edificies

2

Marco Mantesso, Cervo, saldatura ad elettrodo, 50x70x100 cm, 2015.

L’artista è nato a Bassano, oggi vive presso la sua Osteria Mekkanika a Rosà. Già da bambino era affascinato da macerie, rovine, relitti di ogni genere e vecchi edifici abbandonati. Nel periodo delle scuole medie studia solo quello gli piace e scopre la gioia che gli dà il fuoco, così fa “esperimenti” bruciando quel che gli capita a portata di mano.

Oggi lavora come marmista e si dedica a comporre sculture con oggetti di uso quotidiano e colla. Un amico gli presta una saldatrice così abbandona colla e plastica e comincia a raccogliere senza sosta qualsiasi rifiuto ferroso : vecchie biciclette, marmitte, motori, paraurti, ecc. A questi oggetti, spesso abbandonati, dà nuova vita trasformandoli in qualsiasi cosa gli passi per la testa: insetti, cani, draghi, ecc.

www.osteriamekkanika.it

Quando scrivi così tante parole, ti ghettizzi e ti rinchiudi in un mondo fatto di codici e di stringhe che devi continuamente scomporre per arrivare alla sorgente. Ricorda, solo una buona chiave di lettura ti consentirà di uscire da quegli edifici concettuali.

Fatele le cazzate. Fatele adesso perché dopo non le potrete più fare. State fuori tutta la notte, scatenatevi in discoteca e vestitevi come cazzo vi pare. Ascoltate la vostra musica, incontratevi con gli amici e non pensate ad accontentare gli altri. Fatevi una canna al parco, comprate le sigarette, dateli quei baci che vi tenete sempre dentro. Fate i giochi con l'alcool, andate nei fastfood e entrate negli edifici abbandonati. Se volete fare una cosa, fatela e vivete ogni giorno come se fosse l'ultimo.

#fanculo

Odiavo il fatto che prima di me tu fossi stata di un altro, che non fossi più vergine, io per te non ero nemmeno la terza volta e forse neanche l’ultima.
«Ti amo perché quando sono sbronza, sei la prima persona a cui penso».
Io ero astemio, io, ero talmente innamorato che quando me lo dicevi pensavo:
«Sono anche la seconda vero?».
Volevo toccarti il cuore in ogni momento della giornata come il tuo reggiseno, proteggerti dai venti gelidi, non essere fragile come gli edifici abusivi ai piedi del Vesuvio, ma non ci riuscivo.
—  Fuori piove dentro pure, passo a prenderti?
flickr

Ispica - Particolari architettonici_002 da Salvatore Aiello
Tramite Flickr:
Queste sono immagini di edifici e particolari architettonici in stile barocco che sono inseriti nel tessuto urbano di alcune cittadine della Sicilia sud-occidentale: Modica, Scicli, Noto, Ragusa Ibla e Ispica.

-“Ti farò del male. ”
-“Impossibile. ”
-“Certo che è possibile, sai cos'è la dinamite?”
-“Si ma…cosa c'entra? ”
-“bene,la dinamite era stata inventata per aiutare i minatori a fare grandi fori in breve tempo, l'inventore ricevette anche il premio Nobel per questa invenzione”
-“non ti seguo…”
-“la gente, dopo aver conosciuto la dinamite per gli scavi la usò per assaltare carri, diligenze e edifici l'inventore, saputo ciò, si impiccò perché non poteva accettare di aver inventato una cosa cosi cattiva, mortale…il punto è che io, come la dinamite, sono buono, ma per via della gente posso essere anche mortale, per questo tendo a fidarmi poco della gente, non voglio ‘esplodere’ e lasciare un buco che non si riempirà mai più…”
—  {Il-ragazzo-perso-nella-sua-mente} citazione inventata da me, si prega di non togliere la fonte.