dario olivero

Centaury VS Chicory

Il loop di due personalità travagliate, se espresse in forma negativa.

Perchè il centaury in forma negativa attira a se situazioni e personalità chicory? Centaury ormai entrato nella fase “biancaneve” stanco, debiliato e sottomesso, ricerca attenzioni. Cerca un qualcuno che gli dia attenzione e lo aiuti a riprendersi ed essere forte. Il pensiero muoverà un energia dal messaggio: “qualcuno si prenda cura di me: voglio attenzione”. Puntuale arriva chicory con la sindrome di “mamma chioccia” che con la mentalità di dare amore e quindi le cure necessarie al centaury, lo cattura. Lo catturerà perchè l'aiuto sarà espresso come merce di scambio in cambio di un qualcosa, di un attenzione simile, soffocante. Vi illuderà di farvi star meglio al principio ma poi vi sottometterà nuovamente con un amore non spontaneo ma dettato dal peso delle azioni e dallo scambio a cui ambisce. Solitamente si esprime in “hai visto cosa ho fatto per te, tu avresti dovuto… Da te mi aspetto ciò ora..”. Concetto di causa e conseguenza. Il chicory negativo non esprime un amore spontaneo ma legato al proprio ritorno materiale o anche solo per ricevere il complimento, l'approvazione e l’affermazione del prorpio gesto.

Caro centaury negativo la soluzione e di rafforzare il tuo corpo e la tua mente in modo autonomo, sii forte in modo da essere pronto a fare pensieri di indipendenza in modo da attirare a te persone forti che non useranno le loro azioni come merce per farvelo persare, non percepirete piu quei atteggiamenti come sottomissione. Siate forti e vi libererete da questo loop vizioso di squilibri tra stanchezza e sottomissione stessa.

Cheers

Equilibrio, personalita' e legge dell' attrazione.

Personalità e pensiero, per la legge dell’attrazione i pensieri sono energia, la fisica quantistica lo sottolinea. Attenzione a quello che si pensa. Perchè verrà mossa un energia che tu lo voglia o meno attirerà quello che hai pensato. Escludi il “non voglio” perchè pur non volendolo l’hai pensato. Capiterà, o almeno attirerai proprio quel pensiero, quel non volere. Le persona che attiriamo a noi sono le proiezioni del nostro pensiero, indi personalità molto simili a noi. Vediamo atteggiamenti e magari li critichiamo pure. La critica nasce nel momento in cui riconosciamo questi atteggiamenti negativi e comunque criticati, li riconisciamo che significa che ci appartengono. Da quel momento se cosciente si capirà che se si vuole migliorare, evolvere quello stato emotivo bisogna cambiare il pensiero di base per attirare persone o comunque situazioni non più criticabili equilibrate. Ció significherà anche la vostra personalità sara equilibrata.

IO

vivo un sogno quotidiano,

ogni momento è un mattoncino. Ho solo bisogno di essere concentrato, tutto è gioia e divertimento.

Si ora sono in DORODESIGN, molti mi ammirano perchè lavoro durante le vacanze. Io sono solo un designer che fa il suo meglio, sinceramente non capisco la definizione lavoro. E’ il mio stile di vita.

E’ quello che sono che mi porta a fare quello che faccio.

Cmq ringrazio tutti per l'appoggio.

Baci

A Saint-Tropez si fa facevano i primi scatti di una lunga serie. Scatti importanti, quelli che richiamano alla memoria personaggi e momenti altrettanto importanti. Indole da artista con atteggiamento da uomo di potere, da politico. Le sue mosse, i movimenti esprimono grande sicurezza, eleganza nei modi. Raffinato, di buon gusto: incline al bello. Lo scatto è stato preso da suo fratello, dona questo momento rubato durante un discorso mirato al futuro e alla sua ambizione e vocazione. Passione nei gesti decisi.

Ma oggi.

Eventi e situazioni capitano per farci imparare un qualcosa: fare esperienza.

Sarai più abile e preparato nel momento in cui una situazione si ripropone, saprai le risposte e cosa è più giusto o sbagliato. Se ciò non capita non hai imparato nulla, lo stesso errore si ripresenterà.

La cosa migliore che possa capitarti è di infilarti in qualsiasi esse siano, avrai un bagaglio così ampio da saper proseguire su ogni evento. Esperienza che diventa saggezza. Un mix di approccio e atteggiamento.

Oggi ho riconosciuto una situazione analoga a poco tempo fa. La stessa emozione, stesse parole, ma sfumature diverse. C’ero cascato in passato, ho cambattuto. Una perdita annunciata, non trovavo pace. Non c’era ragione. La lotta estenuante.

Ma oggi: ”abilmente mi sono destreggiato”.

Ho riconosciuto la mia verità, così palese e cristallina che non puoi sviluppare alcun sentimento negativo. E’ lì, la senti, è vera, quasi tangibile, non puoi altro che accettarla e andare avanti.

Grato per tutto, per le persone che mi hanno fatto fare esperienza, e farmi sentire oggi pronto, almeno per questo episodio.

Ho un percorso, anzi una leggenda personale da realizzare, let it flow, no more fighting.

D.

Giallo Sole.

Era piena notte in camera da letto, ero molto felice.

Una camera da letto “vecchio stile” con la classica cassettiera più specchio e armadio gigante: il guardaroba fino al soffitto. Colossale, pesante. Tutto era di legno anche il letto matrimoniale. L'unico tocco di colore un quadro sulla testa del letto, marylyn monroe, pin up, tutto molto anni 50.  Comunque era buio, penetrava poca luce dalla persiana socchiusa in fronte a me, più che luce era una timida luminosità della luce pubblica esterna. Silenzio, chiusi gli occhi, apperve un sole splendido, un cerchio gigante giallo intenso. Caldo. Emanava cerchi concentrici a forte intermittenza: frequenze di calore. Tutto ció sopra la mia testa. L'intermittenza dei cerchi mi colpiva, sentii un forte calore su tutto il corpo. Un senso di benessere mai provato prima, un caldo omogeneo da testa a piedi. Pieno di vita ed intensità. Tutto capitó in pochi secondi, aprii gli occhi incredulo, la mia vista era ancora piena di giallo. Percepivo le vibrazioni nella camera. La sensazione di rilassatezza che avevo allo stomaco è stato qualcosa di mai provato prima. Tutti i pensiere e le vecchie tensioni annientate per sempre.. Le presi la mano, era grazie a lei. Era la sua presenza. La abbraccia forte. Inizia a dormire come solo un bimbo, un essere puro, sa fare. Sono rinato.

Lei non c'è più; ma ora il sole risplende completo pieno di luce in camera mia, infronte a me dove l’ ho visualizzato anzi dove mi è apparso. Lo dipinto.

Ogni mattina lo guardo e rivivo quell’ intenso calore.

Il Tavolo.

Il tavolo, intorno al tavolo, sempre.

E il giorno dopo lo si riordina. Si fa chiarezza, amo l'ordine.

Tavolo come piano di lavoro o altro, la sensazione di un tavolo libero sui 4 lati lontano da impedimenti, fondamentale lontano da pareti, da subito la sensazione di laboratorio.

Il tavolo è spazio creativo.

Grazie allo spazio libero e l'ampia superficie da la possibilità di liberare la mente e “svuotarla” in forma di disegni, dipinti, o solo immaginare di creare o fare qualsiasi altra attività..

Il tavolo in fondo è qualcosa di multifunzionale, come un micro universo, una mini architettura.

time of your life

L'attimo prima di dormire è dedicato all'informazione. L'informazione è potere.

Buona musica che mi rilassa accompagnato da qualcosa di caldo e giù a scorrere blog e social network, foto, video e musica per riempirmi di energie e colori. Mi ritaglio tempo e spazio, uno spazio di pace dove non si rende conto a nessuno, nemmeno al tempo. Tempo per me stesso per soddisfare la mia sete di informazione, passione, vocazione e curiosità. Per capire cosa mi piace e cosa mi appassiona, tempo per conoscermi.

Informazioni non istituzionali ma libere pubblicate da amici e conoscenti una fitta rete di nick name e avatar che divulgano qualsiasi tipo di informazione per il gusto di farlo e la voglia di farsi sentire, di creare e cambiare per aggiornare un mondo in continuo cambiamento.

Sono questi gli attimi in cui con piena libertà si cambia il proprio quotidiano e quello degli altri.