estivo

Sto per iniziare una relazione a distanza e...

Sto per iniziare una relazione a distanza e ho paura.
Non sto parlando di 10 km, come non sto parlando di 100 km, sto parlando di ben 324 km, di preciso. Effettivamente Milano - Pisa non è poco, sono più di 3 ore e mezza di macchina ed effettivamente non posso dire che i numeri non mi abbiano per nulla spaventata.
Ho paura di iniziare questa relazione, ma avevo paura anche quando un ragazzo abitava a 10 minuti da casa mia, è forse semplicemente una paura diversa.
Le cose di cui ho paura:
-Volerlo stringere e non potere farlo sempre
-Un indebolimento del nostro rapporto
-Mancanza di fiducia
-La paura stessa
Ma anche se la lista sembra infinita e i contro sembrano più dei pro so che posso farcela, perché era tanto che aspettavo un amore per cui sapevo che avrei lottato con i denti e le unghie. Questo amore è arrivato, con la stessa prepotenza di un temporale estivo, ma che al contrario di questo non sarà veloce. L’amore è vicino a me con il cuore e lontano da me fisicamente parlando, ma questo non lo sminuisce e di certo la mia convinzione in questo non è minore per nessuna ragione.
La paura è normale, forse sarà più difficile, ma voglio farcela e ce la farò.

A volte credo di essere diventato metallo o riposto nei sotterranei di qualche museo, o a
soffiare assorto le bolle di sapone nei parchi dell'est.
In quei momenti intensi e desolanti, tra la giacca ed il petto a fare da corazza s'insinuano i
lampi dei temporali estivi, sono quelle strade minute e tranquille, dove i negozi sembrano
d'altri tempi, dove la gente passeggia o cammina per andare al lavoro, quieta, parlando a
bassa voce e dove l'aroma del caffè si diffonde nel l'aria.
—  camminando s San Pietroburgo, scritto dall'autore, dal capitano e il suo Reverzo