dire hearts

anonymous asked:

Do you have any sketches lying around that you could show us? Something you thought you’d finish but haven’t gotten to? I know we’d all be so grateful to see some if you have any you’d be willing to share!

uhhhhh okay okay I can compromise on a couple lil snips of eventual things to come one day eventually. My sketches are crummy as all heck tho, especially on paper.

and these are just portions of the whole mind you


And this thing. Still getting picked at dw I haven’t forgotten. Uh, spoils the designs a little tho pbbbt

OH HECK wait no I’ve got one thing that was a quick scribbly accompaniment to the very first voltron thing I drew ever but did not finish nor share and still want to hold on to for some reason.

But this bit wasn’t gonna go any further for sure

hah what a mess


… *quietly tacks on one more thing* 

modernshoppingtripsplsandthanku

Dovreste capire che l’inglese è la lingua più bella del mondo, se provereste a capirla, ve ne innamorereste.
In inglese innamorarsi si dice “fall in love” letteralmente tradotto “cadere in amore”, e infatti in amore si cade e cadendo ci si fa male e rialzarsi è una vera e propria sfida.
Invece “I am in love with you”, si traduce in “io sono innamorato con te”, non di te, e come se si desse per scontato che l’altra persona ricambi.
In together c’è la parola “to - get - there” ovvero “per arrivare li” , come se per arrivare da qualche parte bisognerebbe essere insieme.
Si potrebbe amare l’inglese anche per il solo motivo che la parola “crush” che vuol dire “cotta”, ti fa venire in mente il rumore di uno schianto infatti quando si è cotti di una persona si va a sbattere con la testa un po’ ovunque.
Oppure ci avete mai pensate mai che la stessa parola “imperfect” contiene “I’m perfect”?
Ed è la stessa cosa in impossibile. Mentre “piangere a dirotto” si dice “crying your heart out” come se ogni volta che piangiamo forte rischiassimo di perdere un pezzo di cuore.
Mentre la parola “lucciole” si traduce con “fireflies” letteralmente “fuoco che vola” e solo se provi ad immaginare la scena potresti rabbrividire.
Cioè dai, vogliamo parlare della parola “bed” che se la guardi attentamente ha la forma di un letto? O della parola “stressed” che al contrario si legge “dessert”?
Pensate alla parola fine, che in italiano fa tanta paura e provoca spesso dolore che in inglese vuol dire “bene”.
La parola maschio invece si traduce in “male” e questo già ci fa capire quale sia la differenza tra maschio e uomo. Una cosa meravigliosa e invece che “io” è l’unico pronome che si scrive sempre maiuscolo, non “tu”, non “noi”, sempre e solo “io” come a ricordarci che noi stessi siamo esseri importanti.
Gli Inglesi inoltre usano l’espressione “learn by heart” per dire “imparare a memoria” come se la memoria non risiedesse nella mente e infatti i ricordi più belli hanno sede nel cuore.
Ma la cosa più bella rimane che dicendo “I love you” si annulla la differenza che in italiano abbiamo tra ti amo e ti voglio bene.
Diciamolo questi inglesi con le parole ci sanno proprio fare.

That AU where Peter’s wife dies in a terrible accident.  

She dies, but her heart?  Her heart is still just fine.  And Stiles Stilinski is a boy in dire need of a heart transplant.  

Five years later, Stiles hires Peter as a contractor to help build a new cafe that he’s planning to open in town, and Peter hears his wife’s heart beating for the first time in half a decade in this young man’s chest.  

Dovreste capire che l’inglese è la lingua più bella del mondo, se solo provaste a capirla, ve ne innamorereste.
In inglese “innamorarsi” si dice “fall in love”, letteralmente “cadere in amore”, infatti in amore si cade e cadendo ci si fa male, poi rialzarsi è una vera sfida. Invece “I am in love with you” si traduce con “io sono innamorato con te”, non “di te”, come se si desse per scontato che l’altra persona ricambi. In “together” ci sono le parole “to-get-there”, come se per arrivare da qualche parte bisognasse essere insieme. Si potrebbe amare l’inglese solo per il fatto che la parola “crush”, che vuol dire “cotta”, ricorda il rumore di uno schianto, infatti quando si è cotti di qualcuno si va a sbattere con la testa un po’ ovunque. Oppure ci avete mai pensato che la stessa parola “imperfect” contiene “I’m perfect”? Ed è la stessa cosa con “impossible”. Mentre per dire “piangere a dirotto” si dice “crying your heart out”, come se ogni volta che piangiamo forte rischiassimo di perdere un pezzo di cuore.
Mentre la parola “lucciole” si traduce con “fireflies”, letteralmente “fuoco che vola” e se solo proviamo ad immaginare la scena potremmo rabbrividire. Vogliamo parlare della parola “bed”, che se la guardi bene ricorda veramente un letto? O della parola “stressed” che al contrario si legge “desserts”? Pensate alla parola “fine”, che in italiano fa tanta paura e spesso provoca dolore, mentre in inglese significa “bene”.
“Maschio”, invece, si traduce “male” e questo già ci fa capire la differenza tra “maschio” e “uomo”.
Una cosa meravigliosa è che “io” è l’unico pronome che si scrive maiuscolo, non “tu”, non “noi”, sempre e solo “io”, come a ricordare a noi stessi che siamo importanti.
Gli inglesi, inoltre, usano l’espressione “learn by heart”, per dire “imparare a memoria”, come se la memoria non risiedesse nella mente ed infatti i ricordi più belli hanno sede nel cuore. Ma la cosa più bella rimane che dicendo “I love you” si annulla la differenza che in italiano si ha tra “ti amo” e “ti voglio bene”. Diciamolo: questi inglesi con le parole ci sanno proprio fare.

vexahliaderolo  asked:

vex drunkenly trying to teach her equally drunk husband how to say simple phrases in draconic except they're both SMASHED and they both keep getting distracted and handsy instead of paying attention to their draconic lessons LMAO

There’s a mostly empty bottle of Dire Heart on floor between them, the fire throws off enough light to see by even for Percy, and Vex is tapping the smudged ink on a piece of parchment laid out by her knee. 

“No, no, darling it’s pronounced kev-THAR-thus.” Except it’s slurred and she’s giggling and Percy’s hand has wandered around her waist, his fingers shifting the fabric of her shirt up so he can feel her skin.

His other hand is grabbing for the bottle. “Is that so?” Percy scoots closer, crumpling the edge of the parchment. 

Vex takes his glasses off and kisses him soundly. “Say it again?”

“I need those to read,” he says, but it’s more a protest of formality because he’s certainly not spilling some of the drink across the scribbled runes in an effort to pull Vex onto his lap. 

“You can’t read the runes anyway!” Vex giggles again. “Just this one,” she says, kissing him quickly. “Just learn one and then–” another kiss “–you’ll know everything.”

Percy knows that he does not, in fact, know everything. If he remembers anything about these lessons, it won’t be any new words.

Full Circle - Chapter One

This is my new muti-chapter story. Thank you to @ailingnoor for so kindly proof-reading for me. It follows Owen and Amelia from the final scene of 14x05 and how their lives play out dealing with their separation, dating, their friendship… It is canon to the current story-line but I have adapted it to fit with my own twists and turns. I really hope you enjoy it! 😘😘😘😘 Reviews and comments are always welcome! 💙💙💙💙💙💙💙💙💙💙💙💙💙


Time moves differently, differently than it used to. Seconds, minutes, hours and days all feel longer, but at the same time they are all passing by so quickly, too quickly. If freedom makes you feel free then why do I feel so trapped? It is as though my life has stopped but the lives of those around me keep on moving. I am back to square one, though this time it isn’t because of my broken sobriety. It is my broken heart. People come and go from your life all the time, I know that better than anyone – but I ran away from the one person I vowed never to leave. It might have been the tumour- I think it was the tumour, but I will never know for sure. That is something I have learned to live with, the not knowing. If I myself don’t know what was me and what was the tumour, how could Owen possibly know? He was right- we don’t know each other, not anymore. As I am reassessing and questioning every decision I made over the last ten years, I know Owen was… is real. I remember how I felt when we sat in chapel, the first kiss, the first night, our first official date, the proposal- I know because when I look at him now those feelings are still there. It’s confusing and it’s complicated but I look at Owen and I see the life I want, the life I told myself I was too damaged to deserve. But he deserves to be happy. I don’t know if his happiness involves me, but I know that right now, he can’t find that out if I’m always there with him. He needs the time to figure out what he wants, we both do. 

Keep reading

George Harrison and Joe Brown, and a few fairly recognizable guitars. Photo courtesy of Genesis Publications, presumably © Harrison Family.

“When The Spacemen became Joe [Brown]’s backing band The Bruvvers the hits began to roll in, with Joe headlining tours that featured Del Shannon, Dion, The Crystals… and a new young band called The Beatles. ‘No one realised back then how big The Beatles were going to be but I could see they were very different,’ he says. ‘They’d been through the gamut of rock ’n’ roll in those German clubs where they were playing eight or nine hours a day.

‘They were great: George played beautiful guitar, John was an aggressive rocker and Paul was just so full of talent. Individually there were loads of musicians around who were better than them but here’s the thing… they were a great band.

‘George was a real chord merchant.

‘In fact, Mark Knopfler of Dire Straits paid tribute to him in Sultans Of Swing in that line “Guitar George, he knows all the chords.” Later I moved to where George lived, Henley-on-Thames, and he phoned me up one day and said “we should get together”. Soon I was round his house almost every other day and we loved playing the ukulele together.

‘What we had in common was that neither of us was a musical snob. Music was music and if it came from the heart, it was good. We liked music that went way back – like George Formby, Hoagy Carmichael. Real music.’ What made George Harrison such a true friend? ‘Ukuleles!’ says Joe. ‘We both love ukuleles. George ended up as my best man and he certainly was an’ all. He was a wonderful friend and I miss him every day. I don’t seem to be able to think about him in the past tense, I always figure he’s still around.’” - “Singer Joe Brown: I’m still rocking at 75” by Chris Roycroft-Davis, Express, 11 October 2016

L'inglese è la lingua più bella al mondo

Oggi dovreste capire una cosa.
Dovreste capire che l'inglese è la lingua più bella al mondo, se solo provaste a capirla, ve ne innamorereste.
In inglese Innamorarsi di dice Fell In Love letteralmente tradotto Cadere In Amore, infatti in amore si cade, e cadendo ci si fa male e rialzarsi è una vera e propria sfida.
Invece I’m Love With You si traduce Io Sono Innamorato Con Te, non di te, come se si desse un po’ per scontato che l'altra persona sia lì pronta a ricambiare.
In Together c'è la parola To Ger Ther ovvero Per Arrivare Lì, come se per arrivare da qualche parte bisogna essere insieme.
Si potrebbe amare l'inglese anche solo per il motivo che la parola Crush che vuol dire Cotta ti fa venire in mente il rumore di uno schianto, infatti quando si è cotti di una persona si va a sbattere con la testa un po ovunque.
Oppure ci avete mai pensato che la stessa parola Imperfect continente I’m Perfect.
Mentre Piangere A Dirotto di dice Crying Your Heart Out come se ogni volta che piangiamo forte rischiassimo così di perdere un pezzettino di cuore, questo è incredibile.
Mentre la parola Lucciole si traduce in Fireflies letteralmente Fuoco Che Vola e se solo provi ad immaginare la scena, giuro, ti vengono i brividi.
Cioè dai, vogliamo parlare della parola Bed che se la guardi attentamente ha la forma di un letto, o della parola Stressed che al contrario si legge Dessert.
Pensate alla parola Fine che in italiano fa tanta paura e provoca spesso dolore alle persone, e invece in inglese cosa vuol dire…vuol dire Bene.
La parola Maschio si traduce in Man, e questo ci fa già capire quale sia la differenza fra maschio e uomo.
La cosa meravigliosa e che IO è l'unico pronome che si scrive sempre in maiuscolo, non tu non noi, sempre e solo IO, come a sempre ricordarci a noi stessi che siamo esseri importanti.
In inglese usano inoltre la parola Learn By Heart per dire Imparare A Memoria, come se la memoria non residiesse nella mente, infatti i ricordi più belli si hanno nel cuore.
Ma la cosa più bella rimane che dicendo I LOVE YOU si annulla così la differenza che in italiano abbiamo tra i Ti Amo e i Ti Voglio Bene.
Possiamo dircelo, questi inglesi con le parole, cazzo, ci sanno proprio fare.

Dovreste capire che l’inglese è la lingua più bella del mondo, se provaste a capirla, ve ne innamorereste. In inglese innamorarsi si dice ‘fall in love’ letteralmente tradotto ‘cadere in amore’, e infatti in amore si cade e cadendo ci si fa male e rialzarsi è una vera e propria sfida. Invece ‘I am in love with you’, si traduce in ‘io sono innamorato con te’, non di te, e come se si desse per scontato che l’altra persona ricambi.In together c’è la parola ‘to - get - there’ ovvero ‘per arrivare li’ , perché per arrivare da qualche parte bisogna essere insieme. Si potrebbe amare l’inglese anche per il solo motivo che la parola ‘crush’ che vuol dire cotta, ti fa venire in mente il rumore di uno schianto infatti quando si è cotti di una persona si va a sbattere con la testa un po’ ovunque.Oppure ci avete mai pensato che la stessa parola imperfect contiene ‘I’m perfect”? Ed è la stessa cosa in impossibile. Mentre “piangere a dirotto” si dice ‘crying your heart out’ come se ogni volta che piangiamo forte rischiassimo di perdere un pezzo di cuore. Mentre la parola “lucciole” si traduce con “fireflies” letteralmente “fuoco che vola” e solo se provi ad immaginare la scena potresti rabbrividire.Cioè dai, vogliamo parlare della parola ‘bed’ che se la guardi attentamente ha la forma di un letto? O della parola ‘stressed’ che al contrario si legge dessert? Pensate alla parola fine, che in italiano fa tanta paura e provoca spesso dolore che in inglese vuol dire “bene”.La parola maschio invece si traduce in ‘male’ e questo già ci fa capire quale sia la differenza tra maschio e uomo. Una cosa meraviglosa e invece che “io” è l’unico pronome che si scrive sempre maiuscolo, non “tu”, non “noi”, sempre e solo “io” come a ricordarci che noi stessi siamo esseri importanti. Gli Inglesi inoltre usano l’espressione “learn by heart” per dire “imparare a memoria” come se la memoria non risiedesse nella mente e infatti i ricordi più belli hanno sede nel cuore. Ma la cosa più bella rimane che dicendo “I love you” si annulla la differenza che in italiano abbiamo tra ti amo e ti voglio bene. Diciamolo questi inglesi con le parole ci sanno proprio fare.
L'inglese è la lingua più bella del mondo e se provaste a capirla ve ne innamorereste.
In inglese innamorarsi si dice “fall in love”, letteralmente tradotto “cadere in amore”, e infatti in amore si cade e cadendo ci si fa male; rialzarsi è una vera e propria sfida.
Invece “I'am in love with you” si traduce “io sono innamorato con te”, non di te, come se si desse per scontato che l'altra persona ricambi.
In “together” c'è la parola “to-get-there”, ovvero “per arrivare lì”, perchè per arrivare da qualche parte bisogna essere insieme.
Si potrebbe amare l'inglese anche per il solo motivo che la parola “crush”, che vuol dire cotta, ti fa venire in mente il rumore di uno schianto infatti quando si è cotti di una persona si va a sbattere con la testa un pò ovunque,
Oppure ci avete mai pensato che la stessa parola imperfect contiene “I’m perfect”? Ed è la stessa cosa con impossible.
Mentre “piangere a dirotto” si dice “ crying your heart out”, come se ogni volta che piangiamo forte rischiassimo di perdere un pezzo di cuore.
Pensate ora alla parola fine, che in italiano fa tanta paura e provoca spesso dolore, in inglese vuol dire “bene”.
Un altra cosa meravigliosa è che “io” è l'unico pronome che si scrive sempre in maiuscolo, non “tu” non “noi”, sempre e solo “io”, come a ricordarci che noi stessi siamo esseri importanti.
Gli inglesi in oltre usano l'espressione “learn by heart” per dire “imparare a memoria”, come se la memoria non risiedesse nella mente e infatti i ricordi più belli hanno sede nel cuore.
Ma la cosa più bella è che “i love you” annulla la differenza che noi abbiamo tra ti amo e ti voglio bene
—  Cit
“Dovreste capire che l’inglese è la lingua più bella del mondo, se provereste a capirla, ve ne innamorereste.
In inglese innamorarsi si dice "fall in love” letteralmente tradotto “cadere in amore”, e infatti in amore si cade e cadendo ci si fa male e rialzarsi è una vera e propria sfida.
Invece “I am in love with you”, si traduce in “io sono innamorato con te”, non di te, e come se si desse per scontato che l’altra persona ricambi.
In together c’è la parola “to - get - there” ovvero “per arrivare li” , come se per arrivare da qualche parte bisognerebbe essere insieme.
Si potrebbe amare l’inglese anche per il solo motivo che la parola “crush” che vuol dire “cotta”, ti fa venire in mente il rumore di uno schianto infatti quando si è cotti di una persona si va a sbattere con la testa un po’ ovunque.
Oppure avete mai pensato che la stessa parola “imperfect” contiene “I’m perfect”?
Ed è la stessa cosa in impossibile. Mentre “piangere a dirotto” si dice “crying your heart out” come se ogni volta che piangiamo forte rischiassimo di perdere un pezzo di cuore.
Mentre la parola “lucciole” si traduce con “fireflies” letteralmente “fuoco che vola” e solo se provi ad immaginare la scena potresti rabbrividire.
Cioè dai, vogliamo parlare della parola “bed” che se la guardi attentamente ha la forma di un letto? O della parola “stressed” che al contrario si legge “dessert”?
Pensate alla parola fine, che in italiano fa tanta paura e provoca spesso dolore che in inglese vuol dire “bene”.
La parola maschio invece si traduce in “male” e questo già ci fa capire quale sia la differenza tra maschio e uomo. Una cosa meravigliosa e invece che “io” è l’unico pronome che si scrive sempre maiuscolo, non “tu”, non “noi”, sempre e solo “io” come a ricordarci che noi stessi siamo esseri importanti.
Gli Inglesi inoltre usano l’espressione “learn by heart” per dire “imparare a memoria” come se la memoria non risiedesse nella mente e infatti i ricordi più belli hanno sede nel cuore.
Ma la cosa più bella rimane che dicendo “I love you” si annulla la differenza che in italiano abbiamo tra ti amo e ti voglio bene.
Diciamolo questi inglesi con le parole ci sanno proprio fare.“
Perc’ahlia Moment Ep.78 Transcription - “How to Answer a Door”

aka: she DID that

Quick note, decided to just do Laura/Vex’s & Taliesin/Percy’s dialogue/responses, as there was a lot of crosstalk/sound effects happening & would’ve lengthened the process when REALLY this is all you sinful people need. Please enjoy! (And I personally recommend rewatching that part as much as possible, the acting & reacting are spectacular.)


Taliesin: As a quick thing.

Percy:  I knock on Vex’s door. I have a bag. I go to Vex’s door, I knock on her door.

[knock knock knock knock]

Vex: Uhm hello, who is it?

P: It’s me, I have something to show you.

Keep reading