conilcuoreintempesta

“Penso di essermi innamorato. Di te. Delle cose che scrivi, del cuore che ci metti, del modo in cui le scrivi, le pensi, le formuli. Delle tue lacrime. Della tua voce. Dei tuoi occhi. Dei tuoi baci. Voglio respirarti, ascoltarti, viverti. Vederti. Oggi, domani. Sempre. Andare insieme a guardare le stelle, scappare di casa, abbracciarci sotto il diluvio, baciarci sulle labbra come i bambini che vogliono fare i grandi. Io voglio stringerti. Trovarti ogni mattina, tenerti la mano ogni sera.”

“Io voglio te”.

“Io voglio noi”.

—  OneBrokenArrow
Io penso che l’amore sia un sacrificio sociale. E tu puoi dirmi che non è vero, ma questo è quello che ho visto. Mi guardo intorno ed è pieno di gente divorziata, di storie d’amore franate e io come faccio a stare con una persona e a credere che non finirò anch’io tra quelle macerie?”
“Io penso che un tuo bacio può valere le macerie in cui forse un giorno mi lascerai.
—  Giulia Carcasi
Amore è non dirsi mai addio. È litigare, odiarsi, allontanarsi. Desiderare di scappare, restare, lasciarsi, tornare. È chiedersi infiniti perché. Amare è avere paura, piangere e soffrire ma non riuscire a dirsi addio, nonostante tutto, mai. Amare è provarci sempre, spostare i cocci rotti, medicarsi, guarirsi e aver la voglia di amarsi con più forza, con più amore.
L'amore chiede amore, non lascia.
Perciò resta.
—  Non so di chi sia, ma è bellissima.
Per tutte le violenze consumate su di lei,
per tutte le umiliazioni che ha subito,
per il suo corpo che avete sfruttato,
per la sua intelligenza che avete calpestato,
per l’ignoranza in cui l’avete lasciata,
per la libertà che le avete negato,
per la bocca che le avete tappato,
per le ali che le avete tagliato,
per tutto questo signori,
in piedi davanti ad una donna.
—  William Shakespeare