faccia

L'importante, diceva, è abituarsi a una faccia: non la bellezza, ma l'abitudine. La bellezza in fondo che cos'è, una stupida questione geometrica, solo un incastro fortunato nel campionario di bocche, nasi e orecchie disponibili. Ma se una faccia hai imparato a conoscerla, e l'hai vista quando ha sonno, quando ha il raffreddore, quando è distrutta da una giornata nera, se ti sei abituato a quella faccia, allora hai superato la questione della bellezza, non sei d'accordo?
-Paolo Cognetti, Sofia si veste sempre di nero-

anonymous asked:

State aspettando tutte di essere "salvate" da qualcuno, ma perché non ve lo andate a cercare invece di stare ad aspettare e lamentarsi sempre? Fate qualcosa insomma, migliorate voi stesse e agite

AHAHAHAHAHAHAHAH Stai parlando con una femminista accanita. Non ho mai detto che deve essere l'uomo a fare il primo passo o che la donna sia sempre ben servita e coccolata. Non sto aspettando nessuno che mi salvi, sono abbastanza forte e coraggiosa da affrontare la mia vita con le mie uniche forze. Non ho bisogno di un ragazzo che faccia le cose al mio posto o che mi dica cosa devo fare. Essere salvata da cosa poi? Dalla vita? Non farmi ridere. Amo la vita, è un dono. Non mi serve un uomo per farmela amare. Sto iniziando ad apprezzare la solitudine, sto dedicando più tempo a me stessa e sto cercando di capire veramente la mia strada. E tutto questo lo sto facendo fottutamente da sola, con l'appoggio di persone che ci tengono a me e che NON sono il mio ragazzo. Non vado a cercare proprio nessuno. Magari un giorno arriverà il ragazzo fatto per me. Quella persona che mi consiglierà, che mi saprà apprezzare per quella che sono e che non vorrà altro che io sia felice. Magari un giorno arriverà il ragazzo per il quale farò di tutto per renderlo felice, per aiutarlo a raggiungere i suoi obiettivi e del quale potrò fidarmi ciecamente. Magari un giorno arriverà il ragazzo con il quale viaggerò per il mondo e che coccolerò dopo una giornata stressante. Ma mai nella vita vorrò un ragazzo che metta al primo posto me e non lui. Io e il mio ragazzo saremo al primo posto insieme, io penserò a me stessa e a lui e lui farà lo stesso. Tutti pronti a dire che noi donne vogliamo essere cercate e desiderate, vogliamo attenzioni e regali. Queste sono le idee che vi create voi. Noi donne vogliamo un uomo che ci ami e che ci rispetti, che ci aiuti a realizzarci nella vita e che non ci tratti da esseri inferiori.

IO NON HO BISOGNO DI ESSERE SALVATA, VOGLIO UNA PERSONA CON CUI CONDIVIDERE LA MIA VITA.

Qualche giorno fa dicevi che delle volte mi comporto come un uomo, in questa mia falsa anaffettività e noncuranza, la mia intolleranza verso i progetti futuri e le parole sdolcinate di troppo, che è difficile a volte capire quanto io ci tenga davvero, questo chiudermi dietro barriere e non lasciarmi andare in fretta. Come se effettivamente il fallimento di una relazione in crescendo fossi solo io. E adesso ripensandoci mi arrabbio, come quella volta in cui Luca mi disse che il problema vero era il mio essere troppo protettiva, che fossi sempre lì per lui, che fossi materna, come se, di nuovo, il vero problema non fosse anche lui o entrambi insieme. Come se tornando indietro e riprogrammando tutto come fosse un lavaggio per capi delicati, cambiando una parola, un messaggio, un’azione, alla fine non fosse poi lo stesso. Stamattina ci pensavo mentre a colazione mangiavo una torta con le mani, incurante della panna che mi si infilava sotto le unghie, ci pensavo mentre andavo in motorino sentendo il vento in faccia e non stavo più rigida, tesissima ad ogni curva ma mi piegavo come fossi un uccello, ci ho pensato mentre stavo seduta sott’acqua in piscina, ci ho pensato sotto il sole diritto a mezzogiorno. A che folle idea sia incolpare gli altri di una propria mancanza. 

So che sembro presuntuosa

Ma vi giuro che gli altri genitori sarebbero davvero orgogliosi di avere una figlia come me.

Non tutti, ovvio, ma diciamo che nella media un genitore desidera una figlia nella media, come me: studio tanto e porto a casa bei voti, in casa faccio il mio dovere, faccio attività fisica.

Semplice, lineare.

Tutti i genitori… Tranne mia madre.

Ecco, vedete, lei mi disprezza nel profondo. Non so, è come se riflettessi tutte le cose che più odia sulla faccia della terra. Un bel giorno (tutti i giorni) torna a casa con una qualche scusa per prendersela con me (e se non ha una scusa se la prende comunque con me).

E quando dico “se la prende” non intendo che non mi parla, o che mi ignora. No no. Magari.

Mi insulta. Mi dà della troia, dell'inutile, sono stata il più grande errore della sua vita. E ogni tanto mi mette pure le mani addosso.

Io sono il capro espiatorio.

Mia sorella la preferita.

Non è questione di invidia. Ma di praticità. Lei è un'inetta. Un'ameba egoista.

Io sono quella che fa di più. Quella che si sforza. E sapete come funziona a questo mondo, sono gli “onesti” che inspiegabilmente ci rimettono.

Se mia madre leggesse questo post si metterebbe a ridere in preda ad uno scatto di rabbia vulcanico. Correrebbe da me e prendendomi per i capelli, strattonandomi, urlerebbero che sono una cagna bastarda che non si merita niente, che posso andarmene da qui. Anzi, che devo.

Ma dove vado? Non ho nessuno.


(Questo blog si sta trasformando nelle cronache che nessuno vorrebbe sentire. Mi dispiace. Ma uno sfogo mi serve.)

comunque io dico solo una cosa, dopodiché non me ne frega più un cazzo.

ognuno qua su tumblr ha un blog e può fare il cazzo che gli pare, tant’è vero che esistono blog con roba che nella realtà uno si scandalizzerebbe molto facilmente a vederla. pertanto, vorrei ricordare a quelle povere persone prive di una vita vera di non rompere il cazzo sui contenuti del blog altrui, e di imparare a pensare alla propria cazzo di vita piuttosto che buttare merda su quella degli altri (tra l’altro in anonimo)

a me fa piacere che mi insultate, d’altra parte, perché significa che o mi invidiate, oppure la vostra vita è meno interessante della mia. in più perdete anche tempo, perché a me di voi non sbatte proprio un cazzo. ah, e imparate a metterci la faccia quando volete ribellarvi o dire le cose che vi urtano, perché senza un volto siete solo parole al vento. 

7

Do you remember the Shapeshifter AU?
Yes, we are still super into this hellhole ( ͡◉ ͜ʖ ͡◉)
More character [ HERE ] ❤