dis be ma post

Lei sorrideva, rideva forte, eppure si sarebbe buttata volentieri nel vuoto.
—  sonecka @wordsofablackshadow
Art Theft (I need your help)

Two of my favorite Undertale artists left today.

The reason was because of the repeated problems of art theft they had to deal with. The stress of translating (they were Korean), asking the perpetrator to take them down, and reporting made them decide enough was enough. They had to deal with this almost DAILY.


So they chose to drop everything and leave.

I’m going to take this moment to talk about the prominent problems of art theft within the Undertale community.

I don’t plan to force my stand on this onto you, but I hope I can ask a bit of your time to read on. Because I really need your help.

To start with,

It’s when you take and repost another artist’s work without their permission (even if it’s sourced). This includes reposting, editing, using in MVs, and selling merchandise using the stolen works. 

Aside from it being illegal, it is disrespectful to the artist who put in their personal time to create art for their enjoyment. It is their work and they have the rights to do what they wish to do with it. To see their work being used without their permission violates their ownership. It is natural to feel uncomfortable about art THEFT

This is the part where I would like to ask for your help. I love Undertale and wish for it to be a healthy community for all, globally. But I am only one person who happens to speak both Korean and English.

So, if you see a site/video/merchandise/etc without permission to the original artist, please take the following steps:


  1. Paste the paragraph below in the comments.

(English) Did you get permission from the original artist? If not, please get permission or take it down. We will file a report if you don’t.

(Spanish)  Tienes permiso del artista para subir esto? Si no lo tienes, por favor pidelo o eliminalo. Se te puede denunciar por hacer lo que estás haciendo.
(Korean) 원작자로부터 허가를 받았나요? 받지 않았다면 지금이라도 허가를 받거나 내려주세요. 아니면 신고하겠습니다.

(Japanese)  原作者から許可を得られましたか? そうでなければ今にでも許可を得たり、作品を消してください。 消さなければ法律に従い処罰します。

(Simplified Chinese) 你有得到绘师任何的同意吗?如果没有,请得到他人的同意或删除你发的贴文。如果没有遵守,我们会检举你了。 

(Traditional Chinese)  你有得到繪師任何的同意嗎?如果沒有,請得到他人的同意或刪除你發的貼文。如果沒有遵守,我們會檢舉你了。 

(Thai) คุณได้รับอนุญาติจากเจ้าของผลงานแล้วหรือไม่ ถ้าไม่ กรุณาไปขออนุญาติจากเจ้าของผลงานก่อนหรือควรลบโพสนั้นทิ้งไป มิเช่นนั้น เราจะรายงานคุณเนื่องจากคุณกำลังละเมิดสิทธิของเจ้าของผลงาน  

(Indonesian) Apakah gambar yang anda gunakan sudah diberikan izin oleh pemiliknya? Jika belum, mohon jangan dipakai atau mintalah ijin terlebih dahulu, jika tidak, akan kami laporkan penggunaan ilegal ini ke yang berwajib.

(Malay)  Adakah gambar yang kamu pakai telah diminta keizinan daripada pelukis itu? Jika belum, sila memohon izin daripada pelukis tersebut atau memadamkan post tersebut. Jika tidak, kami akan melaporkan ini kepada pihak yang berwajib.

(Tagalog)  Nagtanong ka na ba sa artist kung maaring i-post mo to? Kung hindi mo yun ginawa, sana huminge ka muna ng permiso, o di kaya itangal mo yung post mo. Ma re-report ka kapag hindi nyo inatupag kahit isa sa sinabi namin.

(Vietnamese)  Bạn đã nhận được sự cho phép của (các) tác giả gốc chưa? Nếu chưa, hãy đi hỏi sự đồng ý của họ hoặc xóa chúng đi. Chúng tôi sẽ báo cáo bạn lên hệ thống nếu như tình trạng này còn tiếp diễn.

(German) Kennen Sie den tatsächlichen Künstler und haben sie eine schriftliche Erlaubnis seine Arbeit zu benutzen? Wenn nicht, holen Sie diese Erlaubnis ein, ansonsten wird dieser Fall der Urheberrechtsverletzung von uns zur Anzeige gebracht.

(Danish)  Har du fået tilladelse fra den originale kunstner? Hvis ikke, vær venlig at få tilladelse eller fjern dette. Vi vil indsende en raport hvis du ikke gør. 

(Italian) Hai avuto il permesso dall'artista originale? In caso contrario, si prega di ottenere il permesso o toglierlo. Ci sarà una segnalazione se non lo fai.

(French)  Avez-vous demandé la permission de l'artiste pour publier son oeuvre? Si non, demandez une autorisation ou supprimez le poste s'il vous plaît. Sinon je vais devoir vous signaler.

(Swedish)  Har du fått tillåtelse den ursprungliga konstnären? Om inte, var så vänlig och få det eller ta ner verket. Vi kommer att anmäla dig om du inte gör det.

(Dutch) Heeft u toestemming van de artiest gevraagt om dit te posten? Zo niet, haal deze post a.u.b. zo snel mogelijk weg. Als u dat niet doet, zullen wij dit rapporteren. 

(Finnish)  Saitko luvan julkaista tämän? Jos et, pyydä lupa tai poista kuva. Muuten joudun raportoimaan sinut.

(Polish)  Czy masz pozwolenie na użycie tych artów od ich autorów? Jeśli nie, proszę, zapytaj o pozwolenie albo je usuń. Inaczej zostaniesz zgłoszony o użycie ilustracji bez pozwolenia.

(Russian)  Извините, у вас есть разрешение автора на использование его работ? Если нет, либо получите его, либо уберите взятый материал. В противном случае мы отправим на вас жалобу

(Portuguese) Você tem a permissão do artista para postar isso? Se não, por favor peça ou retire. Você poderá ser denunciado se não o fizer. 

(Turkish)  Resmin asıl çizerinden izin aldınız mı? Almadıysanız lütfen izin isteyin ya da gönderiyi kaldırın. Yoksa şikayet edileceksiniz.

(Croatian) Jeste li tražili dozvolu originalnog autora? Ako ne, molim vas tražite dopuštenje ili maknite post. U suprotnome ćemo vas morati prijaviti. 

(Romanian) Ai primit acordul de a posta aceasta lucrare din partea artistului original? Daca nu, te rog sa faci rost de permisiune sau sterge postarea. Daca nu o faci, te vom raporta.

(Icelandic) Hefur þú fengið leyfi uprunalega listamansinns til að nota þetta? Ef ekki, gerðu svo vel að ná í leyfi  eða takka það niður. Annars munnum við láta vita af þjófnaðinum.   

(Slovenian) Ali imaš dovoljenje originalnega umetnika, za uporabo? Če ne, prosim dovoljenje dobi ali pa izbriši post. Če tega ne storiš, te bomo prijavili.

(Arabic) اخذت اذن من الرسام نفسه ؟ اذا لا. لو سمحت استأذن منه او منها اول. او شيل الصورة. بنسويلك ريبورت اذا ما سويت 

(Hebrew) האם קיבלת אישור מהיוצר המקורי? אם לא, בבקשה תקבל אישור או שתמחק את היצירה. אנחנו נתן אזהרה אם לא תוריד את היצירה.
  
(If you can help translate to other languages, please send them to me so I can update this post!)

  1. Submit your findings to this link.
  2. (Optional) Check this link and report any sites that has been submitted over 3 days ago.


@junkpilestuff​ and I (along with other friends) will check from time to time to see if the link has been taken down. If not, we will send in a report ourselves.

Lastly, I want to thank you for taking your time reading this far. I am grateful for the followers I have and been blessed with kind people who asked for my permission before using my art. Not to mention, I haven’t had as many art theft issues thanks to all your keen lookout for me, which allowed me a healthy environment to continue making art.

I wish all Undertale artists to feel the same.

Thank you again! :D

8

get to know me | favourite male italian singers [2/10]  → Francesco Gabbani

E l'uomo si addormentò e nel sogno creò il mondo
Lì viveva in armonia con gli uccelli del cielo ed i pesci del mare
La terra spontanea donava i suoi frutti in abbondanza
Non v’era la guerra, la morte, la malattia, la sofferenza

… Poi si svegliò

[]
Non ho perso fiducia nell'amore
penso solo che l'amore abbia perso di credibilità e valore;
penso solo che tutti parlano d'amore e la maggior parte nemmeno sa cosa sia, che tutti vogliono amare e poi per una ragione o per un'altra non riescono a farlo.
Non ho perso fiducia nell'amore,
ho perso fiducia nelle persone.

come la Sicilia ha influenzato la comunità LGBT italiana

La Sicilia è sempre stata un centro fondamentale nello sviluppo di una cultura e di un’identità gay: dall’età classica alla Taormina della Belle Époque fino alla fondazione del primo circolo Arcigay italiano, la storia della Sicilia è dalle sue origini strettamente legata alla storia gay, e questo rapporto è ciò che cercherò di approfondire, dividendolo per epoche storiche, in questo post, seppur in modo molto succinto.


Antichità - Età classica


Sappiamo che pratiche di natura omoerotica erano diffuse in Sicilia sin dalla Preistoria: nelle grotte dell’Addaura, infatti, sono stati ritrovati graffiti risalenti al Paleolitico inferiore, che mostrano scene di sesso fra più uomini, molto probabilmente a scopo propiziatorio o rituale.
Intrattenere rapporti sessuali con persone dello stesso sesso evidentemente non era visto come qualcosa di negativo, né lo sarebbe stato più avanti nella Storia: dall’VIII fino al III secolo, infatti, la Sicilia fu in larga parte in mano dei Greci, popolo i cui uomini notoriamente si intrattenevano in relazioni con membri dello stesso sesso, definendole addirittura fondamentali allo sviluppo della futura vita adulta dei fanciulli. Non sappiamo molto delle relazioni fra donne in questo contesto e periodo storico, in quanto la figura della donna in generale era relegata alla vita domestica e privata di qualsiasi sessualità, ma la nostra maggiore fonte per quanto riguarda questo aspetto è la poetessa Saffo di Mitilene, guida del tiaso di Lesbo e sacerdotessa di Afrodite che cantò spesso dei suoi rapporti romantici e sessuali con le sue allieve: di lei sappiamo inoltre che passò buona parte della sua giovinezza fra Akragas e Siracusa, in fuga con la famiglia dalle lotte politiche a Lesbo, e c’è chi pensa che proprio nella più potente polis siciliana la poetessa iniziò a comporre e insegnare alle giovani nobili.
La situazione non cambiò di molto con la conquista romana dell’isola: anche gli uomini Romani, com’è ben noto, apprezzavano infatti rapporti extraconiugali con altri uomini, spesso più giovani o schiavi, o addirittura commilitoni in tempo di guerra.


Medioevo 


Il Medioevo nella cultura popolare viene spesso associato ad arretratezza e chiusura mentale e numerosissime persecuzioni contro streghe, sodomiti, eretici e tante altre categorie di deviati; mentre questo è decisamente parte della storia Medievale della Sicilia, in particolare del tardo Basso Medioevo, l’Alto Medioevo – così come la prima parte del Basso Medioevo – è per l’isola un periodo di immenso splendore culturale e commerciale, sotto il dominio prima degli Arabi e poi dei Normanni e Svevi.
Com’è noto, gli Arabi furono storicamente molto permissivi con le relazioni fra membri dello stesso sesso, in particolare quelle fra giovani non ancora in età da matrimonio (nonostante il Corano, così come gli altri libri sacri delle religioni monoteiste, vari in interpretazione da poco chiaro a decisamente opposto a relazioni di questo genere), e questo fu ulteriormente fomentato dalla Chiesa medievale, che non contenta di descrivere i musulmani come eretici, colse anche l’opportunità di dipingere l’intero mondo arabo dell’epoca, Sicilia inclusa, come un’unica grande Sodoma.
Sotto la dominazione normanna e sveva, e quindi il ritorno del Cristianesimo sull’isola, le relazioni fra membri dello stesso sesso continuarono a essere permesse e accettate, e così in tutti i territori dell’Impero di Federico II: c’è addirittura chi ipotizza che il sovrano Svevo o suo figlio Manfredi abbiano avuto, nell’arco della loro vita, diverse relazioni omosessuali.

Se fino ad allora l’omosessualità era stata accettata e rispettata, sotto il regno Angioino e Aragonese l’omosessualità cominciò a essere mal vista e perseguitata come già lo era nel resto d’Europa, ed è proprio nel Regno di Sicilia che nel 1293 avvenne la prima messa al rogo di un sodomita in Italia, il conte di Acerra Adenolfo d’Aquino, la cui omosessualità lo equiparava a streghe, eretici, assassini, stupratori e tutta quella gente che per la Chiesa e per la Santa Inquisizione (diversa dall’Inquisizione Spagnola, sebbene anch’essa sarebbe stata in seguito stata implementata nel Regno di Sicilia) era un pericolo all’integrità morale dei cattolici.


Epoca moderna


Nel 1516 la Sicilia passò formalmente sotto la dominazione castigliana, alla morte di Ferdinando II d’Aragona: nonostante il passaggio dinastico dalla dinastia Aragona a quella Asburgica, tuttavia, il piano politico e culturale restò immutato, e così la condizione degli omosessuali nel Regno di Sicilia (e nel Regno di Napoli, anch’esso accorpato agli Asburgo).
Altrettanto repressive furono nei confronti di chi amava lo stesso sesso due importanti casate che furono a comando della Sicilia rispettivamente dal 1713 al 1720 e dal 1720 al 1734, Sabaudi e Austriaci; i codici penali Savoiardo e Asburgico, infatti, vietavano entrambi le relazioni omosessuali, perché un affronto verso la natura e l’idea tradizionale di famiglia (il che, francamente parlando, dovrebbe far dubitare chiunque degli omofobi che ripetono questi argomenti vecchi di più di trecento anni nel 2018).

Con la conquista borbonica dell’isola, tuttavia, si arrivò a un punto di svolta per la comunità gay: la severa e meticolosa legislazione penale del Regno di Sicilia, infatti, era molto più liberale delle altre sue contemporanee, in quanto non nominava né condannava in nessuna sua parte i rapporti omosessuali fra uomini o donne, bensì si limitava a descrivere i crimini (descritti semplicemente come “atti turpi che offendano il pudore pubblico”) e le punizioni per essi previste senza limitarle a una specifica sessualità, ponendo tali leggi in netto contrasto a quelle, ad esempio, del Regno di Sardegna, che invece puniva la “libidine contro natura” anche quando fra due individui adulti e consenzienti.
La permissività borbonica nei confronti dell’omosessualità rese ben presto l’intero Regno delle Due Sicilie, ma in particolare l’isola stessa, un luogo di rifugio per chi abbandonava la propria madrepatria per vivere liberamente e pienamente la propria sessualità: in particolare la città di Taormina, che già attraeva enormi quantità di turisti in virtù delle sue bellezze naturali e storiche, assunse il ruolo quasi di capitale gay della Sicilia e del Regno, dove soggiornarono molte importanti figure omosessuali dell'epoca, fra cui i famosissimi scrittori Oscar Wilde e Johann von Goethe, che parlò di Taormina nel suo Viaggio in Sicilia, e il fotografo Wilhelm von Gloeden, celebre per le sue serie di fotografie raffiguranti i cosiddetti efebi di Taormina.


L’Unità d’Italia e il primo Novecento - il Fascismo


Con l'annessione del Regno delle Due Sicilie al Regno d'Italia nel 1861 e l'estensione delle leggi del vecchio Regno di Sardegna all'intero territorio italiano, la comunità gay che si era formata nel Sud Italia visse attimi di tensione, nel timore di venire perseguitati e giustiziati per la loro sessualità nel caso in cui fossero state applicate al Sud anche le leggi sull'omosessualità: timore infondato, poiché i sovrani Savoia, rendendosi conto che l'ex-Regno delle Due Sicilie aveva una ricchissima popolazione e cultura omosessuale, scelse di non applicare le leggi contro questa e contro l’incesto nei territori del meridione, giustificando questa scelta come “assecondare la particolare natura del popolo meridionale”: per i primi trent’anni circa della sua unità, quindi, prima della pubblicazione di un codice penale unico che dichiarasse legale l’omosessualità, l’Italia visse una situazione singolare, in cui essere gay era illegale a Torino, Milano o Cagliari, ma non a Napoli, Palermo o Bari.

Negli anni ‘10 e ‘20, nonostante la povertà dell’isola, la Prima Guerra Mondiale e il seguente clima di tensione politica causato dall’avvento del fascismo, la Sicilia restò un grande centro di cultura omosessuale, in particolare Catania (oltre a Taormina, il cui ruolo di capitale gay della Sicilia non tramontò affatto con l’avvento del XX secolo) in cui vennero aperti numerosi locali notturni, sale da ballo e punti di ritrovo gay; con la promulgazione del Codice Rocco, che pur non condannando esplicitamente l’omosessualità si rifiutava di riconoscerlo come un orientamento sessuale reale e legittimo, e l’inizio di una pubblica e spudorata persecuzione di chi si identificava come omosessuale o transessuale (che già era diffusa negli anni precedenti, ma veniva nascosta o sminuita), lo scenario gay siciliano fu costretto ad andare in clandestinità, ma mai si fermò: la seduzione non avveniva più in pubblico, sotto gli occhi di tutti, ma la sera, di nascosto, fra balli segreti e travestimenti e incontri notturni nei vicoli della città, e non prevedeva come soggetti i tipici stereotipi del dandy o dell’intellettuale in cerca di svaghi, ma bensì gente comune, parte del popolo, artigiani e agricoltori come anche garzoni e manovali.
Negli anni ‘30, come dicevamo, il regime fascista iniziò a punire penalmente chi era accusato di omosessualità: le pene considerate più leggere erano gli arresti domiciliari fino a due anni, e l’arresto per un massimo di un anno, mentre la pena più grave in assoluto era l’essere mandati al confino, sorte che toccò, insieme agli altri “nemici” e oppositori del regime, a moltissimi uomini gay e donne trans (all’epoca visti come uguali, perché entrambi devianti dalla norma dell’uomo forte e virile idolatrata dal regime e quindi potenzialmente un pericolo per esso). Luoghi di confino furono gli estremi Sud e Nord dell'Italia: al Sud, in particolare, l'isola di San Damiano in Puglia e Ustica in Sicilia, oltre all'entroterra sardo, furono utilizzati come veri e propri centri di detenzione, delle isole all’interno delle isole.
Le donne lesbiche, pur non venendo perseguitate pubblicamente e istituzionalmente, erano costrette dalla società eteropatriarcale che il fascismo supportava ad andare “sotto copertura” e condurre una vita da perfetta donna di casa e madre sottomessa al marito; le uniche associazioni femminili permesse dal regime erano quelle di matrice cattolica che appoggiavano la gerarchia uomo-donna promulgata dal fascismo, e le poche relazioni omosessuali clandestine che due ragazze o donne potevano avere erano con amiche a loro volta lesbiche, come di frequente succedeva, all’insaputa dei parenti e del marito.


Dal Dopoguerra a oggi - il Delitto di Giarre


Lo stigma culturale e istituzionale contro i membri della comunità LGBT affermatosi durante il fascismo certo non scemò con la caduta del regime e l’avvento della Repubblica (la quale mantenne in vigore il Codice Rocco come codice penale, ricordiamolo, fino al 1989), ma cominciarono a formarsi, in opposizione all’oppressione dello Stato e della società, diversi gruppi di liberazione omosessuale, in Italia come in tutta Europa.
Uno dei primi tentativi di associazione avvenne nel 1963, col gruppo gay ROMA-1 (Rivolta Omosessuale Maschi Anarchici - prima fase, diventata nel 1972 Fronte Nazionale di Liberazione Omosessuale e in seguito Rivolta Omosessuale), e nel 1971, con la prima grande associazione per i diritti gay, il Fuori! (Fronte Unitario Omosessuale Rivoluzionario Italiano), con sede a Torino e operante (addirittura pubblicando una rivista omonima) fino al 1982.

Nonostante le lotte per i diritti civili e per l’uguaglianza cominciassero a farsi più presenti e imponenti, in Sicilia così come nel resto d’Italia l’odio e la discriminazione nei confronti di chi era “diverso” era ancora forte, e si manifestava sotto forma di ingiurie, matrimoni combinati con il sesso opposto, abusi da parte della famiglia o dei picciotti locali, o addirittura assassinii.
Questa è la sorte che toccò a Giorgio Giammona e Toni Galatola, rispettivamente di 25 e 15 anni, una coppia di fidanzati soprannominati i ziti di Giarre conosciuta in tutto il paese – Giorgio, in particolare, era apertamente gay e aveva già subito denunce per omosessualità all’età di 16 anni, ed era noto dispregiativamente in paese come “puppu cu’ bullu”, puppo (nel catanese, un insulto rivolto ai ragazzi gay) col bollo – quando furono ritrovati con una pallottola ciascuno in testa, mano nella mano, la notte fra il 30 e il 31 ottobre 1980. I due giovani erano già scomparsi da due settimane, col sospetto che si trattasse di una fuitina, una fuga d’amore; nonostante ad oggi non si sia trovato un colpevole certo, le indagini portarono a individuare l’allora tredicenne nipote di Toni, Francesco Messina, come l’assassino, che nella sua confessione, in seguito ritratta, ammise di aver sparato ai due su incarico della famiglia e con il benestare delle vittime, perché convinte che non sarebbero mai stati in grado di vivere serenamente insieme.
L’assassinio di Giorgio e Toni costrinse finalmente lo Stato a riconoscere come legittime le discriminazioni contro gli omosessuali, e a prendere finalmente una posizione contro di esse (il che non avvenne affatto immediatamente, ma molto dopo); immediatamente dopo l’assassinio, inoltre, venne aperto il primo collettivo Fuori! della Sicilia orientale e organizzate numerosissime manifestazioni contro l’omofobia, e su iniziativa di Marco Bisceglia, prete lucano favorevole ai diritti gay, Nichi Vendola, Massimo Milani, Gino Campanella ed altri militanti omosessuali, il 9 dicembre 1980 venne fondato a Palermo il primo nucleo italiano di quella che poi sarebbe diventata l'Arcigay, la più nota e importante associazione per i diritti e la cultura gay d'Italia, attiva ancora oggi in tutto il territorio nazionale.
Il 28 giugno 1981 a Palermo, nei pressi di Villa Giulia, si svolse la prima “festa dell’orgoglio omosessuale” organizzata dall’Arcigay di Palermo, considerata da molti come un primo abbozzo di un Pride come se n’erano già svolti alcuni prima (il primo Pride ufficiale in Italia si svolse nel 1994 a Roma, frutto della collaborazione fra Arcigay e circolo Mario Mieli); l’Arcigay aveva già cominciato a prendere piede nel resto d’Italia, e ne vennero aperti molti altri nuclei, fra cui uno a Bologna e a Milano, oggi i più importanti in Italia, e a Roma, mentre ispirati da altri circoli simili come il Tiaso o il Lambda, nacque in questo periodo il collettivo lesbico femminista Le Papesse a Catania, impegnato nello stesso modo nel campo dei diritti femminili e omosessuali.


A oggi, nonostante la mentalità generale in Sicilia sia poco più aperta di quella dell’italiano medio, Palermo resta, come Napoli, una delle città più aperte del Sud Italia per quanto riguarda l’omosessualità: seguendo le orme di Milano, anche a Palermo le famiglie lesbiche o gay possono da qualche giorno essere registrate negli atti di nascita dei figli, e i Pride di Catania e di Palermo, appena cominciato e che occuperà tutto luglio e agosto per culminare nella parata a inizio settembre, sono tuttora fra i più “vocali” d’Italia.

Non è amore se ti fa male
Non è amore se ti controlla
Non è amore se ti fa paura di essere quello che sei
Non è amore se ti picchia
Non è amore se ti umilia…

Non è amore…

.
È l'ultimo post che ci ha lasciato Noemi, una ragazza di 16 anni, di Lecce, assassinata dal ragazzo di 17 anni col quale aveva una storia.

Lei ora non c'é più.
E’ stata uccisa e poi nascosta sotto un cumulo di pietre.
Chi é andato sul luogo del ritrovamento ha scorto solo le sue scarpe.. i suoi piedi che fuoriuscivano da quella pila di pietre.

Ma noi ci siamo ancora. Siamo qua e abbiamo gli occhi per vedere. Noi ci siamo e abbiamo i mezzi per capire.

Siamo qua sgomenti
ma abbiamo il dovere di leggerlo e scolpirlo nell'anima quell'ultimo suo post.

É per ognuno di noi.
Anche per me che oggi mi vergogno di essere maschio e mi vergogno di appartenere
a questo paese dove si ripetono di continuo episodi come questo.
Io che non riesco a togliermelo dalla testa il pensiero che il nostro sia un paese malato
e “diseducato”.
Analfabeta su tutto ciò che riguarda il mondo dei sentimenti e delle relazioni.

Noemi se ne è andata.
Ma il tempo che ha condiviso con noi, prendiamolo come un dono e una lezione.

La sua breve vita ci insegni almeno, a cambiare i nostri schemi mentali.
A uscire dall'ignoranza.
.
L'amore non è questa cosa qui.
Non è possesso. Non è violenza.
Non ha nulla a che vedere con l'arroganza di chi decide lui se tu puoi continuare a vivere o meno…

L'amore è prima di tutto rispetto, condivisione, mettere l'altra persona al di sopra del proprio Egocentrismo.

Non è il mio paese, la terra dove le persone si girano dall'altra parte e fanno finta di niente quando accadono fatti come questo. Perchè non debba mai più accadere una atrocitá simile.

Ciao Noemi.

Perdona questa terra e l'indifferenza di chi l'abita.

10 anni

Oggi è il compleanno del mio ex. Quando dico “il mio ex” mi riferisco solo ad una persona: il mio ex storico, quello con cui la storia è durata 4 anni e mezzo. Mi sono innamorata altre volte dopo di lui, ho avuto anche qualche “storia”, ma sono tutte storie con le virgolette appunto. Magari per via della distanza, della impossibilità di stare veramente insieme, della durata piuttosto irrisoria, le ho sempre messe un gradino sotto quella relazione.

A dicembre saranno passati 10 anni da quando ci siamo lasciati. Cioè da quando io ho lasciato lui. Non c’è stato un giorno da allora in cui io mi sia realmente pentita di averlo fatto, non ci amavamo più e avevamo preso strade diverse, perciò non voglio parlarne come di qualcosa che oggi ci poteva essere e invece non c’è. Non c’è una storia con lui ora, perché è giusto che non ci sia.

Il discorso è un altro. Il discorso è che 10 anni sono tanti. Se mi fermo a pensarci, come mi è capitato in questi giorni, mi manca il fiato. Dieci anni dalla mia prima (e ultima) storia. Come dicevo prima, non mi sono annoiata, ho vissuto sempre i miei sentimenti, ho fatto sesso, mi sono divertita, ho detto ti amo e l’ho detto pensandolo, ma quella quotidianità, quella di dieci anni fa non l’ho mai più avuta. E in dieci anni si cambia, si cambia tantissimo e si impara a fare a meno di quella quotidianità. Me ne sono costruita un’altra, tutta mia, in cui spesso e volentieri faccio fatica a trovare anche un solo minuto di tempo per me e mi chiedo come farei se avessi davvero la storia che tanto cerco, sapendo che il tempo, in quel caso, lo troverei. Mi piace la mia quotidianità, mi piacciono i miei amici, mi piace passare del tempo con i miei, fare sport, mi piace avere una casa mia arredata a mia immagine e somiglianza, mi piace abitare da sola, progettare viaggi. Mi piace stare sul divano a guardare serie TV in pigiama, mi piace fare tardi a parlare con un’amica, mi piace flirtare con gli uomini,  davvero, mi piace tutto questo. Ma (perché dai, era ovvio che ci fosse un ma dopo tutto questo). Ma credo che 10 anni da sola mi abbiano trasformata, che per costruirmi questa quotidianità io sia diventata un’altra persona. Non migliore, né peggiore, ma sicuramente diversa. Mi sono costruita il mio mondo e c’ho messo così tanto a mettere insieme tutti i mattoncini da sola, a stare attenta a non farli crollare (che dio solo sa quante volte questi mattoncini in questi anni hanno rischiato di cadere tutti insieme) che non so più chi sono. Mi sono resa conto che non piango più di fronte alle persone. Non per cose mie. Posso piangere per un film, ma se racconto quello che mi succede non piango. Io piangevo sempre, ora ho smesso. Ho imparato a piangere quando sono da sola, a consolarmi da sola, ad addormentarmi da sola. È una cazzata probabilmente, però indicativa per il tipo di persona che ero una volta. Mi chiedo se questi 10 anni mi abbiano fatto chiudere anche su tutto il resto, se troverei il modo di affrontare una relazione con la curiosità e voglia che avevo 10 anni fa. Mi chiedo se ora che ho imparato a stare da sola permetterò a qualcuno di distruggere questo equilibrio che ho creato per crearne uno nuovo con il rischio di dover ricominciare di nuovo da zero. Mi chiedo se questa mia ostentazione dello ‘riesco a stare bene anche da sola’ spesso non venga percepita come un ‘voglio stare da sola’.

Le domande sono tante, la risposta che ho, al momento, è una sola: non voglio stare da sola. Ci so stare e non lo cambierei per qualcosa che valga di meno della quotidianità che ho ora, ma vorrei averla quella quotidianità che ho provato una sola volta nella vita. Mi manca quello che ero 10 anni fa, mi manca quello che avevo 10 anni fa e vorrei tanto che qualcuno mi abbracciasse e mi dicesse che ce l’avrò ancora, che sarò ancora in grado di avere quella felicità là, che prima o poi arriverà anche per me. 

Che lo so che sarà così, ma sono stanca di fare anche questo da sola.

@ildiariodigin 

Comptine d'un autre été - Amèlie 

Questa la suono ad occhi chiusi. Lo sai. ;) 

L’ho studiata molti molti anni fa con te. Sarai nauseata di ascoltarla ma tempo fa avevi postato proprio un post di un ragazzo che suonava questa canzone per rivelarmi il tuo desiderio di potermi ascoltare ancora una volta al pianoforte. Ti piaceva molto e mi chiedevi sempre di suonarla…

Ora puoi ascoltarmi quando vuoi.                                                                   Beh, non è suonata con il pianoforte a coda di Madre che non è che posso trasferirlo dove sono ora ma, è pur sempre quella canzone, suonata da me per te…

Buon ascolto. 

A la base je disais que j’aimais pas Black Mirror mais rien que ce soir j’en ai regardé deux et maintenant il est 1h du mat et je dormirai plus jamais parce que je suis persuadée que quelqu’un va venir me tuer avec un marteau allez bisous.

Sono le cinque della mattina e indovinate chi ancora non ha chiuso occhio? Lo stronzo qui presente ma e’ ovvio.

Andiamo passo passo e ripercorriamo cosa ho fatto:

  1. Ho guardato un film deprimente in bianco e nero che non so come si chiamasse perché nel mentre ero occupato a farmi una carbonara. Alla fine però so che i due tizi muoiono; beati loro.
  2. Mi sono ustionato la mano ed ho lanciato giù i peggio santi per scolare la pasta.
  3. Per togliere una notifica di Instagram mi son ritrovato catapultato in una live di una tizia che ha iniziato a farmi domande su domande ed io come un deficiente son rimasto lì a rispondere scrivendo.
  4. In tutto questo la pasta era ormai fredda, ma era una carbonara e di quella non si butta via mai niente.
  5. La tizia con cui ho fatto una figura di merda alla fine, oltre che essere molto bellina ci ha tenuto a ringraziarmi della compagnia che le ho offerto. (Non ha menzionato il fatto che se l’è auto-presa da sola incastrandomi con domande e complimenti).
  6. L’ho insultata greve visto il sacrilegio che mi aveva fatto fare nei confronti della mia amata pasta.
  7. Mi son consolato facendomi un toast alla nutella, che ho finito per bruciare mentre stavo lavando padella e piatto.
  8. Avendo capito che non era aria per andare in paradiso mi sono messo ad ascoltare canzoni deprimenti che mi facessero venire quel mood giusto per buttarmi nel letto e soffocarmi tra i cuscini.
  9. Mi son ritrovato alle quattro in bagno a cantare “bella y sensual”,nuova canzone di Nicoló Marmellata, Daddy ( non pensate male voi porconi) Yankee, e Romeo Santos, che di Santos per le canzoni che fa non ha nulla, forse giusto il pallone “Super Santos” che compra al figlio. Ovviamente la scena e’ stata imbarazzante, ai livelli del trash del grande fratello.
  10. La depressione e’ sopraggiunta pensando banalmente alla mia vita, ad alcune situazioni ed al fatto che del prossimo esame che devo fa so meno di un cazzo, manco le sbobbine, padre Pio e l’angeli potranno salvamme.
  11. Mi decido a fare le rampe di scale di casa e puntuale come il piscio dopo una bevuta di birra, ho beccato lo scalino scalzo con le dita. Penso di non aver mai tirato un porcone più grande di quello che è sceso quest’oggi.
  12. Con gli occhi appannati dalle lacrime di dolore, affaticato dalla mangiata appena fatta mi son messo nel letto, ho guardato persone inutili che facevano cose inutili su Instagram, su Facebook ho visto qualche video condiviso da persone a me ignote del tipo:” indiano salva gatto da pitone” - “ Onestini e Tonon? ONESTON <3” e credo che con questi due esempi voi abbiate colto il livello culturale di questa situazione.
  13. Mi son rigirato nel letto, ho scaricato un giochino, ho perso al giochino, mi son depresso ancora di più vedendo che facessi schifo anche lì oltre che nel mio quotidiano, mi e’ venuta voglia di suonare il pianoforte. Capendo di non poterlo fare se no mi prendevano a coltellate i miei, mi son depresso ulteriormente.
  14. Mi son messo a scrivere i miei disagi su questo post per cercare di prendere sonno, ma rileggendolo, vedendo i miei problemi tutti riportati per iscritto e il mio degrado,mi son depresso ulteriormente.

Oh ma io lo so che voi leggendo tutto ciò vi farete una risata, magari metterete un mi piace consolatorio e un reblog per far vedere ad altri che c’è chi sta messo peggio! Io questo lo so e sapete che vi dico eh? LO SAPETE COSA VI DICO?

Che fate bene perché io non sto sano di mente e per consolarmi mi faccio un panino che m’e’ venuta fame.

Addio.