copiatura

la scrittura uguale

come quella di un amanuense:

 

LA SCRITTUA UGUALE

come …..

“culto della forma”.

 “riproduzione esatta”

 “lenta capacità di reazione”

 “ripetizione”

 “irremovibile schematismo”

 “abitudinarietà”

 “fedeltà assoluta al modello, alla norma”

 “esattezza esecutiva”

 “pazienza esecutiva”

 “inemotività”

 “staticità”

 “mancanza di motivazioni e di interessi”

……..

Tutte queste espressioni – e potrebbero essercene altre - danno proprio l’idea di che cosa rappresenti veramente la scrittura uguale. E’ una scrittura che spesso si presenta insieme a parallela, ma non sono  la stessa cosa.

Graficamente l’uguaglianza deve essere in tutto, cioè: nella forma, nell’altezza delle lettere, nelle larghezze (di lettere, tra lettere e tra parole), nella direzione delle aste (ecco qui che si ritrova parallela), nella inclinazione (dritta, pendente o rovesciata) , perché rispecchia una precisione meticolosa ad oltranza. Manca ogni traccia di personalità.

Per dare un’idea di tutto questo, basti pensare agli amanuensi o ai calligrafi delle epoche passate che – per raggiungere la perfezione – non potevano mettere la propria anima in quello che copiavano, che dovevano tecnicamente riprodurre i testi in modo esatto, restando calmi, freddi ed inemotivi per raggiungere i risultati voluti, a volte anche artistici, ma di un’arte pedante, fredda ed impersonale. Disumano. Lo stesso Moretti afferma che la scrittura uguale non appartiene all’essere umano, il quale si distingue nella sua individualità.

 

esempio di scrittura a mano (questo non è un libro stampato)

Una scrittura perfettamente uguale si verifica dunque raramente, perché “basta una piccola disuguaglianza per farla scendere subito di grado”. Per cui esiste per questo segno solo un grado: 9/10 (Moretti).

Infatti, anche solo due disuguaglianze nell’altezza delle lettere (il calibro) potrebbero fare slittare il segno nel campo del “disuguale metodicamente”, anche se quest’ultimo non appartiene al segno uguale, e non lo può modificare. Il segno “disuguale metodicamente” infatti è esattamente all’opposto, indica intuizione, creatività, immaginazione intellettiva, estro artistico, originalità (*) 

In una scrittura uguale (non al massimo grado) elementi positivi sono: forza di volontà, abilità esecutiva, predisposizione per il disegno tecnico, attitudini per attività di intaglio e taglio, ecc. ovvero lavori che richiedono molta precisione, ordine e resistenza, oltre che pazienza e continuità operativa.

_________

(*) Graficamente il segno disuguale metodicamente si presenta con delle diversità nell’altezza delle lettere minori appena percettibili, lettere che si ripetono sì uguali, ma non in modo continuativo (l’una di seguito all’altra), bensì con un certo metodo, armoniosamente cadenzate e la cui intensità acquista maggior valore più la scrittura è piccola e più le disuguaglianze sono numerose (entro i  limiti fissati) – Ne parlerò più avanti,  in altro contesto.

人生是一台影印機,在腦海裡重複著被灌輸的訊息,又吞又吐,但只有卡紙的時候才會領悟其中。

然後我看到了impersonale的使用說明…….感到非常熟悉的閱寫課

#daily #lifestyle #copy #copiatura (presso Università Per Stranieri Di Perugia - Palazzina Valitutti)