Sono le 3.03
e non riesco a dormire
senza di te,
chissà se
anche tu chiudi gli occhi
e vedi me,
chissà se.
Chissà se
dietro le palpebre
c'è ancora scritto
il mio nome sull'iride,
chissà che sia così
oppure mie fantasie ridicole,
chissà se hai immagini nitide
di quando ero lì per te,
chissà quanto ci metteró io
a rimuoverle.
—  cit. pioggia-di-parole ☂Michele Giorgi