dodge-caravan

Man who saved Miami officer: “How could I not?”

William Ramirez was driving to his boat-maintenance job Tuesday morning when he spotted a chilling sight on Northwest 79th Street: A Miami police officer was on the ground, trying to take cover as a man fired at him with a high-powered assault rifle.

Thinking fast, Ramirez swerved his Dodge Caravan between the officer and the shooter, shielding the rookie officer. Then he opened the side door, pulled officer Rosny Obas to safety and sped off.

Read more 

Webofgoodnews.com

http://ift.tt/eA8V8J

Le logiche di Brand management viste negli ultimi anni in Fiat si stanno replicando anche per Chrysler. Prima di analizzare il caso americano andiamo a fare un breve sunto degli ultimi anni in Fiat.
Sino alla metà degli anni ’80 Fiat era costituita da Fiat e Lancia con la prima dedita alle auto di massa e la seconda dedita a quelle superiori, le Granturismo che sfociavano nelle versioni più prestazionali in sportive.
Con “l’annessione” di Alfa Romeo tra la fine degli anni ’80 e l’inizio degli anni ’90 si assistette al cambio di strategia per Lancia. Come ampiamente scritto in altri articoli ritengo che un grave errore non aver riconosciuto come i due marchi, sebbene operanti nel medesimo segmento, non fossero sovrapponibili al 100%, da un lato infatti vi è Alfa che è la sportiva, quasi “dura e pura” e dall’altro vi è la Lancia che è il “Granturismo”. Alfa nei segmenti più alti avrebbe dovuto continuare ad essere a trazione posteriore, mentre Lancia continuare a portare avanti la trazione anteriore/integrale. A livello estetico le Lancia iniziarono ad essere pensate per gli anziani come dimostrato ampiamente da Thesis, mentre il mercato ha virato nettamente verso estetiche aggressive e giovanili.
Oltre a ciò vi è un fattore fondamentale che non è stato tenuto in considerazione, si tratta della possibilità all’interno del medesimo Brand/Marchio di avere due linee di prodotti differenziati tendenzialmente in funzione del sesso del cliente. L’esempio più lampante è Mercedes che da un lato produceva una classe A chiaramente pensata per le donne, ma allo stesso tempo introduceva l’allestimento più sportivo e mascolino Avantgarde. Anche Lancia avrebbe dovuto continuare su questa strada tanto che Lancia Ypsilon della precedente generazione e la bellissima Musa erano tendenzialmente spostate verso un pubblico femminile riscuotendo anche un notevole successo, ma al loro fianco non si è creata una gamma altrettanto valida e di richiamo al passato come ad esempio un remake della Delta Integrale come sostengo sin dal 2006 in questo articolo http://ift.tt/1JfBNxP .
Paradossalmente questa doppia personalità all’interno del medesimo Marchio è presente all’interno della medesima Fiat come nel caso di Fiat 500, un Brand nel Brand chic e ricercato che fa da contraltare al resto della produzione come Panda, ma anche Freemont, Bravo e i commerciali, auto simpatiche e ben riuscite, ma pensate per essere funzionali e pratiche. Questa differenziazione del marchio Fiat è stata per di più presentata e fatta risaltare da Olivier Francois nel 2013, perché allora non è stato mai pensato per Lancia?
Passando sul fronte americano l’obiettivo è quello di rendere Dodge il marchio sportivo del gruppo, peccato che sotto Dodge vi siano veri successi commerciali come Journey e Grand Caravan, modelli che vendono benissimo e non mi sembra che i clienti si lamentino che la stessa Dodge realizzi Charger e Challenger (e viceversa!). Ci troviamo quindi di fronte ancora una volta ad un Marchio con dalla doppia “personalità” che dovrebbe continuare a spingere su questo fronte anche perché il gemello Chrysler del monovolume, il Town&Country conosciuto da noi come Grand Voyager, ha vendite decisamente inferiori in America e Canada.
La dirigenza Chrysler, inoltre, ha deciso di proporre unicamente l’erede del Town&Country, lasciando l’amaro in bocca a molti clienti anche perché questa nuova versione con i nuovi motori e il nuovo cambio automatico a 9 marce dovrebbe essere posizionato più in alto a livello di prezzo e di contenuti.
Una possibile soluzione potrebbe essere quella di continuare a produrre il Dodge Grand Caravan attuale accanto al nuovo Town&contry così da coprire al meglio il mercato e capire se la scelta della dirigenza sia corretta o meno.
Torniamo per un secondo a Fiat perché sicuramente qualcuno di voi leggendo il Brand nel Brand di 500 non troverà così calzante il posizionamento di 500L. Anche io la penso così, anzi un amico Alessandro mi ha suggerito che doveva essere venduta come Panda L o X, un marchio o un “SubBrand” decisamente più corretto che forse avrebbe dato un impulso ulteriore alle vendite dell’auto.

Enzo Ceroni – Hainz 23/04/2015
http://ift.tt/1DRvkon

We Finally have a 2nd Vehicle!

You guys were right about the Odyssey. Way too many miles.  I drove that thing up to my mechanic and by the time I got there, I didn’t even bother having him take a look.  I had so many issues pop up in that half hour ride…

But we found something even better.  Got ourselves an 02’ Dodge Caravan for only $1800.  And it has over 150,000 miles less on it, too. We’re super happy with it. ^.^

Love the V6 engine, love the height of an SUV, love how smooth the ride is.  It’s one of those big purchases I feel really good about, instead of super anxious.  

And it feels great to finally have a second vehicle.  We were sharing one between the four of us.  Which is really hard considering they work 5 jobs.