate public opinion. Religious rhetoric and terminology is common from government leaders, even when the major tenets of the religion are diametrically opposed to the government’s policies or actions.
  9. Corporate Power is Protected
    The industrial and business aristocracy of a fascist nation often are the ones who put the government leaders into power, creating a mutually beneficial business/government relationship and power elite.
  10. Labor Power is Suppressed
    Because the organizing power of labor is the only real threat to a fascist government, labor unions are either eliminated entirely, or are severely suppressed.
  11. Disdain for Intellectuals and the Arts
    Fascist nations tend to promote and tolerate open hostility to higher education, and academia. It is not uncommon for professors and other academics to be censored or even arrested. Free expression in the arts is openly attacked, and governments often refuse to fund the arts.
  12. Obsession with Crime and Punishment
    Under fascist regimes, the police are given almost limitless power to enforce laws. The people are often willing to overlook police abuses and even forego civil liberties in the name of patriotism. There is often a national police force with virtually unlimited power in fascist nations.
  13. Rampant Cronyism and Corruption
    Fascist regimes almost always are governed by groups of friends and associates who appoint each other to government positions and use governmental power and authority to protect their friends from accountability. It is not uncommon in fascist regimes for national resources and even treasures to be appropriated or even outright stolen by government leaders.
  14. Fraudulent Elections
    Sometimes elections in fascist nations are a complete sham. Other times elections are manipulated by smear campaigns against or even assassination of opposition candidates, use of legislation to control voting numbers or political district boundaries, and manipulation of the media. Fascist nations also typically use their judiciaries to manipulate or control elections.

Those who cannot remember the past are condemned to repeat it.” ~ George Santayana (The Life of Reason, 1905)

Follow the Source Link for images sources and more information.

architettura e fascismo

In Italia durante gli anni del fascismo, nel campo dell'architettura, si svilupparono parallelamente due correnti artistiche diverse fra loro; da un lato l'architettura razionalista che rappresentava il movimento più moderno, in sintonia con le tendenze europee del funzionalismo. Sull'altro versante nell'intento di diffondere i propri ideali tra le masse e trasmettere quindi l'idea di grandezza del regime, il fascismo privilegierà le realizzazioni di edifici monumentali e con forte caratterizzazioni scenografiche.

Palazzo della Civiltà Italiana, EUR, Rome. Designed in 1937 for the 1942 World Fair by Italian architects Giovanni Guerrini, Ernesto Bruno La Padula  and Mario Romano. The exhibition was cancelled and construction of the building finished eventually in 1943.

Fascistic architecturePalazzo delle Poste - Napoli
La sua realizzazione avvenne nell’ambito dell’opera di risanamento del rione Carità e la sua costruzione durò dal 1928 al 1936, anno in cui venne inaugurato. I suoi progettisti furono gli architetti Giuseppe Vaccaro e Gino Franzi che si adeguarono alle esigenze “monumentali” e razionaliste del regime fascista. Per la costruzione dell’edificio vennero utilizzate lastre di marmo nere e bianche che, con grande precisione e maestria, si compongono assieme a i telai di acciaio degli infissi.

L'ex Palazzo Littorio è un edificio progettato da Giuseppe Samonà e Guido Viola. Edificato nel 1940, è riconoscibile dal proprio rivestimento in travertino e marmo di Carrara, dalla propria massa muraria e squadrata e dalla compattezza prismatica. La facciata è quasi piatta. L´edificio è semplice e prismatico scandito da pilastri verticali ma ricuciti tra loro da un lungo balcone orizzontale. Le decorazioni del palazzo Littorio riferite al regime, frasi mussoliniane, fasci littori, vennero tolte negli anni sessanta. Sull'edificio c'è un grande bassorilievo marmoreo allegorico del lavoro, anch'esso è un gioiello artistico scolpito dallo scultore messinese Antonio Bonfiglio. Su una parete in un angolo al piano terra dell'edificio è ancora oggi visibile un celebre motto fascista scritto in lettere di marmo: “OSARE DURARE VINCERE”.

“architecture of doom” is the phrase defining nazi neoclassicism which is at its stance polar to anti fascist monuments and architecture in eastern europe. trying to decontextualize and redefine the phrase ignores the impact fascism holds in history; including the scourge it created and the lives it is taking. 

defining structure built to oppose fascism as simply bleak, and then conflating it with the pursuits of nazism, completely undermines efforts to combat the ideological and material white supremacy nazism strengthened around the world. 

Il palazzo della Civiltà Italiana si trova a Roma nel quartiere dell'EUR. Progettato nel 1937 fu inaugurato, benché incompleto, nel 1940. La storia del Palazzo è legata strettamente a quella dell'EUR. Infatti, dopo l'assegnazione a Roma (da poco capitale di un impero) dell'Esposizione universale del 1942, il governo italiano volle cogliere l'occasione per celebrare in tale data il ventennale del regime fascista e per sviluppare, contemporaneamente, l'urbanizzazione della città lungo l'asse viario che portava al mare. Progetto di Giovanni Guerrini, Ernesto Lapadula e Mario Romano, ideatori di un palazzo di forma sostanzialmente cubica che presentava quattro facciate caratterizzate dalla presenza di archi, in ragione di 77 per facciata; nella successiva realizzazione pratica del progetto gli archi furono diminuiti a 54. Il palazzo sulle quattro testate riporta, scolpita sul travertino che lo ricopre, la dicitura in stampatello su tre righe:

«Un popolo di poeti di artisti di eroi / di santi di pensatori di scienziati / di navigatori di trasmigratori»


Angiolo Mazzoni del Grande 

Centrale termica e cabina apparati centrali sono opere di corredo alla stazione di Firenze Santa Maria Novella. Funzione della centrale termica era quella di bruciare il carbone per il riscaldamento dei locali della stazione e dei vagoni passeggeri, e doveva quindi comprendere locali con varie destinazioni d'uso. La struttura costruttiva è in cemento armato. La connotazione formale, con richiami e citazioni mutuati dalle esperienze futuriste e costruttiviste, si affida sostanzialmente alla aperta e immediata dichiarazione delle funzioni tecnologiche che si svolgono all'interno.

Angiolo Mazzoni del Grande (Bologna, 21 maggio 1894 – Roma, 28 settembre 1979),  ingegnere e architetto. Fu uno dei maggiori progettisti di edifici pubblici, stazioni ed edifici ferroviari e postali della prima metà del XX secolo. L'ostinata, pubblica adesione al fascismo da parte di Mazzoni (non rinnegata neanche dopo la seconda guerra mondiale, a costo di esiliarsi volontariamente in Colombia dal dopoguerra sino al 1963) ha reso problematico per lunghi decenni, nell'ambito della critica architettonica italiana, il pieno riconoscimento tecnico ed artistico dovuto ad un autore di primissima importanza.

Il Palazzo Littorio, attualmente Palazzo delle Imposte è un interessante esempio di architettura del XX secolo situato a Montevarchi (Arezzo). La Casa del Fascio con la torre littoria venne realizzata tra il 1937 e il 1939. La costruzione è caratterizzata dalla presenza di un lungo loggiato a pilastri costruito nel 1874 dall'ingegnere comunale Morfeo Morfini, di un obelisco e di una tettoia in ghisa per il mercato dei polli. Del progetto del palazzo del Littorio era stato incaricato nel 1926 l'ing. Raffaello Maestrelli, con la previsione di un edificio che ospitasse il municipio, il Fascio ed altre istituzioni del regime. La parete semicircolare, che caratterizza la testata del palazzo, chiudeva la grande sala delle riunioni al primo piano, affrescata dal pittore Arrigo Dreoni con scene dell'epopea fascista. 

L'idrovora di Sassu

L'Idrovora di Sassu si inserisce nel quadro della bonifica di Arborea, un tempo Mussolinia di Sardegna. Inaugurata il 4 novembre 1934 alla presenza delle massime autorità fasciste dell'isola, si segnala per la sua altezza nel territorio piatto e per le forme moderniste e futuriste. L'edificio, dovuto all'ingegnere Flavio Scano, ha soluzioni decisamente innovative, proprie del Futurismo e del Razionalismo, ma collegate a riferimenti di matrice fascista. Il tema ricorrente è infatti il fascio littorio come elemento sia decorativo sia simbolico. 
I corpi di fabbrica asimmetrici presentano sia elementi curvilinei e meccanici sia elementi più regolari. Il parallelepipedo centrale, con finestre in lunghezza, unisce i due corpi laterali, che hanno forme a semicilindro percorse da lunghe semicolonne nella parte più alta e da aperture orizzontali in quella più bassa. La torretta d'ingresso alle linee elettriche ha una copertura che si protende a sbalzo, sulla quale si innalza un piccolo corpo quadrato con una serie di dentelli, che richiamano un trasformatore elettrico.