consista

anonymous asked:

Ciao Vale, tra poco farò il test d'ammissione a psicologia, sono molto in ansia anche se mancano giorni e sto studiando ma sento che non è abbastanza. Ho paura e la mia paura mi impedisce di apprendere, come faccio a uscire da questo circolo?

Credo che il primo punto consista nel non porti domande sul tuo essere abbastanza o meno.
Perché, se ci pensi bene, non sarai mai abbastanza per nessuna tappa importante che vorrai raggiungere.
Ti mancherà sempre qualcosa, una qualche predisposizione, una qualche nozione, pagine che non riuscirai a studiare, la prestanza e il carisma per stare nel gruppo che idolatri tanto…
…chiedersi se si è abbastanza per una situazione porta necessariamente a sminuirsi, purtroppo la natura umana non ammette possibilità di pensieri più decenti.
Però è normalissimo, per quanto la mia sembri una supercazzola: stai crescendo e stai affrontando una situazione per te del tutto nuova.
Avevo anche io lo stesso terrore.
Poi l'ho avuto per il primo esame.
E per i successivi.
Per la discussione della tesi triennale e per il test di ingresso per accedere alla magistrale.
Per il primo esame del nuovo corso e per i successivi.
Per la discussione della tesi.
Per il tirocinio.
Ora ho il terrore dell'Esame di Stato e penso “Quanto vorrei ritornare a sostenere esami” e durante gli esami pensavo “Ah, vorrei ritornare all'angoscia del test di ingresso” e lì pensavo “Quanto vorrei essere ancora una maturanda”, perché la paura non ti abbandonerà mai.
Avrai sempre quella fitta al cuore nel fare un passo nuovo, avrai sempre quell'eccessiva rigidità dettata dall'angoscia di sbagliare (eppure lo sbaglio è così naturale ed è il vero fulcro della nostra evoluzione).
Perciò non posso dirti come far cessare la tua paura, perché io ce l'ho ancora addosso.
Però posso dirti di sentirti sempre in pace con te stessa, convinta delle tue possibilità di riuscita, convinta dei tuoi sforzi e dei tuoi strumenti: posso dirti di stare sempre dalla tua parte.
Posso dirti di attenerti al bando, di intervallare il tuo studio ai momenti di libertà necessari ad una corretta concentrazione e ad un po’ di svago personale.
Posso dirti di uscire e prendere un po’ d'aria, che fa sempre bene.
E che, con il supporto alla tua persona, la paura perderà forza e ti troverai ad un passo oltre la linea bianca di partenza di quel percorso che tanto desideri intraprendere.
Sfonderai anche questa porta e ti troverai ad avere ansia per altro, ma non preoccuparti, è il circolo naturale degli eventi.
Ma ti assicuro che si sopravvive!
Certo, io ho perso pure gli ultimi due neuroni buoni, ma magari a te andrà meglio.
In bocca al lupo per tutto!