erav

Ammettetelo: almeno una volta avete cantato sotto la doccia. Avete guardato una stella cadente ed espresso un desiderio. Avete camminato, per strada, davanti alla vostra cotta, supplicandola in silenzio di guardarvi. Avete pianto vedendo un film. Avete guardato voi stessi nello specchio, desiderando di essere diversi. Avete sorriso dicendo che stavate bene, quando non esisteva bugia più grande. Avete passato il tempo prima di dormire immaginando la vostra vita futura. Avete desiderato che qualcuno prendesse le vostre mani tra le sue per scaldarle. Avete avuto paura del domani. Avete detto di odiare le cose romantiche, per poi sciogliervi al primo gesto di quel tipo. Avete pianto e avete odiato quelle lacrime, perché erano causate da qualcosa che avrebbe dovuto rendervi felice. Avete deciso di mostrarvi forti, pur essendo deboli. Avete cercato il motivo di una brutta situazione senza trovarlo. Avete riso per un nonnulla, perché eravate di buonumore. Avete ballato come stupidi, ridendo di voi stessi. Avete deciso di cambiare e poi siete rimasti uguali. Ammettetelo, avete fatto tutte queste cose. Perché siete tutti esseri umani, e gli esseri umani cantano sotto la doccia, esprimono desideri silenziosi, sono segretamente sensibili. Siete tutti uniti, tutti simili in qualcosa. Ammettetelo, invece di pensare di essere tutti differenti. Ammettete che vorreste tanto qualcuno che vi capisse e non vi siete resi conto che ognuno di noi può capire il motivo per cui una persona sorride, anche se dentro piange. Ammettetelo, che non ci avevate mai pensato. Ammettetelo, che siamo più simili di quanto non pensavate, e che se faceste voi il primo passo verso qualcuno, anche quel qualcuno potrebbe aiutare voi.

wronghysteria on Ask.fm

Sapevi arrabbiarti con lui con una velocità quasi incredibile.
Ma nessuno dei due non riusciva a resistere per molto,perché un attimo dopo eravate lì con gli occhi di chi non si voleva perdere,e con il sorriso di chi si voleva veramente
—  @sognatricedistelle
Sapevi arrabbiarti con lui con una velocità incredibile. Ma nessuno dei due non riusciva a resistere per molto, perchè un attimo dopo eravate lì con gli occhi di chi non si voleva perdere, e con il sorriso di chi si voleva veramente.
—  sognatricedistelle
Ammettetelo: almeno una volta avete cantato sotto la doccia. Avete guardato una stella cadente ed espresso un desiderio. Avete camminato, per strada, davanti alla vostra cotta, supplicandola in silenzio di guardarvi. Avete pianto vedendo un film. Avete guardato voi stessi nello specchio, desiderando di essere diversi. Avete sorriso dicendo che stavate bene, quando non esisteva bugia più grande. Avete passato il tempo prima di dormire immaginando la vostra vita futura. Avete desiderato che qualcuno prendesse le vostre mani tra le sue per scaldarle. Avete avuto paura del domani. Avete detto di odiare le cose romantiche, per poi sciogliervi al primo gesto di quel tipo. Avete pianto e avete odiato quelle lacrime, perché erano causate da qualcosa che avrebbe dovuto rendervi felice. Avete deciso di mostrarvi forti, pur essendo deboli. Avete cercato il motivo di una brutta situazione senza trovarlo. Avete riso per un nonnulla, perché eravate di buonumore. Avete ballato come stupidi, ridendo di voi. Avete deciso di cambiare e poi siete rimasti sempre gli stessi. Ammettetelo, avete fatto tutte queste cose. Perché siete tutti esseri umani, e gli esseri umani cantano sotto la doccia, esprimono desideri silenziosi, sono segretamente sensibili. Siete tutti uniti, tutti simili in qualcosa. Ammettetelo che vorreste tanto qualcuno che vi capisse e non vi lasciasse soli. Ammettete le lacrime che avete sempre nascosto e ricominciate, perché ammettetelo, ricominciare è il sogno di tutti.
— 

Ilconfinediunattimo01

(frase scritta da me)

E poi c'è quella persona, quella che ti mancherá sempre. Quella persona a cui volevi un bene immenso in passato e adesso è solo un nome, un nome che ti scuote l'anima.
Per tutta la vita ripensarai a quello che eravate, ai momenti insieme e alle mille risate.
Ma, in quel momento, l'unica cosa che avrete in comune saranno i ricordi e le promesse mai mantenute.
—  bacibugiardi | Elisabetta Silvestri

N: E lα vostra band come vα?
L: E.. quella è finita! Così.
N: Mα come? Eravate così bravi. 
L: Beh! Bisogna cercare gente nuova. Ormai siαmo rimasti solo in due,io e Rocco. Eh sì,perché.. Cris,Vαle e Tony sono stati dimessi. 
N: Ma quando?
L: Credo che stiano andando viα proprio orα. 
N: E che stai facendo qui?
L: Beh,sono venuto α trovare te,no?
N: Devi andare a salutarli!
L: Non lo so,non mi piacciono i saluti. E poi devo pensare α chi restα e non α chi parte,no? Sαi sono arrivati due ragazzi nuovi che potrebbero essere il bello e il furbo. C'è anche uno più o meno dellα miα etα’ che potrebbe essere il leader se non ci fosse già un leader che poi sαrei io. 
N: Leo… 
L: Devo passare anche nel piαno delle rαgazze,devo vedere se c'è qualcuna..
N: Leo…
L: No,perché sαi sono arrivαte due carine. Guarda,come si dice.. dos è meglio che one,no? 
N: Leo…
L: Vedrai che tra poco torna tutto come prima,si ricominciα a fαr cαsino. No poi dopo dico che… 
*Scoppiα in lacrime*
N: Devi andare a salutarli!