daniel pino

A Napoli puzziamo.
Io puzzo di tufo e di lava del Vesuvio. Puzzo di Posillipo, di Partenope, di canzoni cantate in tutto il mondo e tradotte in tutte le lingue. Puzzo di cozze, di Babá, di sfogliatelle, di dolci fatti in casa e puzzo pure di pasta al pomodoro e basilico. Puzzo di 3000 anni di storia, di 5 castelli e 365 chiese. Puzzo della prima illuminazione pubblica al mondo, del primo teatro lirico di sempre (S.Carlo 1730 - Re Carlo III di Borbone). Puzzo di pizza che tutti ci invidiano, di mozzarella che tutti si fanno spedire in tutte le parti d'Italia. Puzzo per le domeniche passate in famiglia e puzzo per quei napoletani uccisi per difendere la prima ferrovia in Europa, la Napoli/Portici. Puzzo per la prima università pubblica al mondo, la Federico II di Svevia, anno 1100. Puzzo del Cristo Velato, di Caravaggio, di Solimena, Ribera, Luca Giordano, Bernini e Canova, puzzo di Totò, di Troisi, di De Filippo, di Pino Daniele. Puzzo dei bambini che giocano ancora per le strade di Napoli, puzzo di sole, di mare, di scogli, di sabbia. Tutta questa puzza dà odore alla mia vita.
Perché non so che dire quando mi guardi così,
non riesco mai a finire un discorso senza errori.
Perché mi fai impazzire quando mi guardi così,
mi sembra di capire
che voglio solo te in questo mondo, voglio solo te
in questo mondo.
—  Amore senza fine - Pino Daniele

Tu stive ‘nzieme a n'ato,
ij te guardaje.
E primma 'e dà 'o tiempo all'uocchie pe’ s'annammurà,
già s'era fatt’ annanze 'o core:
“A me, a me”.

'O ssaje comme fa 'o core
quann’ s'è annamurato.

Tu stive 'nzieme a me,
ij te guardavo e me dicevo:
“comm’ sarrà succiesso 'ca è fernuto?”
Ma ij nun m'arrenn’,
ce voglio pruvà.
Po’ se facett annanz 'o core e me dicett: “tu vuò pruvà? E pruov, ij me ne vaco.”

'O ssaje comme fa 'o core
quann s'è sbagliato.

9

Napule è mille culure
Napule è mille paure
Napule è a voce de’ criature
Che saglie chianu chianu
E tu sai ca’ nun si sulo
Napule è nu sole amaro
Napule è addore e’ mare
Napule è na’ carta sporca
E nisciuno se ne importa
E ognuno aspetta a’ sciorta
Napule è na’ camminata
Int’ e viche miezo all'ate
Napule è tutto nu suonno
E a’ sape tutto o’ munno
Ma nun sanno a’ verità.