cosas comunes

Mejor Amiga.

¿Te acuerdas de la primera vez que nos conocimos? Eramos extrañas la una para la otra, pero poco a poco nos fuimos dando cuenta de que teniamos cosas en comun, como por ejemplo odiar al mundo, dia a dia nuestro lazo se hizo mas fuerte, eramos dos niñas, intercambiando todo el dia secretos y sonrisas, A partir de ahí han ocurrido cantidad de cosas, siempre has estado ahí para defenderme, para aconsejarme, para levantarme, para tirar de mi cuando todo tiraba en contra, para enseñarme que nuestra locura es la respuesta sana a este mundo enfermo.
Y sí, puede que nuestra amistad haya tenido algunas comas, pero nunca un punto final, pero esque aveces tienen que pasar cosas malas para darnos cuenta de las buenas, al final hemos acabado juntas sin dejar que nada ni nadie nos separe y eso, eso es lo que más importa.
 Se que en lo que venga más adelante quizás las cosas puedan cambiar, pero siempre me tendrás a tu lado toda la vida, espero que cuando seamos dos ancianas sigas poniendo motes a todo el mundo, sigas riendo con esa sonrisa loca, sigas estando borde cada vez que te despiertes de la siesta, sigas saltando y gritando sin pensar en nada ni en nadie, sigas poniendo esas caras de asco cada vez que ves a alguien que te cae mal y yo ahí, a tu lado, riendo o llorando pero siempre a tu lado.
Y nuestro número, el 13#, todo el mundo dice que es el número de la mala suerte, pero nadie sabe que un 13 de Enero de 1969 los Beatles lanzaron su álbum “Yellow Submarine”, que el día 13 de abril es el día mundial del beso, que se necesitan 47 músculos para enfadarse y sólo 13 para sonreir y lo más importante, que el 13# es nuestro día ♡.
Quiero que sepas, que a tu lado las heridas ya no duelen, que una persona como tu, dispuesta ha hacer lo que sea para poner una sonrisa en tu cara, vale la pena mantenerla cerca, y a tu manera me enseñaste a vivir en este mundo de mierda. Siempre me has dicho mis virtudes y mis fallos y siempre sin hacerme daño
He aprendido que es mejor tener pocos amigos de verdad que miles de mentira, que los de verdad son aquellos que conocen tus defectos Y a pesar de ello se quedan a tu lado, aquellos que están cuando nadie más están, aquellos se te hacen reír hasta que duela, que una verdadera amiga se enfada como un padre, se preocupa como una madre, y te defiende como una hermana.
Y aunque más de una vez nos ha dicho que las mejores amigas no existen y que son todas unas falsas, que todo el mundo sepa que se equivoca, se equivoca y mucho, ya que nunca han tenido a alguien como tu.
Por las sonrisas y las lágrimas, por las películas de terror porque yo no quiero mirar las escenas más terroríficas mientras tu no me dejas que me tape los ojos, por las guindillas picantes, por los secretos en la madrugada, por los apodos, por las noches en vela, por nuestras canciones, por los abrazos asi sin mas,por todo, y por todo lo que nos queda por vivir. Gracias.

City questions!
  • londra: bevi il tè o preferisci il caffè?
  • qual è il tuo tè preferito?
  • il più strano che hai bevuto?
  • ogni quanto bevi il tè?
  • parigi: ti piace più baciare o essere baciato?
  • preferisci un bacio rubato o un bacio studiato?
  • guancia, labbra o altre parti del corpo?
  • dublino: credi nell'anima gemella?
  • cosa credi sia fondamentale per trovarla?
  • come si può riconoscere l'anima gemella?
  • e tu l'hai già trovata?
  • oslo: ti piace l'inverno?
  • cosa ti riscalda maggiormente nelle più fredde giornate dell'anno?
  • preferisci la neve o il sole?
  • amsterdam: com'è la tua serata ideale?
  • preferisci una piccola compagnia o tante persone attorno a te?
  • sei un tipo più tranquillo o preferisci scatenarti?
  • passeggiata al parco o discoteca?
  • los angeles: ti piaci?
  • cosa cambieresti di te stesso?
  • cosa manterresti invariato?
  • se potessi avere una caratteristica fisica o caratteriale appartenente ad un altra persona, cosa vorresti avere e da chi la prenderesti?
  • milano: come pensi che ti giudichino gli altri?
  • ti rispecchi in alcuni standard che impone la società attuale?
  • cosa cambieresti dell'ideologia comune?
  • fai parte della massa o ti distingui?
  • praga: ti piace la natura?
  • se sì, che cosa ti piace di più di essa?
  • vivresti mai in una casa di montagna sperduta nel nulla senza la possibilità di avere corrente elettrica e altri tipi di servizi ormai abituali?
  • ti piacciono i fiori?
  • new york: ti piace dormire o sei una persona più attiva?
  • dormi molto o poco?
  • cosa ti fa addormenta facilmente?
  • cosa invece ti rende più sveglio?
  • hong kong: da bambino, avevi lo stesso carattere che hai ora?
  • cosa ti piaceva fare da piccolo?
  • c'era qualcosa che odiavi e che invece ora ti piace?
  • e qualcosa che ti è sempre piaciuto?
  • tel aviv: come ti trovi in famiglia?
  • hai preferenze tra mamma e papà?
  • hai fratelli o sorelle?
  • madrid: com'è il tuo rapporto con l'amore?
  • in una scala da 1 a 10 quanto è importante per te avere una vita amorosa seria?
  • quanto è durata la tua relazione più lunga?
  • sei impegnato con qualcuno?
  • se sì, quali sono gli elementi che vi accomunano maggiormente?
  • e invece, su quali cose la pensate in modo totalmente diverso?
  • se non sei impegnato con qualcuno, come ti immagini la persona dei tuoi sogni?
  • stoccolma: sei una persona che si impressiona facilmente o sei molto coraggiosa?
  • hai alcune fobie? quali?
  • come combatti la paura?
  • budapest: quanti anni hai?
  • quanti anni ti danno gli altri?
  • quanti te ne senti tu?
  • ti senti più maturo dei tuoi coetanei?
  • zagabria: quando compi gli anni?
  • di che segno sei?
  • credi nell'astrologia?
  • hai mai cercato la compatibilità zodiacale con il segno di una persona che ti piace?

Eravamo totalmente diversi,
non c'era cosa in comune,
tu la luce e io il buio,
tu l'arcobaleno e io la tempesta,
tu il bianco e io il nero,
tu la calma e io la rabbia,
tu la felicita e io la tristezza,
eravamo diversi in ogni sfumatura,
ma ci completavamo perché non esisteva l'una senza l'altra,
ma tu hai imparato a sopravvivere anche senza me.

Ludovica, soffroeppuremivienedaridere.

Instagram: ludomaia.

Y te extraño
Pero no sólo por tus abrazos que me hacían sentirme en casa
O por tus besos que me quitaban la maña
Te extraño porque a veces encuentro cosas tan interesantes y necesito contárselas a alguien
A alguien como tú
Que me escuche fascinado
Y me diga que soy una persona que sabe cosas fuera de las cosas comunes que la gente sabe
También te extraño cuando me pasa algo chistoso y siempre me pasan cosas chistosas
Nada me hacía más feliz que hacerte reír

Quiero decirte algo: El día que decidas dejar entrar a alguien nuevamente a tu vida espero que sea una persona que no te canse los oídos de tanto decirte que te quiere, quiero que te lo demuestre cada segundo de tu vida, que deje el orgullo a un lado para hablarte, que te sorprenda cualquier día con una rosa, un chocolate, con una canción, que sepa escucharte y que con su sola presencia te haga sentir que tu eres más grande que el mundo y mas fuerte que cualquier problema que se te presente en la vida, que sea la persona con quien decidas estar de cualquier forma porque a su lado te sientes segura, feliz y completa, que cuando se miren mutuamente se sientan completos, que sea alguien que te enseñe a vivir cosas nuevas y que las cosas comunes te las haga sentir únicas a su lado, que sea alguien que te quiera, te ame, te respete, que te valore y que te haga feliz.
—  Best Wishes For You

alelinx-eli  asked:

7U7 na tranquila SplatXPallete no volverá Solo guardo los refers en caso de que los necesite para cómics o dibujos aleatorios XD y por cierto *hugs* no haga caso a los comentarios tóxicos! Para mí usted es una gran diseñadora (por que? Pues, porque diseñadores somos investigadores, hacen que un proceso largo para crear algo y tu amiga mía! Wuouuu tan solo leyendo tooodo lo que haz hecho; todo diseño de Splat tiene sus razones xD y hasta aquí dejo esto porque se acabó el espacio para escribir) XD

Por algo estoy a punto de licenciarme de diseñadora Gráfica XD Literalmente investigue por horas que es lo que mas hacían mas en los ShipChilds de Freshpaper para descartar infinidades de cosas comunes como que todos les ponen gorra, o que a todos les ponen el copete de tinta voladora o el corazón invertido solo por que si, o que bueno, que el niñ@ cuando es parásito sea practicamente igual al de Fresh o incluso que el niño OBLIGADO tiene que tener demaciados detalles en la ropa sobrecargando el diseño


Los mejores ejemplos que puedo poner son los famosos Spray Cray y Cil popularizados por Rouge senpai que tanto querían enganchar al Doge

No tengo nada en contra de ellos, al contrario me gusta la idea de la bufanda de Cray o que Cil tenga los zapatos sin anudar pero no se imaginan la cantidad de mensajes diarios que me llegan preguntando “Splat conoce a Cray/Cil?” Y despues de indagar mucho me di cuenta que en su mayoria todos los niños de esa pareja se parecen a montones entre ellos, por eso el Doge se ve así

Sin contar la otra infinidad de referencias que use para que se viera así

Eravamo totalmente diversi,
non c'era cosa in comune,
tu la luce e io il buio,
tu l'arcobaleno e io la tempesta,
tu il bianco e io il nero,
tu la calma e io la rabbia,
tu la felicità e io la tristezza,
eravamo diversi in ogni sfumatura,
ci completavamo perché non esisteva l'uno senza l'altra,
ma tu hai imparato a sopravvivere anche senza di me.

Il problema è grave nella sua semplicità

Cosa hanno in comune Grillo, Salvini e Trump?

Tra le varie risposte che possono esservi venute in mente forse non avete pensato al tipo di medium che utilizzano. I tre media utilizzati da questi personaggi hanno una cosa in comune: la verticalità comunicativa travestita da social.

Il primo ad aver capito il potenziale della cosa è stato Grillo (o più probabilmente Casaleggio): un blog personale a cui chiunque potesse accedere e commentare.

All'apparenza tutto molto più democratico della classica comunicazione politica.

All'apparenza. Sì perché delle migliaia di commenti nessuno ha mai ricevuto risposta diretta con un altro commento o con un nuovo post.

La visibilità del post è totale, il dibattito è rilegato nei commenti così come le eventuali antitesi a riguardo.

Chiunque abbia studiato comunicazione di massa e/o semiotica vi metterebbe in guardia sul tipo di comunicazione che non prevede una sorta di parità tra mittente e destinatario.

Si tratta infatti di proclami.

L'avvento di facebook ha di per sé alzato la posta dando una parvenza di parità, in realtà ha abbassato la qualità della comunicazione mettendo tutti sullo stesso livello: un premio Nobel ha la stessa visibilità testuale di uno che brucia le auto vicino allo stadio alla domenica e per molti utenti addirittura la stessa credibilità.

Questo però solo nei commenti; i profili e le pagine hanno lo stesso problema del blog di Grillo: la prima comunicazione è la più visibile e incontestabile.

Questo meccanismo è utilizzato da Salvini sia attraverso Facebook che Twitter. La pericolosità di una comunicazione verticale è l'essere irraggiungibile alle critiche successive operate sullo stesso medium.

Se a un comizio un personaggio dice una Cazzata, un eventuale contestatore potrebbe sempre urlare qualcosa rompendo il messaggio (venendo poi portato via a forza dal servizio d'ordine e/o messo a tacere da un applauso, dopotutto l'archetipo della comunicazione verticale è proprio il comizio politico).

Trump, forse in quanto il più anziano dei tre, miscela l'utilizzo dei social (il fatto che un social permetta una comunicazione verticale, annulla il suo essere social?) a comizi dove il contraddittorio è sempre più contrastato - ad esempio l'accusa ai media non amici di pubblicare fake news - ed assente - l'impossibilità fisica a presenziare le sue conferenze stampa.

Che fare?

Qualsiasi soluzione in questo momento arriverebbe molto tardiva e si presterebbe al trasformarsi in un'arma a doppio taglio.

Se infatti si chiedesse a Facebook e Twitter di rendere parimenti visibile un commento contrario votato da più utenti avremmo commenti di Salvini et al ovunque.

Dovrebbe esserci un contrappeso da parte dei media tradizionali nello smontare le pericolosissime Cazzate “social” tuttavia il continuo rincorrere gli stessi personaggi con i medesimi strumenti, il calo di credibilità e professionalità con le cantonate prese in sequenza in maniera trasversale e una progressiva disaffezione e ignoranza degli utenti sta decretando il progressivo indebolimento di ciò che dovrebbe essere “il cane da guardia del potere”.

Detto in parole povere: sono cazzi.

Buona domenica.

Gli abbracci da dietro sono davvero indescrivibili, però…voglio provare a spiegare cosa si prova.
Beh, innanzitutto, ci sono diversi tipi di abbracci da dietro, sapete?
Ci sono quelli dati con forza, magari con anche una bella rincorsa, che ti prendono all'improvviso. Quelli ti bloccano, ti paralizzano, non capisci bene cosa succede…e poi…ti sciogli e non vuoi più staccarti. Quelli te li ricorderai per molto tempo, forse per sempre, e ne vorrai sempre. Quando li vuoi però non ti arrivano, ed è meglio così. Meglio non aspettarselo.
Altri invece sono semplici, durano poco e arrivano quando stai parlando con altri. Non ti fanno particolarmente emozionare, ma chi ti abbraccia in realtà vuole dire “è mia proprietà questa”. Può essere con gli amici oltre che con il proprio amore, perché no? Questi abbracci non sempre sono apprezzati, ma se sei sensibile come me ti fanno sentire unico e speciale. Sono di qualcuno e quel qualcuno non vuole perdermi!
Ci sono poi gli abbracci per dormire e fidatevi…non sono scomodi come tutti credono. Il tuo cuore si troverà nel posto più comodo in assoluto. No, non spostarti. Ti prego. Questo ti fa capire quanto una persona ci tiene a stare con te.
Ci sono poi i miei preferiti, quelli dolci e delicati, quelli che ti arrivano lentamente e piano piano, per poi stringerti forte. Come dire “ ti proteggo io”. La pelle si emoziona, so che può sembrare strano, ma è così. Quegli abbracci ti rimangono incisi anche quando finiscono. Rimangono lì, sulla tua pelle. Il tuo cuore batte all'impazzata e la tua mente ci pensa tutta la notte e li vuole. Vieni qua, proteggimi.
Ognuno di questi comunque hanno una cosa in comune: sono una fottuta droga.
—  Alice Silva
Su molte cose non erano d'accordo, anzi di rado erano d'accordo su qualche cosa, era un litigio continuo una sfida continua, ogni giorno, ma nonostante il loro essere così diversi, una cosa importante avevano in comune: erano pazzi l'uno dell'altra.