eonis

Elli and Eonis
She’s not his mum. Elli stop being motherly. You’re sisterly. You’re a stranger. Stop.

Elli is so much bigger because I think of Eonis as a child..while she’s like…a young adult. IDK. I never really plan these height differences out, do I?

Anyway I managed to draw Q^Q
And they both look semi-decent. QAQ
Even if it’s a doodle of a scene that took forever.

*squeaks* yay!

I can’t seem to draw anything else though. But Eonis is..easier to draw. That helps a lot.

Finalmente sono in Paradiso, dopo anni a servire e a portare la parola del Signore e dopo una lunga malattia, ho capito che la mia fede non era insensata.
Sono un vecchio prete di una piccola parrocchia, e fin da piccolo ho sempre desiderato vedere il Paradiso.
Però… non è come me lo sono sempre immaginato, mi immaginavo nuvole candide e musica celestiale…

Invece qui è tutto di pietra, un enorme deserto di pietra. “Dove sono? Sono negli Inferi?’‘Mi domandai.

“Non è l’Inferno, è il Paradiso!” dice una voce profonda e gentile alle mie spalle.
Mi giro per vedere chi ha parlato, e vedo un vecchio, con un barba bianca e sporca. Il suo volto è stanco ed’emaciato e i suoi occhi hanno una strana luce… Chi è costui?

“Sono San Pietro, il custode delle chiavi del cancello, ti do il benvenuto, figliolo.”

San Pietro! Il primo papa. Sono felice di vederlo! Però non è come me lo aspettavo. Beh alla fine ognuno ha il diritto di essere diverso dall’ immaginazione.


“Vieni, ti porto a visitare il Paradiso con me”.

Il Santo si volta e incomincia a camminare. lo seguo senza indugiare.

Non ci vuole molto e siamo al cancello del Paradiso. Stranamente non è dorato o perlaceo come descritto nella Bibbia o nei quadri, ma è di ferro normale, anzi mi sembra anche arrugginito.

San Pietro prende un mazzo di chiavi dalla cintola e apre il cancello. Emette un rumore sinistro mentre le due inferriate si muovono. Entriamo.

“Bene, qui è dove starai per l’eternità”

Mi guardo intorno e ciò che vedo mi sconcerta. La terra è colma di esseri piccoli e deformi con ali quasi smembrate o marce.

“Cosa sono quelli?” chiedo.

“Angeli” mi risponde.

“Angeli? Ma non dovrebbero essere delle creature stupende e portatrici di luce?”

Sono troppo confuso e devo sapere. Il vecchio santo mi guarda con gli occhi pieni di compassione, ma quella strana luce non vuole andarsene.

“Gli angeli sono i feti abortiti o morti durante il parto. Bambini che non hanno avuto il tempo di avere una vita cristiana. Bambini che non hanno mai visto la luce della Terra. Questo è il loro vero aspetto.”


Mi avvicino a uno di questo “angeli” e appena sono a un passo da lui si mette a urlare e sbavare tirando bestemmie. Urla distorte che mi feriscono le orecchie. Indietreggio spaventato. Pietro si avvicina e schiaccia la testa all’angelo con il piede.

“Taci immondo abominio!” gli urla per poi girarsi verso di me. Ho paura, non è possibile che sia il Paradiso.

“Continuiamo il giro” mi dice mentre si incammina. Ho paura, ma sono molto più spaventato dai feti angelici, quindi mi muovo dietro di lui.

Più ci incamminiamo più il cielo, da limpido e azzuro, diventa rosso.

“Oh incomincia a piovere” dice la mia guida.

Piove anche in Paradiso? Non lo avrei mai detto. Guardo il cielo e una goccia mi colpisce in faccia, la asciugo e guardando le mie mani noto che non è acqua, ma un liquido rosso e denso, come… sangue!

“La pioggia in Paradiso sono le lacrime dei santi e dei martiri, che, a causa del loro dolore, delle torture, e dell’orrore che vedono nel mondo, piangono cercando di cavarsi gli occhi.”

Non riesco a dire niente e continuo a seguirlo.

Dopo pochi minuti smette di piovere, e ci ritroviamo vicino a una casetta povera e diroccata, dalla quale provengono urla di una donna. Urla strazianti.

“Quella è la casa di Maria vergine.”

“Ma perché urla così?” domando triste e stupito.

“E’ obbligata a partorire in continuazione fino a quando non ridarà alla luce un nuovo Messia. Fino ad’ora ha partorito solo mostri e creature blasfeme, nessuna degna del nome di Figlio di Dio.”

Cado in ginocchio, quelle urla riempiono il mio cuore di dolore e i miei occhi di lacrime. Non può essere, questo non è il Paradiso, è addirittura peggio di ogni inferno che io abbia mai immaginato.

“Voglio vedere Gesù…” sussurro.

“Come scusa?” mi chiede San Pietro.

“Voglio vedere Gesù!” urlo.

“Certo nessun problema, ma per vederlo dovrai ottenere l’aureola che dimostra che sei un trapassato.“

Il Santo fa un gesto con la mano e la mia testa incomincia a bruciare e dolere. Mi porto le mani alla fronte e vengono trafitte da spine. Urlo.

“L’aureola è il simbolo del dolore che provò Cristo sulla terra, un cerchio di fil spinato che ti farà sempre ricordare che si soffrè per ogni peccato, anche se non sei stato tu a commetterlo. Ora andiamo.”

Mi alzo a fatica, il sangue mi cola negli occhi, ma continuo a seguirlo.

Dopo un ora San Pietro si ferma.

“Eccolo, Gesù, il Salvatore. Si trova qui davanti ai tuoi occhi”

Alzo lo sguardo e lo vedo. Non voglio credere nemmeno a questo.
Gesù è ancora crocifisso, le sue ferite saguinano ancora, ma non è questa la parte più terribile, ma il fatto che dal suo corpo cadano brandelli di pelle e sia quasi marcito.
“Cristo… perché?”

Sentendomi il Messia si volta verso di me, mostrandomi il profilo nascosto, un profilo quasi inesistente. La pelle non c’era, più mostrava un cranio sfondato.

“Dimmi anima qual è la domanda? Cosa ti affligge?”

I miei occhi sono ricolmi di lacrime ma devi chiedergli il perché di tutto ciò.

“ Perché… perché dio ci fa tutto questo?”

“Dio?” mi risponde, “Ricordati che Dio era uno e uccidendo me avete ucciso lui. Dio è morto. Lui ora non esiste più.”

Sono passati eoni da quando sono qui. San Pietro mi ha ceduto il posto, o meglio, me lo sono preso.

Ecco vedo dei nuovi arrivi, mi dirigo verso di loro lasciandomi alle spalle il cancello del Paradiso.

Bang Si-Hyuk PD-nim who seems to get closer to us everyday.

Vice president Yu-Jung, managing director Shin-Gyu, and managing director Seok-Jun being our big support.

Hon-Minie hyung, team leader Ho-Beom, Se-Jinie hyung, Deok-Hwanie hyung, and Jung-Ilie hyung being with us and being our support.

Pdogg PD-nim, Do-Hyungie hyung and Supreme Boi hyung always makes good music for us.

Teacher Sung-Deuk makes the best choreography and Song-Hyunie hyung, Hyun-Ju noona always works hard, Son-Kyung noona, Big Hit’s mother Eun-Jung noona, axolotl2 Su-Rin noona, and flower Ha-Yan noona who can speak 4 languages.

Son-Jung noona who raised us, Busan’s girl Mi-Jung noona, Na-Ri noona who seems to ignore (us) but looks after us, and Seul-Lee noona always takes care of us.

And we will work together and get closer in the future, Hyun-Ji noona, Seul-Hee noona, Na-Yeob noona and Yeon-Hee noona.

Ju-Yeongie hyung, Chang-Wonie hyung and Bo-Seongie hyung works hard until late at night.

Management Support Team’s team leader Hyuk-Gi, general manager Jae-Hoon, Eun-Jung noona, Eun-Sangie hyung and managing director Lee Hyuk are always busy.

Ha-Cheong noona, Hye-Su noona, and Jae-Won noona must have been really tired, but they showed no tiredness and always worked hard.

Our one and only SoonSoo family members, chief Gang-Mi, chief Sang-Min, chief Geon Hyeong, team leader Eun-Hee, Bo-Hwa noona, Eun-Hwa noona, Ye-Ji noona, Ju-Yeon noona, Hyun-Ju noona, and every SoonSoo family members. 

Recently, BrotherSu hyung is really working hard helping me with composing songs.

My one and only family members, mother, father, older brother, Cloudie, Myung-Junie, Ja-Minie, Sung-Yu, Guk-Binie, Seo-Hyunie, uncle Gyeong Tae, uncle Jung-Eonie, big aunt Mi-Sukie (father’s younger brother’s wife), small aunt Mi-Sukie, uncle Gwang-Su, uncle Jung-Su, (maternal) grandmother and (paternal) grandmother.

My beloved members

Rap Mon hyung, Jin hyung, Suga hyung, Hobi hyung, Jiminie hyung and V hyung.

Lastly, the existence like BTS’ air, ARMYs.

I always feel sorry and grateful.

I love you.

SUGA; V; JIN; RAP MONSTER; JIMIN; J-HOPE

Trans: KIMMYYANG
Source