falsita

Ho passato anni meravigliosi e anni in cui ho desiderato morire. Ho passato anni con persone che mi hanno promesso il mondo ma sono andate via e con altre che il mondo me l'hanno distrutto ma sono sempre rimaste. Ho trascorso anni con occhi troppo pieni di ingenuità, la stessa che poi negli anni si è trasformata in rabbia e delusione. Ho vissuto attimi che ho inciso nel cuore, ho incontrato il primo vero amore; è stata la prima volta in cui mi sono sentita viva davvero. Ho amato, ho odiato. Ho avuto paura di non farcela, ho bevuto fino alla nausea, ho pianto fino a stare male. Mi sono rialzata con ossa più sporgenti e il cuore più lento, ma l'ho fatto. Mi sono ritrovata sola con il mondo. Sono stata ingannata da chi mi teneva la mano, sono stata ferita da chi difendevo. Ed ora eccomi. Un nuovo traguardo, un altro anno. Non so cosa mi aspetti, ma stanotte ho deciso. Ricomincio da me, dalle tue parole, dalla nostra musica, da voi amiche mie. Stanotte ho deciso, voglio essere felice. Un buon compleanno a me, che riesco a rialzarmi ogni cazzo di volta con il sorriso che t'ha fatto innamorare, con il sorriso che fa stare bene chi amo.. con lo stesso sorriso che fa morire lentamente, chi da lontano, mi odia.

(l-amantedisatana)

Chiariamo subito una cosa, non sono ne cieca, ne sorda, ne muta.
Le cose le vedo, ciò che dici lo sento, e se sto zitta è perché non spreco aria per parlare con te. Perché mi hanno insegnato che ad abbassarti ai livelli di un'idiota, vince lui battendoti con l'esperienza.
— 

Proprio tu, che dovresti stare dalla mia parte mi volti le spalle come tutto il mondo.


-(via tu-io-noi-infinito)

“Non è il fisico che conta”, dicono, “piaci soprattutto per quello che hai dentro”. Sono queste le più grandi stronzate, perché certe persone davanti a un cervello e a un paio di tette, sceglieranno sempre le seconde.”
Eccomi qui.
Si ‘quella ragazza’, quella strana, quella a cui tutti hanno rinunciato, e ora anche tu hai rinunciato a me.
Anche tu come tutti gli altri hai preferito voltarmi le spalle invece di guardarmi negli occhi.
Tu non eri il mio grande amore, ma eri un'amica, la più grande.
E ora niente, non siamo più niente.
Una da una parte e una dall'altra.
Ma stammi bene, perché so cosa si prova quando si sta male.