e 30

[ARTICOLO] I BTS danno inizio alle date americane del Wings Tour con un concerto sold-out al Prudential Center

“Solo un paio di artisti K-pop sono stati capaci di riempire gli stadi negli Stati Uniti. Tuttavia giovedì sera (23 Marzo) i BTS hanno tenuto il primo dei due show sold-out al Prudential Center a Newark, N.J.

Con i loro fedeli fan che li hanno incoraggiati dall’inizio alla fine la band composta dai sette componenti ha dato inizio alle date americane del “2017 BTS Live Trilogy Episode III: The Wings Tour” con un concerto durato quasi tre ore in cui si è esibita con le hit più famose e con le canzoni del loro album che ha superato tutti i record, Wings.

I membri dei BTS (Rap Monster, Suga, J-Hope, Jungkook, V, Jimin e Jin) hanno inserito nello show i loro ultimi paio di singoli, dando inizio alla notte con la sfrenata “Not Today” e, circa 30 canzoni dopo, salutando con l’emozionante “Spring Day”. Seguendo la prima canzone e la sua coreografia estremamente precisa, il gruppo dei sette ragazzi si è presentato al pubblico e ha espresso la sua emozione per essere lì ad esibirsi negli Stati Uniti. Dopo l’atmosfera propulsiva creata da “Not Today”, il gruppo si è esibito con “Am I Wrong” (prodotta da Keb’ Mo’) e con una delle canzoni con la coreografia preferita dai fan, “Baepsae”, l’unica canzone non presente in Wings inserita in scaletta quella sera.

Sebbene avessero un aspetto un po’ stanco – erano arrivati in aereo dal Brasile dopo due concerti e dopo una fermata in Messico solo la settimana prima – i BTS hanno mostrato la loro sincerità e il loro entusiasmo per compiacere i fan: i membri hanno cercato infatti di entrare in contatto con i fan che li hanno spinti a diventare alcuni degli artisti più popolari del Kpop. Ognuno dei componenti del gruppo ha cercato con molto impegno di parlare in inglese durante tutta la serata, ottenendo urla di incoraggiamento da tutto lo stadio mentre ringraziavano il loro fandom e davano credito ai fan che sventolavano i lightstick per essere stati i responsabili del lancio del gruppo verso la cima dell’industria musicale coreana.

L’intro del concerto è terminato con l’energica hit del 2015 dei BTS “Dope” prima di spostarsi al segmento in cui venivano presentati i solo del gruppo e le tracce delle unit (“Lost”, “Cypher pt.4”) di Wings.  Lo spettacolo solitario e riflessivo ha commosso il pubblico, culminando in un grido di risposta (“ti vogliamo bene”) da parte della folla durante “Reflection” di Rap Monster.  (Né lui né Suga si sono esibiti tracce dei loro mixtape o di altri progetti non collegati al resto del gruppo). Nonostante ci siano stati molti momenti memorabili – Jin  che si alzava su una piattaforma mentre cantava riguardo alla sua incapacità di volare durante “Awake”, Suga accompagnato da un’orchestra che suonava il piano mentre rappava riguardo al fatto che quello strumento è stato il suo “Primo Amore” – e alcune incongruenze audio, nel momento in cui J-Hope ha chiuso questo segmento del concerto con la sua ode alla sua “MAMA”, il pubblico era pronto a rivedere tutti e sette i ragazzi insieme.

I BTS si sono riuniti per la canzone-bomba “Fire” prima di prendersi una pausa per chiacchierare con il pubblico ancora una volta. Il gruppo ha proseguito con un medley di alcuni dei loro primi singoli, inclusa la traccia di debutto di “No More Dream”, per rievocare un viaggio musicale nel passato che più tardi Jin ha paragonato al volo di “un razzo che attraversa la storia dei BTS”.

Dopo una versione piena di divertimento di “21st Century Girl” che ha accompagnato i BTS giù dal palco in fila indiana, la prima delle due notti al Prudential Center ha cominciato a volgere al termine con J-Hope ritornato sul palco da solo per esibirsi con “Intro: Boy Meets Evil” prima che il gruppo passasse alla performance dinamica di “Blood, Sweat & Tears”.

Mentre i sette ragazzi lasciavano il palco dopo aver detto al pubblico di essersi esibiti con la loro “ultima” canzone (“Outro: Wings”) della serata, i fan in tutto lo stadio hanno messo delle bustine di plastica colorate attorno i loro lightstick, creando un effetto arcobaleno in tutto il Prudential Center, aspettando impazienti l’encore. Con il primo evento di questa grandezza negli Stati Uniti portato a termine con successo da tutti i fan, gli ARMY dei BTS hanno dato prova in modo diretto del tipo di supporto che ha aiutato i BTS ad arrivare in cima alla top 40 di Billboard 200 e in cima alla Top 10 della classifica dei singoli di iTunes.

Mentre tornavano sul palco per esibirsi con le ultime due canzoni (“2!3! e “Spring Day”) i BTS hanno espresso stupore e piacere al visibile affetto che hanno ricevuto dai loro fan. Rap Monster ha colto l’occasione per ringraziare i loro fan per aver averli fatti entrare nelle classifiche americane, dichiarando che questo fosse stato possibile solo grazie al lavoro degli Army. “Voi ragazzi l’avete reso possibile per noi” ha detto alla folla urlante. “La gloria è tutta vostra” ha continuato.

Questa prima notte al Prudential Center è stata seguita da un altro concerto venerdì. Più tardi in questa stessa settimana i BTS si dirigeranno a Chicago e poi a Los Angeles.”

Traduzione a cura di Bangtan Italian Channel Subs (©lynch)

Monday 8:27am
I woke up with you on my mind.
You called me babe last night —
my heart is still pounding.

Tuesday 10:53pm
Today I realized we won’t work.
What we are is hurting her.
And I think she matters more to me than you do.

Wednesday 11:52pm
I broke things off with you today.
She barely said a word.
I’ve never regretted anything more than this.

Thursday 4:03pm
I shouldn’t have sent that message.
You shouldn’t have been so okay with receiving it.

Friday 9:57pm
I almost messaged you today.
I didn’t.

Saturday 8:49pm
I’m walking around town in search of alcohol.
They say that liquor numbs the pain of having a broken heart.
I want to put that to the test.

Sunday 2:32am
I heard you texted a girl you’ve never spoken to before.
I wonder if it’s because you’re trying to replace me.
I can’t help but wish you weren’t.
I thought I was irreplaceable.

—  a week with you on my mind, c.j.n.