emma-watso

La Bella e Abbestia

A me de La Bella e la Bestia non è mai piaciuto granché.
Di tutto il cartone animato salvavo “Stia con noi” e il vestito giallo, e questo nonostante da piccola fossi il target perfetto per cui la Disney aveva pensato di creare una eroina diversa, super lettrice e pesciolino fuor d’acqua come me, ma anche desiderosa di buttarsi in qualche avventura fuori porta e abbastanza sveglia da saper guarare oltre le apparenze.
Proprio in quanto super lettrice e pesciolino fuor d’acqua, tuttavia, ho amato Hermione Granger fin dalla prima battuta sul soffitto della Sala Grande che non è vero, ma magico e lei lo sa perché “è scritto nel libro Storia di Hogwarts, io l’ho letto!”.
Insomma, come dice il mio ragazzo snob che se ne capisce di cinema mi sono fatta infinocchiare dal marketing Disney con molto piacere e alla venerabile età di ventitrè anni mi sono lasciata incantare dalla storia di Belle.
Intanto le canzoni, che ho canticchiato tutto il tempo insieme al resto della sala - età media: venticinque anni. Poi, Le Tont, personaggio assolutamente adorabile che verso la fine comincia a capire quanto è scemo quello per cui si è preso una sbandata e allora daje di acqua bollente sui paesani con l’aiuto di Mrs. Bric. Che poi tutti abbiamo bisogno di un’amica saggia che ci dica quanto è pessimo avere una cotta per uno che magari non lega il suocero ad un albero nella speranza che finisca sbranato dai lupi, ma ci fa sentire lo stesso sempre come se i fratelli di Mowgli stessero banchettando su di noi. Se poi l’amica è Emma Thompson siamo a cavallo.
Con i vestiti è stato amore dalla primissima scena, un tripudio di bianco interrotto solo dalla strega che porta giustizia e profondità di pensiero in un castello dove non si facevano i festini di Lele Mora soltanto perché la produzione è Disney.
Ho riso e tanto, e mi sono anche un po’ commossa perché ho il cuore di panna e gli happy ending secondo me sono una di quelle cose che rendono la vita degna di essere vissuta.
Sono stata contenta di esserci andata con mia mamma, che ha finito gli M&M’s e la CocaCola più o meno quando tutti stavano ancora cantando di quanto è strana Belle. A proposito, Belle è la Clinton delle principesse Disney: Aurora sarà anche emancipata come una ciabatta e la Sirenetta si fa abbindolare da una grassa signora che le ruba la voce, ma Belle è snob. Spaventosamente snob. A ventitré anni, e con tutto il mio amore per Hillary, posso anche giustificarla e trovarla adorabile quando va a dire al bibliotecario che i suoi libri sono una luce per quel posto pieno di stupidi dove vive e quando non fa altro che cantare di quanto gli altri siano davvero poco svegli. Però è snob, gente, è evidentente quando il principe le dice “Oh tesò ma tu vieni davvero da un posto di merda” e lei “AHAHAHA anche il tuo castello è desolante come il cervello del panettiere” ma in realtà sta pensando che ne ha trovato uno come lei, che può vivere ricca e felice per tutta la vita in un castello pieno di libri e riscuotere le tasse di tutti quelli che le borbottavano alle spalle. E forse imporre al fornaio di fare il pane con delle forme diverse perchè “è dal giorno che arrivai/ che non è cambiato mai”.
Poi, Gaston. Sinceramente me lo ricordavo peggio, ma le scene in cui la fa da padrone (quella in cui canta la versione francese di “Barbari” di Pochaontas e la solita canzone in cui ci ricorda dell’importanza di mangiare tante uova) sono magnifiche.
Infine: Gaston, Abbestia, mi dispiace ma quando ho visto Lumière trasformarsi in Ewan McGregor ho perso qualsiasi interesse per voi due. Il principe, però, può avere qualche possibilità se segue il saggio consiglio della fidanzata che è anche la morale della favola “con la barba siete tutti più belli”.

Bacini
Una bambina che ha finalmente capito Belle

“Ron, I thought the Aurors had destroyed all of these.“

“All but the one. If you need to see Fred one last time to heal your wounds, then take the Time Turner and go see him while you still have the chance. It’s scheduled for demolition tomorrow.“

“I don’t even know what to say.“

“You can thank me when you get back. Five turns should do it, I think.“

-

Ron and Hermione make use of the last Time Turner in existence.

This is probably one of my favorite movies of all time, not gonna lie. I grew up on Harry Potter, and I loved being able to go see the movies when they came out. Some of my best memories come from seeing the Harry Potter movies with friends at midnight releases. Plus it gave me one of my favorite characters in the series, Professor Remus Lupin.

youtube

BEAUTY AND THE BEAST Movie Clip - Meet Maestro Cadenza (2017) Emma Watso…

beauty is not long hair, skinny legs, tanned skin or perfect teeth. believe me. beauty is the face of who cried and now smiles, beauty is the scar on your knee since you fell when you were a kid, beauty is the circles when love doesn’t let you sleep, beauty is the expression on the face when the alarm rings in the morning, it’s the melted makeup when you have a shower, it’s the laughter when you make a joke you’re the only one who can understand, beauty is meeting his gaze and stopping understanding, beauty is your gaze when you see him,it’s when you cry for all your paranoia, beauty is the lines marked by time. beauty is what we feel in the inside which also shows outside us. beauty is the marks the life leaves on us, all the kicks and the caresses the memories leave us. beauty is letting yourself live.
—  Emma Watso
youtube

BY NIIIGHTANGEEEL