dono art

“The wife of Hideyori” (1868-1869 ?), Tsukioka Yoshitoshi  (1839-1892)

Print from the series : “Selection of 100 warriors”.

Senhime (1597-1666) was the wife of Toyotomi Hideyori, son of Toyotomi Hideyoshi. The scene is maybe taking place during the besieging of Osaka castle by Tokugawa Ieyasu’s troops, wanting to get rid of the last remnants of the Toyotomi clan. Senhime survived the fall the castle but her husband committed suicide with his mother, Yodo-dono. After this tragedy, Senhime married again and then became a buddhist nun after the death of her second husband.

Paolo Uccello (Paolo di Dono, Pratovecchio, 1397 – Firenze, 1475)

Battaglia di San Romano (Disarcionamento di Bernardino della Ciarda)

1438, Firenze, Uffizi

Tecnica mista su tavola, 182x323 cm

-

Nun ce provà manco pe un attimo a fà ‘a battuta sur nome de questo, perché oggi me sento na cifra filosofica e quinni te farò un ragionamento fino. Er sor Paolo scopre ‘a prospettiva e ce va in fissa, robba che saa sognava de notte, se svejava tutt’a un botto e buttava giù du schizzi che ‘a moje se incazzava “e dormi, porco de qua porco de là” ma lui “aspè che m’è venuta n’idea pe un quadro che poi maa scordo”. E tanto je sconfinferava sta prospettiva che l’applicava popo da manuale, na cifra tecnico, quasi a volè fà vedè che ‘a sapeva; però cià ancora un gusto tardogotico pe li colori piatti e pe er particolare, cosicchè er risurtato è na robba che pare quasi finta, come quee robbe de computer grafica tutte in TreDdì che matematicamente sò esattissime ma se capisce che nun sò reali. Quinni mentre in genere ‘a prospettiva sembra volecce dà l’impressione che ‘e cose sò vere, qui è tarmente ma tarmente ignuda naa sua matematica perfezione che er quadro pare finto. Sti culi de cavalli e ste lance e ste armature pareno na tarsia de marmo, o un sogno cor fermo immagine.

Ed ecchime dunque quane co ‘a riflessione filosofica: che cioè tocca chiedese si ‘a reartà come ‘a percepimo è popo così o si ce sembra così perché è così che ‘a vedemo noi. E cioè che ‘a cosa in sé nun la potemo conosce mai, come anfatti diceva Immanuel Kant (che nun è parente de Eva Kant quella de Diabbolik o almeno credo). E che forse nun solo l’arte è finzione, ma puro ‘a scienza in un certo senso, perché è puro quella un modo de intepretà e reccontà er reale. Quinni l’immaginazione è un modo umanissimo e imprescindibbile de pensà er monno, e senza de lei nun solo l’arte ma manco ‘a scienza pò esiste. Quinni si ‘a conoscenza daa reartà è n’attività daa mente la quale è astratta, e ‘a realtà come ‘a vedemo noi è n’astrazione, vòi vede che aa fin fine ‘a reartà è finzione? Ciai mar de testa? E’ solo l’immaginazione tua, er mar de testa nun esiste.

8

créditos para os donos das fan arts
please © glorysalute if you use or just like/reblog this post

2

Finally finished! I’ve been working on this in the little time I have after work and before my bedtime. Two versions with and without text. Phew!

May I present to you the Happy Mask Squad in full  (ノ◕ヮ◕)ノ*:・゚✧

@salami-dono
@happymaskshoppe
@fadoavocado
@lonelymaskmaker
@themischievouswanderingpoe
@anoldowl