e scooters

Buon compleanno Papà ❤️

Mi ricordo quando ero piccola, quando volevo fare la mutatrice insieme a te, quando andavamo in giro noi due e pensavo “chissà se gli altri pensano che sono la sua fidanzata” e avevo 7 anni, quando mi prendevi in braccio e mi facevi girare, quando andavamo insieme a lavare la macchina e ascoltavamo Californication dei Red Hot Chili Peppers, e un'altra canzone che ora non ricordo! Mi ricordo quando mi prendevi in braccio sul camion e mi facevi guidare e quando venivo in piedi davanti allo scooter e mi facevi tenere il manubrio. Mi ricordo quando stavamo sul divano a guardare la tv e speravo ti dimenticassi che alle 21,30 dovevo andare a letto perché poi c'era scuola. Mi ricordo quando compivi gli anni e ti scrivevo sempre lettere lunghe o ti facevo dei disegni belli. Mi ricordo che mi piaceva sempre di più la pasta che mi facevi tu di quella che mi faceva la mamma, anche se magari l'aveva fatta lei e io non lo sapevo, dicevo che era più buona la tua. Mi ricordo la prima volta che mi hai vista fumare e ho buttato via la sigaretta e tu mi dissi “guarda che ti ho visto furba” e io preoccupata ti chiesi perché non ti fossi arrabbiato e tu con scioltezza mi dissi che avrei capito da sola il momento di smettere. Mi ricordo quando mi guardavi e senza bisogno di schiaffi o cattiverie io capivo dai tuoi occhi che avevo sbagliato. Mi ricordo quando tornavo a casa e ti nascondevi per la casa insieme alla Bia, e io vi cercavo, o quando mi nascondevo io per farti paura ma finiva sempre che facevi paura tu a me. Mi ricordo quando facevamo tutti i nostri gesti strani, quando ti mettevi a urlare per casa e fare il matto, quando alla mattina venivo a svegliarti solo perché guardavo “è domenica papà” e dovevo perforza correre a svegliarti perché lo dicevano li. Mi ricordo che mi hai delusa un sacco di volte, ma ho sempre fatto su i miei problemi e sono andata avanti, alla fine ho 17 anni e i miei problemi non sono importanti, sono contenta tu abbia capito che non è così, che anche io ho bisogno di te. Mi ricordo che ho sempre detto che eri il papà migliore del mondo, lo sei ancora e lo sarai sempre! So che non è un bel compleanno per te, ma io sono qui, ti voglio tanto bene, e te ne vorrò sempre! Buon Compleanno roccia! ❤️

L'italia che invecchia

Fino a qualche anno fa tra le protagoniste delle televendite c'era anche Mondialcasa, ti vendevano le pentole per la tua nuova famiglia, ti regalavano la mountain bike con cambio Shimano per un paese giovane, che poteva muoversi.. già poteva, ora vorrebbe, ma è anziano, ha la sua età, ha evidenti acciacchi,allora ha bisogno delle poltrone massaggianti, montascale, letti con schienale regolabile, docce e vasche con ingresso agevolato, scooter elettrici…e alle prime 100 telefonate regalano anche una bara in ottimo truciolato, che vista l'età fa sempre comodo

Sei.

Penso che dimenticarti sarà una delle cose più difficili della mia vita. Qualora avessi l’intenzione di farlo, dovrò fare i conti con tutto ciò che mi circonda, tutto ciò che sei.
Credimi, non sarà facile, tu sei veramente ovunque, qualsiasi cosa, ogni oggetto o ricordo che mi circonda.
Sei il lenzuolo scombinato nel letto, che proprio non sopporto, sei il mio letto, sei il pupazzo con cui dormo ogni notte, sei tutti i pupazzi che ho sulla libreria. Sei quel cerchietto con le orecchie di Minnie, che tutto è fuorchè innocente, sei tutti i libri che ho letto.
Sei una fotografia, sei una rosa rossa, ma anche una calla rosa. Sei il colore blu in tutte le sue sfumature, ma sei anche il rosa perchè proprio non ti piace.
Sei una Toyota Yaris blu e una Fiat 600 rossa, una musica da ballare, un volante tenuto tra il mignolo e l’anulare; sei il cellulare collegato alla radio, sei una canzone di cui non ascolto il finale, sei Ligabue, sei una cuffietta nel mio orecchio e una nel tuo mentre siamo in motorino, ma sei anche la mia musica scaricata solo per farmi piacere.
Sei il rossetto rosso che odi, sei il mascara che adori, sei il bagno e la cameretta messi a posto in 5 minuti, sei “Sto arrivando”, sei i miei ritardi, sei i miei 14 anni, ma anche i 15, i 16, i 17 e i 18.
Sei la mia innocenza e la mia malizia, sei il mio corpo, che conosci a memoria, soprattutto i miei fianchi, sei la mia mente, perchè conosci a memoria anche quella. Sei soprattutto i miei occhi, quando non ci vedo, quando ti blocchi a fissarli, sei le mie lacrime e i miei sorrisi, sei tutte le mie scarpe col tacco che odi perchè “fanno casino”.
Sei la tranquillità, sei i miei silenzi, sei un sabato sera sul divano con una coperta a guardare un film, sei tutti i film con Jennifer Aniston e tutti i film d’azione. Sei “Fast and furious” e “Danza Kuduro”. Sei un computer portatile o fisso, un tablet, un Nokia c2 02, un Nokia Lumia e un iPhone 4s; sei un cellulare che ho perso, sei i miei sabati sera passati ad ubriacarmi, sei una telefonata di troppo quando sono ubriaca e la predica del post-sbronza.
Sei la gelosia, sei il controsenso, sei la testardaggine, sei la tristezza e la felicità. Sei matematica, fisica, chimica e biologia, ma sei anche la letteratura italiana ripetuta come fosse una formula matematica. Sei il liceo classico contro il liceo scientifico, sei l’università che non farai mai, sei un 72 all’esame di maturità e un professore interno che fa lo stronzo con i suoi alunni. Sei saltare la scuola per venire da te.
Sei un “Ti amo” al Mc Donald’s, sei il mesiversario al Sushi Wok,sei tutti i piatti che ho imparato a cucinare, sei la pasta ingoiata senza masticarla, i pancakes alla nutella, la cotoletta di pollo e la sette veli al cioccolato bianco, ma sei anche un pezzo di rosticceria al volo prima di andare a casa tua.
Sei un gatto bianco e nero, ma anche un pastore tedesco o un “Marley”, come lo chiamavi tu, perchè Golden Retriver ti sembrava troppo scontato. Sei uno scooter nuovo e poi rubato, sei un centro commerciale vuoto perchè a te piaceva così, ma sei anche il mare in un sabato pomeriggio a primavera e una passeggiata in città d’inverno, sei una giornata nuvolosa estiva e una calda sera d’agosto. Sei il bagno a mare a Ferragosto e per la notte di San Lorenzo, quando si spera di vedere una stella per esprimere un desiderio.
Sei una divisa mimetica, un fucile, una pistola, un carro armato, sei la paura della guerra, sei la barba troppo corta ogni mattina e l’animo troppo triste tutti i giorni.
Sei fare l’amore in macchina, quando si pensa che non ci sia più nulla da fare, a casa mia, a casa tua, a casa degli amici, al mare, alle feste, perchè si sa che quella sarà l’ultima volta per troppo troppo tempo.
Sei la distanza, sei Capua, San Candido e Novara, ma anche Milano, Torino e Napoli. Sei il mio passato, il mio presente e il mio futuro.
Sei Andrea.
Sei la pazienza, la bontà, la correttezza, la timidezza e l’imbarazzo.
Sei una casa con un giardino e due cani, sei la piccola Alice, con gli occhi e i capelli castani e un vestito da principessa. Sei un bambino che rincorre un pallone in un campo troppo grande, una partita di Champions League, perchè “solo quello è il calcio vero e proprio oramai”.
Sei il mio buon senso, sei la parte migliore di me. Sei il mio migliore amico, il mio amante, il mio alter-ego, la mia famiglia, la mia casa, il mio ieri, il mio oggi e i miei domani.
Ma più di ogni altra cosa sei l’amore, il primo, l’unico, quello vero, quello pazzo e masochista, quello fuori di testa.
Per questo non ti potrò dimenticare mai.

1995

Che nostalgia mi è presa oggi per gli anni ‘90. E non è la nostalgia da subito youtube e MMMbop e Say you’ll be there (Festivalbar '97), ma proprio quella nostalgia di malinconia e teenage angst.

Nel mio primo cellulare potevo salvare solo 10 messaggi. Una volta una mia compagna di classe ne cancellò tre per scrivere delle cose tipo “Ti voglio bene e saremo amici per sempre”. Ovviamente l'ho esclusa dalla mia vita. Negli anni '90 era tutta un'attesa. Ricordo benissimo, come se fosse ora, che era tutto un aspettare le cose: la tua canzone alla radio, i film alla tele, le persone agli appuntamenti e aspettare il carrettino dell'uomo del ghiaccio, in quelle afose giornate estive, quando non avevamo la forza nemmeno di andare al pozzo a prendere l'acqua.

Negli anni '90 ricordo perfettamente che tutto era più semplice, soprattutto per noi che avevamo uno stile di vita nomade e andavamo sugli scooter a caccia di daini, celebrando il momento glorioso della morte dell'animale con dei dipinti rupestri sulle pareti delle grotte. Ricordo quando la cantante Madonna ebbe la sua prima figlia e la mia compagna di classe si mise a ridere: Eh eh eh, si chiama Lourdes. La figlia di Madonna si chiama Lourdes! Ovviamente l'ho esclusa dalla mia vita.

La sensazione vividissima che negli anni '90 tutto era possibile. I sogni erano fatti della stessa materia dei poster che attaccavi ai muri della cameretta. Quelli erano gli anni del primo viaggio sulla luna, dei paninari. di Alexia Presidente della Repubblica. Si viveva tranquilli, nonostante la moda tremenda delle treccine colorate nei capelli e degli svantaggi del feudalesimo.

Concluderei questa cronaca degli anni '90 con un aneddoto: Una volta la mia compagna di classe Mariagrazia mi colorò il crestino à la Tin Tin di blu col mascara per capelli e un ragazzo di un altra classe mi gridò dietro “Blues Brothers”.

Memories scolastici.

Un mio amico che non azzecca una parola d'inglese. MA MANCO UNA, giuro.
La madrelingua gli chiede “esci il sabato sera?”
Lui si gira verso di me e fa “Asse’ che ha detto?”
“Ti ha chiesto se esci il sabato sera”
“Ah, sì, come si dice sì?”
“Di’ yes, I deal drugs”.
E quindi praticamente lui ha risposto che spaccia droga ad una domanda sui suoi “passatempi”. La faccia della madrelingua non la dimenticherò mai, ahah.

E poi ricordo anche il “il sabato sera vai sullo scooter?” e il suo “sì, fuggo dalla polizia”. TUTTA OPERA MIA.

DALLA RAGIONE ALLO STORTO

Ho sempre detestato mio padre e mia madre quando mi dicevano ‘Eh, no! Così passi dalla ragione al torto!’…
Io avevo ragione, l'altro aveva torto, AVEVA SBAGLIATO e il mio furioso sdegno si sarebbe abbattuto su di lui e avrei danzato nudo e coperto di sangue sulla sua carcassa sanguinolenta. 
Semplice, no?
Il mio possedere LA RAGIONE SUPREMA lo metteva nella meritevole condizione di essere annichilito.

Salvini è un idiota.

Uno di quegli idioti a cui la mamma avrebbe dovuto spedire la carta d'identità nel futuro a forza di sberle, ma è un idiota furbo.

La parte di me che digrignava i denti alle parole di mamma e papà è perlomeno insoddisfatta che si siano limitati al parabrezza e avrebbe voluto esultare con camice da laboratorio e guanti neri da scienziato pazzo ad ogni bastonata sul groppone, urlando 'SI . PUÒ . FARE!’

Ma la cosa è stata tutta sbagliata, per due ragioni, una evidente e l'altra un po’ meno.

Prima di tutto diciamo che l'idiota furbo ha avuto quello che voleva, non quello che si meritava, ma esattamente quello di cui aveva bisogno: un motivo per frignare contro i delinquenti dei centri sociali e di conseguenza contro gli zingheri amici dei centri sociali.

Questo doveva essere evidente a chi lo ha aspettato in maniera così poco furba, ma non ho una gran stima dell'intelligenza di chi perde il controllo facilmente, sia che abbia una pistola d'ordinanza o un estintore.

La seconda ragione per me sarebbe anche più evidente, ma dal tenore delle discussioni che sento e vedo, apparentemente non così scontata: esiste veramente una violenza giusta e meritevole di essere applicata, diciamo 'una violenza antifascista’?

A chi pensa che ci debba essere sempre una risposta proporzionata all'offesa e che quindi in alcuni casi sia giustificato l'uso della violenza, non ho che da far notare l'ossimoro di 'violenza’ e 'antifascista’…mi state forse suggerendo che sia lecita una sorta di cura omeopatica o che proprio siamo in guerra e che è ora di sughettare il serbatoio dello scooter e riempire le molotov?

Pronto? Vi sta parlando quello che ha un coltello attaccato sotto ogni tavolo e dorme con una balestra carica sotto al letto, ma dopo quarant'anni di reprimende di mamma e papà, ammetto a fatica (come un Fonzie che deve chiedere scusa) che avevano ragione…forse una ragione derivata da una visione troppo ideale e spirituale delle persone, ma hanno ragione loro.

Non che io adesso vada subito staccare i coltelli, però voglio vivere nell'illusione che al posto del tizio dei centro sociali non avrei sfondato il parabrezza a Salvini, che magari avrei ingoiato il nervoso di vedere una merda secca sbeffeggiarmi dall'alto del suo furbo analfabetismo padano e avrei tirato dritto per la mia strada, con le mie convinzioni e i miei ideali tutto sommato pacifici.

Altrimenti se non la forza delle parole, cosa mi distinguerebbe da quei livorosi vecchi razzisti da bar che parlano di negri, ebola e froci?

Relase Dates Albums, Mixtapes, and EPs

January 24
Don Trip – Randy Savage (Mixtape)

January 27
Naledge – Brain Power 2 (Mixtape)
Young Breed – Seven Tre Chevrolet (Mixtape)

January 28
RiFF RAFF – NEON iCON
J. Holiday – Guilty Conscience
Isaiah Rashad – Cilvia Demo
Various Artists – Jamla Is The Squad
January 30
Alley Boy – Alley Shakur (Mixtape)

February 4
Freddie Gibbs & Madlib – Cocaine Piñata
Toni Braxton & Babyface – Love, Marriage & Divorce
Maino – King Of Brooklyn (EP)

February 11
Chuck Inglish – Convertibles
Saigon – The Greatest Story Never Told Chapter 3: Hip Hop My Way

February 14
Pro Era – Secc$ Tap.e Pt. 2 (Mixtape)

February 18
Souls of Mischief – There is Only Now
Ashanti – BraveHeart

February 25
Schoolboy Q – Oxymoron
Prodigy & The Alchemist – Albert Einstein (EP)

February (Doesn’t have a date yet)
Prodigy – The Most Infamous

March 1
Mario – Evolve

March 3
Chief Keef – Bang Pt. 3 (Mixtape)

March 4
A$AP Mob – L.O.R.D
Rick Ross – Mastermind

March 11
Soulja Boy – King Soulja 2
YMCMB – Young Money: Rise of an Empire

March 18
YG – My Krazy Life

March 31
Iggy Azalea – The New Classic

March(Doesn’t have a date yet)
Tech N9ne – Collabos: Strangeulation

April 15
August Alsina – Testimony

April 28
Kelis – Food

April(Doesn’t have a date yet)
IamSu! – Sincerely Yours

May 13
Ice Cube – Everything’s Corrupt

May 24
Lana Del Rey – Ultraviolence

May(Doesn’t have a date yet)
Jhene Aiko – Souled Out

T.B.A (To Be Announced)

50 Cent – Street King Immortal
50 Cent – Animal Ambition (Mixtape)
AZ – Doe Or Die II
Ashanti – Braveheart
Azealia Banks – Broke With Expensive Taste
Birdman – Bigga Than Life
Blu – Good To B Home
Capital Steez – King Capital
Chiddy Bang – Baggage Claim (Mixtape)
Chris Brown – X
Clipse – As God As My Witness
DJ Scream – Long Live The Hustle
Elzhi – Glow
Fabolous – Loso’s Way 2: Rise to Power
Freddie Gibbs – The Neck Tie Party
Flo Rida – The Perfect 10
French Montana – Mac & Cheese 4 (Mixtape)
Future – Honest
Ghostface Killah – Supreme Clientele Presents… Blue & Cream: The Wally Era
Gunplay – Living Legend
Jay Electronica – Act II: Patents of Nobility (The Turn)
Jeremih – Thumpy Johnson
Joe Budden – All Love Lost
Joe Budden – Some Love Lost (EP)
Joey Bada$$ – B4.Da.$$
Juelz Santana – Born To Lose, Built To Win
Juelz Santana – God Will’n Vol. 2
KiD CuDi – Satellite Flight: The journey To Mother Moon (EP)
Kirko Bangz – Bigger Than Me
Lil Durk – Fuckery (Mixtape)
Ludacris – Ludaversal
Lloyd Banks – Cold Corner 3 (Mixtape)
Lupe Fiasco – Tetsuo & Youth
Mariah Carey – The Art of Letting Go
Marsha Ambrosius – Friends & Lovers
Ma$e – Now We Even
Method Man – The Chrystal Meth
Method Man & Redman – Blackout 3
Migos – Young Rich Niggas 2 (Mixtape)
Mike Will Made It – Est. In 1989 Pt. 3 (The Album)
Mobb Deep – The Infamous Mobb Deep
Mystikal – Original
N.O.R.E. – Student Of The Game II: Dyslexia
Nicki Minaj – Pink Friday: The Pinkprint
Obie Trice – The Hangover
Omarion – Love & Other Drugs
Omen – Elephant Eyes
Plies – Purple Heart
Project Pat – Mista Don’t Play (Mixtape)
Raekwon – F.I.L.A (Fly International Luxurious Art)
Redman – Muddy Waters II
Redman – The Preload (EP)
Red Cafe – American Psycho 2 (Mixtape)
RiFF RaFF & Action Bronson – Galaxy Gladiators
Rocko – Lingo For Dummies (Mixtape)
Statik Selektah – What Goes Around…
Swizz Beatz – Haute Living
T.I. – Paperwork: The Motion Picture
T-Pain – Stoicville: The Phoenix
The Roots – & Then You Shoot Your Cousin
Travis Porter – Let Me Borrow Dat (Mixtape)
Trae Tha Truth – Banned
Twista – The Dark Horse
Tyga – The Gold Album: 18th Dynasty
Waka Flocka Flame – Flockaveli 2
Wiz Khalifa – Blacc Hollywood
Wu-Tang Clan – A Better Tomorrow
XV – The Kid with the Green Backpack
Yelawolf – Love Story
Young Scooter – Juughou$e
+ More

Ma chi lo vorrebbe un ragazzo che quando piove corre sotto casa tua perche hai paura dei temporali. Chi lo vuole un ragazzo che porta le margherite raccolte da lui stesso e non le rose comprate. Ma chi lo vuole uno che appena sei triste ti fa salire sullo scooter e ti fa fare 10 km mano nella mano per i monti fino a portarti in un posto bellissimo. Chi lo vuole uno che piange se te ne vai e sorride quando legge “Ti amo.”. Chi lo vuole uno che scrive i messaggi di notte. Chi lo vuole uno che ti fissa negli occhi e se gli chiedi “Perche lo stai facendo?” risponde"Niente è piu bello di cio che sto guardando ora". Chi? Chi vorrebbe uno geloso, che si arrabbia se non esci con lui ma bastano poche parole per farlo calmare? Chi? Chi vorrebbe uno che appena vede che ti tagli, quei tagli lui li bacia e dice “Questo é passato” per poi baciarti e dirti “Questo è presente e futuro”? Chi? Nessuno.

Tutte vogliono il figo palestrato stronzo e menefreghista. Tutte con l'idea che lo stronzo dolce è attraente. Con tutti quei fottuti muscoli d'appertutto. Che si rade anche le sopraciglia e passa piu ore dall'estetista che a guardare la TV sul divano. Tutti vogliono questo, non una sottospecie di mostro come me.

—  Lecronachediunragazzoperso