danzen!tv

Sanremo 2016 - Prima serata

Finalmente ci siamo: abbiamo superato la prima serata del Festival di Sanremo 2016 e abbiamo quell’orgoglio e la fatica delle mamme che hanno appena partorito e guardano il figlio con quegli occhi metà tra il “sono stata brava” e “sembra un piccolo Danny de Vito”. 

L’evento dei popoli e delle nazioni si apre con un omaggio a tutti i vincitori. Gli anni ‘50 e ‘70 scorrono veloci, ma appena si arriva agli anni ‘90 e 2000 comincia la confusione, perché nessuno sa esattamente fare il conto dal 1993 e soprattutto perché il 2005 è durato quei sette anni buoni. Comincio a distrarmi.

Si apre il tutto e il palco viene svelato. Mi piace l’entrata cosmica optical piena di luccichii e tutto questo splendore abbagliante viene assorbito benissimo dalla pelle di Carlo Conti. Conti non mi pare più nero del solito, il livello è da ultima settimana di Agosto che alle otto già fa buio, quindi non lo trovo esagerato. Non capisco e mi annoiano le solite battutine su di lui, ma d’altronde io ho l’arguzia di uno stendino per i panni che si sviluppa in verticale, quindi COSA NE POSSO CAPIRE?

I cantanti

Lorenzo Fragola - Infinite volte

Il problema di Lorenzo Fragola (ricordo che io sono un proud fragoliner) è che è giovane e non ha molto da dire. Ma canta di storie d’amore finite, di cose. Si è sciupato troppo e sembra un ragazzino portato con la forza a un matrimonio di cugini. L’aria da chansonnier malaticcio andrebbe pure bene, ma non a 20 anni e non nel 2016. So già che la canzone in versione radiofonica mi piacerà, quindi preparo i miei braccialetti fatti di perline e i pomeriggi a produrre urlettini con le mie amiche (Cinzia e Cinzia)

Noemi - La borsa di una donna

A me Noemi non è mai piaciuta né è mai stata simpatica. Sarà una delle tante cantanti a presentarsi sul palco con dei nastri rainbow (brave), ma nessuna parlerà mai apertamente della causa (no brave) perché giustamente poi i chierichetti ti vengono a bucare le gomme. La canzone è una di quelle di rappresentanza delle storie delle donne, ma senza nessun guizzo. Ma di canzoni del genere non ce ne sono poi così tante, quindi bene fare numero

Dear Jack - Mezzo respiro

Stanotte ho sognato Alessio Bernabei, ex cantante dei Dear Jack, e questo la dice lunga. Ora c’è Leiner di X Factor, che è quello che aveva il groove, ma subito dopo la fine della trasmissione gli fu consegnato il Premio Silver alla carriera. Lui cerca di fare Marco Mengoni, io mi sforzo di fare quello che è contento di essere vivo

Giovanni Caccamo e Deborah Iurato - Via da qui

Lo showbusiness italiano è stato fin troppo clemente con questi due lasciando loro il cognome, ma noi possiamo esserlo altrettanto? Noi, persone disgraziate e incattivite dalla vita. La canzone è la solita tassa da pagare a Sanremo e a me non è neanche dispiaciuta. Lui è molto elegante nei modi e nel vestiario, lei è un lavoretto di Pasqua con le mollette. Mi piace molto il passaggio “sei sempre lì che aspetti di indossare le mie scuse come fossero medaglie da mostrare al mondo intero”

Stadio - Un giorno mi dirai

Gli Stadio tentano il colpaccio Roberto Vecchioni, io sono più interessato alle maniglie degli stipetti in cucina

Arisa - Guardando il cielo

La canzone di Arisa è molto elegante, così come lo è quasi tutta la sua musica. Ma il distacco tra musica e personaggio (colpa sua e della sua connessione internet) ormai mi ha reso totalmente estraneo a tutto quello che la riguarda. Il suo trucco è il migliore stasera, ma non posso dire lo stesso del vestito e dei capelli, sfortunatissimi

Enrico Ruggeri - Il primo amore non si scorda mai

Come si è sciupato

Bluvertigo - Semplicemente

Il mio aneddotto sui Bluvertigo è: in gita, anni e anni fa, andammo a Gardaland dove c’è lo Space Vertigo, e i miei compagni continuavano però a dire “andiamo sul Bluvertigo”. Ovviamente non ho più contatti con nessuno di loro. Morgan canta di dolore e sì, ok, loro sono loro e non possiamo dire niente, ma a quest’età sarebbe opportuno operare una transizione in direzione serata ramino con le ragazze

Rocco Hunt - Wake up

La sua è la canzone migliore: divertente, simpatica, sveglia. È piena colma di luoghi comuni e immagini facili, ma serve sempre una canzone simile. Lui mi è sempre stato molto simpatico e ignoro totalmente il motivo. Ci sono dei passaggi isterici che mi hanno fatto impazzire (la pensione del nonno - la signora vuole sempre i soldi). La gente dice che non capisce quello che dice. Ma perché, voi capite tutto quello che dicono alla tele? Pure cose come “reddito lordo” e “amminoacidi”?

Irene Fornaciari - Canzone di Irene Fornaciari di Sanremo

Ha i capelli migliori e un collo estremamente carismatico.  La canzone non è neanche pessima, peccato che lei abbia la presenza scenica di uno di quei serpenti di stoffa imbottiti per parare gli spifferi 

E il resto?

Carlo Conti è ancora più fermo e imbolsito dell’anno scorso. Il problema principale di Carlo Conti e che è fatto principalmente di legno di banano e quindi i guizzi artistici sono a lui estranei. La valletta ha lo spessore di una conversazione in ascensore. L’attrice comica dopo un po’ è fastidiosa (avete presente quando vi piglia quel solletico di strangolarvi con le tende?) Ma il vero problema è Gabriel Garko. Gabriel Garko non esiste. Lui è un’idea, un ritaglio dal giornalino di fotoromanzi. Interpreta quello che pensa dovrebbe essere. Gli viene detto che è un sex symbol e sia lui che le casalinghe con le ciocie ci credono. Questo, il carisma inesistente e i capelli. Oltre a i tratti somatici molto confusi. Un disastro completo.

Laura Pausini ormai Madonna del Rosario e prossima Regina d’Italia. Elton John impeccabile, ma democristiano. Degli altri non intendo nemmeno parlare.

Serata noiosissima.

The best parts of Shadowhunters episode 5

- Maryse Lightwood (we met the parents!!)

- Clary and Izzy’s friendship

- Clary and Alec training together

- “The Law is hard but it is the Law”

- “Alexander”

- THE CLASSICAL MUSIC PLAYING IN THE BACKGROUND

- the sparkly phone case

- “playing hard to get. I love a challenge”

- Simon’s super strength

- THE WEREWOLVES

- “The Circle and the Clave are no different”

- the middle school comeback

- Alec’s constipated face when they were trying to do the parabatai tracking

- LUKE

- Luke becoming alpha and everyone bowing to him

Feel free to add to the list as you like!