conclusionally

Me gustaría salir con una chica que lea
una chica que salga de su casa y en su bolso lleve un libro
una chica que te topes en el café de la tarde
sumida en la lectura y tomando notas en un cuaderno
una chica que tenga problemas de espacio
en su closet porque tiene más libros que zapatos
una chica que te hable de lo que lee
que te recomiende las historias
inclusive que te dé sus conclusiones
su propia reflexión
una chica a la que ves en el parque
sonriendo a las hojas
porque se asombra y es inmutable
su estado de tranquilidad cuando abre un libro
me gustaría salir con una chica que lea
a la que puedes llevar a la librería
cuando te pregunte
¿Qué vamos a hacer hoy?
Una chica que se emocione cuando
en su cumpleaños le regalas un libro
me gustaría salir con una amante de los libros
y no sé
tal vez un día
escribirle uno
—  Poemas para leer acompañado de una caguama, Quetzal Noah
Ti ringrazio per quello che sono diventata.
Sono arrivata alla conclusione che odiarti non mi piace perché sarebbe un po’ come odiare me stessa.
Allora scelgo di ringraziarti, non ci penso troppo, sono seduta in un prato verde e con un po’ di musica ripercorro il nostro cammino.
Io ti ringrazio per quello che hai fatto ma soprattutto per quello che non hai fatto.
Ti ringrazio per le infinite mancanze di tatto nei miei confronti perchè mi hanno fatta diventare più forte, più vivace, più sicura.
Ti ringrazio per non essere andata via quando era l’unica cosa che dovevi fare per salvarti la faccia ma non importa, io ti ringrazio e lo faccio perché ho capito che nella vita bisogna essere anche in grado di lasciar andare e di andarsene.
Ho capito quando è il momento giusto per chiudere un rapporto dannoso perché tu eri solo questo.
Io ti ringrazio per aver “non amato” perché l’amore è un’altra cosa, perché l’amore è quello che ho provato io.
Tu eri solo alla ricerca di una distrazione che riuscisse a portar via i tuoi pensieri scomodi, una distrazione in grado di farti uscire dalla monotonia di una relazione che ormai non ti stava dando più niente.
Ti ringrazio per le parole dette a comando perché adesso so cosa non voglio nella mia vita.
Ti ringrazio per le cose belle ma soprattutto per quelle brutte che mi hanno dato la forza di rimettermi in sesto.
Ti ringrazio per le pagliacciate, per i finti “ti amo”, ho capito quanto le persone giocano.
Ti ringrazio per aver avuto paura, sei stata una codarda, adesso so cosa sono disposta a fare per amore.
Ti ringrazio per aver ripreso la tua vita dopo dieci giorni dalla nostra rottura perchè ho capito la donna che sono.
Ti ringrazio perchè alla fine ho scelto di non meritarmi il tuo “non amore”.
Se ogni storia insegna qualcosa, io con te ho imparato ad amarmi.
Grazie!
—  Cristiana Tognazzi
So che la cosa che dirò oggi susciterà sicuramente qualche insulto, ma sono arrivata alla conclusione, ragazze, che è inutile che controlliate il suo cellulare, il suo Facebook, che guardiate i like che mette alle tipe su Instagam, che vi arrabbiate se esce con gli amici e che gli stiate con il fiato sul collo: se vi vuole tradire vi tradisce, e allora vi conviene riuscire ad essere quell'unica donna che lo fa stare bene. Perché in ogni caso può succedere che vi tradirà, anche se siete la ragazza perfetta, ma almeno vi evitate l'ansia di vivere  con la paura, dovendo sempre controllare ciò che fa. Anche io ero una di quelle “Cosa fai? Dove sei?” fin quando ho visto un mio amico tradire la sua ragazza, lei gli stava costantemente con il fiato sul collo e credo proprio che sia stato questo tra le altre cose che lo ha portato a tradirla, così ho pensato “Vedi, è inutile tampinare di messaggi, allora è molto meglio farlo stare bene e pensare solo a quello, che tanto se ti vuole mettere le corna lo farà lo stesso, sia che tu faccia la 007, sia che tu non lo faccia” e così ho smesso di chiedere password, ho smesso di dirgli “non uscire con gli amici” e ho cercato di essere la donna migliore che potevo, così se un giorno mi avesse tradita… Ci avrebbe perso lui.

Sono arrivata alla conclusione che vorrei una vita con te, una vita felice, fatta di piccolezze e non di esagerazioni, di semplicità, solo io e te. Vorrei svegliarmi di notte, dopo aver avuto un incubo, e girarmi e sapere che ci sei tu, lì, pronto ad abbracciarmi e a dirmi che va tutto bene. Vorrei svegliarmi la mattina con il profumo del caffè, sedermi e fissarti mentre fai cadere un po’ di zucchero sul pavimento. Vorrei stare con te sul divano a guardare le partite in TV, con i pigiami giganti e le coperte calde. Vorrei guardare un film con te, pur essendo consapevole del fatto di non guardarlo tutto e che arrivato a metà iniziamo a guardarci e iniziamo a baciarci e poi a fare l'amore. Vorrei piangere e trovare la tua spalla e la tua mano che asciuga le mie lacrime. Vorrei viaggiare con te per tutto il mondo. Vorrei provare nuove emozioni, ma solo con te. Vorrei te. Ieri, oggi e domani. E per sempre.

GTA V ONLINE: SAN VALENTIN!

Bueno hoy estaba yo viendo el vídeo que subió vegetta jugando con willy al GTA..Todo iba bien hasta que una parte del vídeo me llamo la atención, al principio no le puse atención, pero luego revovine y me entro la curiosidad.

La parte que me llamo la atención fue entre el minuto (12:53-13:08), en el cual ellos están hablando de cual es siguiente destino o algo por el estilo,en fin,y lo que dice vegetta me dejo pensativa..

V: Necesitamos ir a uh..El pier..Tu sabes las que se montan hay en el pier..Te acuerdas cuando nosotros estábamos en lo Ángeles sabes y todo el mundo iba al pier a darse besos.

W: Si hay al final a ver la puesta de sol y justamente es el momento *y hay cambian de tema*

Haber analicemos esa parte y sobre todo cuando vegetta dijo que todo el mundo iba a darse besos hay, y dirás porque, si mal no recuerdo cuando aun estaban en los Angeles creo , a vegetta le hicieron una pregunta por twitter preguntándole si tenia algún lugar favorito, y el respondió que si, el Pier en una parte en especifico..Y justo willy también twitteo algo por estilo.

Esa es la imagen o los tweets de lo que hablo.

Como ya pudimos deducir es el lugar favorito de ambos o eso parece..Entonces al nombrar ese lugar (el pier) en el vídeo, la voz de vegetta cambia de tono al nombrarlo, a que me refiero a que pone el tono de voz típico como con complicidad o que sabe algo,y lo mismo pasa al decir que las parejas iban allí a BESARSE..y me entro otra duda como sabe eso el?..Acaso el iba a hacer lo mismo 7u7 ya saben a que me refiero no.

Mi conclusión es que ese lugar es muy importante para los dos por algo no creen, tal vez ese lugar eran al que frecuentaban e iban a cof cof besarse cof cof ..Hay les dejo a su imaginación, saquen sus propias conclusiones 7u7.

Pues eso era todo, la verdad me llamo mucho la atención ese detalle, no se ustedes ,cada quien opina diferente a lo mejor ya me la estoy jugando o el horario (aquí son las 12) me esta afectando..Como ya les dije pueden sacar sus conclusiones y si no les cuadra XD. Piensen que estoy loca o bueno mas loca de lo que ya estoy..

Buenas que sueñen con vacas voladoras y con tenedores que hablan XD..Os quiero y paz!!

Las fases lunares

Primero que todo, tenemos que saber que son las fases lunares:

Cada día que pasa, la luna cambia un poquito, esto se debe a las fases lunares. No la vemos igual que ayer porque va avanzando paso a paso en su recorrido. La luz que refleja es la luz generada por el Sol, puesto que ella no tiene luz propia. Depende de la parte de la luna que el Sol ilumine diremos que se encuentra en una fase u otra. Cuando podemos ver su cara completa, está llena, si no está iluminada en cambio, se trata de una luna nueva. A lo largo de los años, la luna se ha ido distanciando de la Tierra y su ángulo de rotación también ha cambiado. Tarda alrededor de 29 días en completar su ciclo.

Originally posted by lookysquarescomics

Estas son las 4 fases lunares más importantes

Luna nueva

El Sol se sitúa detrás de la luna desde nuestra perspectiva terrestre y por lo tanto, vemos su cara oscura. Os lo digo todos los meses, pero esta fase lunar es ideal para iniciar proyectos. La energía concentra todo su potencial, es la fase del germen, del inicio… Aún no se puede ver, pero en lo más profundo de la oscuridad, algo se está gestando. Momento ideal para la siembra. Visualiza deseos, inicia planes, marca pautas, comienza a esforzarte… Es un período perfecto para empezar de cero, así que si quieres dejar algo atrás, ¿por qué no hacerlo hora? También es momento de descansar y recuperar energías para afrontar el nuevo ciclo completo. Esta luna sale al amanecer y se oculta hasta el atardecer, pero hasta que no nos empiece a dejar ver un trocito de su piel de plata te costará mucho apreciarla.

Cuarto creciente

En esta fase las semillas ya han germinado, nuestros proyectos han empezado a ver la luz y se están desarrollando. Pueden enfrentarse a los primeros obstáculos en el camino. No te quedes parada, toma decisiones ahora, enfrenta los problemas con diligencia y sigue avanzando. No es momento de titubear sino de ser decidido y tirar para adelante. También es momento para hacer rituales de amor, sanación y prosperidad. Comenzamos a recuperar fuerzas y asimilamos mejor los nutrientes, por lo que no es recomendable iniciar una dieta ahora. También están favorecidos los cortes de pelo y los tratamientos faciales (la piel los absorberá mejor) Cuando la luna está creciendo se ve en el cielo después del atardecer y se oculta a media noche.

Luna llena

En esta fase también nos detenemos en el blog cada mes. La luz del Sol le llega directa y vemos una de sus caras totalmente iluminada. Es tiempo de revelaciones y culminación. Aquello que iniciaste ya se muestra como viable o se descarta del todo. Hay que valorar cómo van los planes y corregir lo que sea necesario. Es una luna muy emocional y reaccionamos con muchísima facilidad. Durante esta fase existe una tendencia a retener líquidos por lo que tampoco se recomienda iniciar dietas ahora. Las emociones desatadas pueden afectar a nuestro organismo. Es aconsejable practicar ejercicios de relajación y quitarle drama a la vida. Los rituales de protección funcionan muy bien con esta luna. Sale con el atardecer y se oculta al amanecer.

Cuarto menguante

En esta fase sacamos nuestras conclusiones finales. Los niveles de energía van descendiendo y nos encontramos más cansados. Toca reflexionar, relajarse y dejar ir aquello que ya no nos sirve más. Buen momento para hacer limpieza en el hogar y tirar los trastos que ya no queremos. Es tiempo de purificar y depurar, también en el organismo. Eliminamos toxinas y líquidos con mayor facilidad, por lo que ahora sí que sería acertado empezar una dieta, y mejor si esta es desintoxicante y está llena de alimentos antioxidantes. Bebe mucho líquido, tu piel lo notará y eliminarás muchas impurezas. Los tratamientos faciales también están recomendados. Esta luna la vemos desde la media noche hasta el amanecer.

Originally posted by ufo-the-truth-is-out-there

-Luis. con información de lunadominante.com

2

L’avresti mai detto, Robin?

Ti eri mai chiesta quante straordinarie possibilità abbiano inizio con un “ciao”?
Io non ne ho dimenticata alcuna.
Continuano a tenermi compagnia, tra le planimetrie di progetti che mi impegno a non finire, a ritenere incompleti per qualche ragione sempre meno convincente.
Questo perché mi illudo del fatto che se solo riuscissi a rimandare la conclusione di qualcosa, questa potrebbe durare per sempre.
Ma dire “non oggi” ogni giorno non mi rende immortale, e il tempo passa in fretta.
Temo la fine, Robin, e mi sento terribilmente solo.
Ne sono terrorizzato al punto tale da aver tediato Tracy con tutto ciò che so sull’architettura, nella speranza che se lassù dovesse trovare il nulla, saprebbe come costruirsi un paradiso alternativo.
È questo che fanno le persone, dopotutto. Anche in vita.
Io non sarò da meno; mi dimetterò da quella naturale e costruirò la mia realtà alternativa, perché in fin dei conti resta quella che più sapientemente riuscirò a controllare: un regalo del destino non puoi gestirlo e sei “costretto”, inerme, a subire tutta la sua bellezza.
Ma io e te ci siamo promessi e costruiti, Robin, e la solitudine mi sta chiedendo una vittima per il suo dolore.
So che non è una proposta allettante, ma spero possa esserlo di più la mia protezione.

Tu fuori dalla tua realtà ed io fuori dalla mia, ma insieme.
Usciremo, andremo fuori dove la pioggia ha bisogno di noi per ricordare la sua temperatura, e non sembrare mai così fredda.
Mi hai preparato all’amore, ed indirettamente mi ci hai condotto, ma non hai mai ricevuto la tua ricompensa.
Forse è arrivato il momento di giustificare anche le tue scelte, e dare loro un senso: in cambio, chiedo soltanto che tu tenga compagnia ad un saccente ciarlone.
Chiedo il fianco di chi, conoscendo bene tutto ciò che è l’opposto di sé, mi conosce meglio di chiunque altri.

Mi spiace, Robin, se ho trovato la mia strada nel tuo momento peggiore, quando più di ogni altra volta avevi bisogno di sentirti amata; avrei potuto essere il gigante che gioca a domino con i megaliti all’infinito, creare un filo conduttore per ogni mia azione e disegnando per te la stessa coincidenza di avvenimenti che nel caso di Tracy mi piaceva chiamare “destino”. Ma, guarda caso, non sarebbe stato destino.
Quando non ho più potuto seguirti da vicino, ti ho lasciata andare.
Ho capito di dover cominciare a temere per le mie vittorie, visto che nessuno, te compresa, teneva il punteggio. In quello era più bravo il vecchio Barney.
Così, per un breve tempo, ho cominciato ad osservarti da lontano, e mi è sembrato di rivederti come per la prima volta al MacLarence’s Pub.
Da quella prospettiva, il tuo sorriso era più bello e i tuoi guai più evidenti, perché non avevo più il permesso di farti da schermo; perché non c’era qualcuno in grado di capire che “nulla di importante”, nel tuo linguaggio, è la più disperata richiesta di aiuto.
Ma le nostre debolezze andavano troppo d’accordo, tanto da evitare il confronto, e l’uomo che cercava il vero amore non era pronto a proteggere la donna rassegnata alla sua inesistenza.                                    
Ad oggi sono ancora certo che insieme non saremo perfetti, continueremo a non esserlo come abbiamo sempre voluto, per mantenere viva l’illusione di rimandarci ad un momento della vita in cui lo saremo.
Perché lo so: anche tu temi la fine.
Siamo stati vaghi tanto da perdere forma, e da allora non so essere breve.
Ho smesso di essere approssimativo per non dover più dire “generalmente” ed accorgermi che qualcosa mancava. La tua battuta mancava.
Ma so che riusciremo a tenerci compagnia, senza più bisogno della pioggia per non piangere da soli.
E sappi che pioverà ancora, com’è sempre piovuto su di noi, tanto che uscendo di casa avremo il mal di mare.
Ora so di poterti proteggere, Robin, perché ho avuto dell’amore vero la mia prova, e sono sicuro di avere anche troppe parole per spiegartela. Mi odierai per quanto parlerò, ma nell’oceano dei miei logorroici discorsi non troverai il tempo di dirmelo.

Riconosco che nulla di tutto ciò sia facile, forse ingiusto, ma di un cuore promesso al cielo questa è la massima parte che potrò darti, e il massimo che posso chiedere da te.
Per quanto strano, spero che sarai disposta a vedermi come un Dobler quando, ai piedi della tua finestra, non troverai una serenata, ma uno smandrappato sognatore con un corno francese blu che ha smesso di cantare amore.
Terrò duro con te come non ho potuto con la mia Tracy, e sopporterò con un sorriso chi è convinto che il sole porti felicità, perché so che non ha mai danzato, prima speranzoso poi vincitore, sotto la pioggia.

Ho aspettato tanto a lungo da stringere amicizia col tempo, ed accorgermi di quanto sia infinitamente piccolo.
Per questo qui ed ora, sotto la tua finestra, ho deciso di dare inizio a nuove straordinarie possibilità.
Ti ho mai detto quante hanno inizio con un semplice “ciao”?

Ciao”, Robin.

Ho dato troppa importanza a persone alle quali non fregava nulla di me.
Ho donato troppo del mio tempo a persone che non lo meritavano, perchè lo rifiutavano non capendo che se io decido di spendere il mio tempo con qualcuno, è perchè con quel qualcuno voglio veramente starci. Ed è una cosa più unica che rara.
Ho dato troppa importanza a te che mi hai dimenticata e messa da parte, come fossi una cosa non importante, una cosa da nulla, sebbene io ti abbia dato il meglio che avevo da offrire. E tu lo hai sprecato.
Ora quel tempo, quell'amore, quel “meglio”, quei momenti, me li riprendo tutti io. Appartengono a me.
Sono arrivata alla conclusione che da me non meritavi nulla, mentre io cercavo di darti sempre tutto.
—  la ragazza incompresa

ricordi quando ti dissi che ti amavo,
quando ti dissi che ti amavo tanto, tantissimo, e che non ti avrei mai dimenticato
le nuvole in questo cielo sopra la mia testa, tu eri l'unico a poterle cacciare via, che fosse per un istante soltanto lo sapevo, l'ho sempre saputo,
eppure ogni volta quando mi capitava di intravederle tornare, avrei voluto che potessi farle sparire per sempre
il sollievo nei miei occhi stanchi quando ti dissi che non importava cosa sarebbe successo e con chi sarei stata in futuro,
perché ti amavo e ti amo
non so quando, non so perché, nè come, ma la mia mente stanca è giunta alla straziante e bellissima conclusione che lo farò sempre, e che c'è qualcosa che mi lega a te più profonda di qualsiasi sentimento che potrebbe essere reale
perché
semplicemente non lo è
ho sempre immaginato, pensato, fantasticato sull'amore e con l'amore
eppure
non l'ho mai vissuto, non l'ho vissuto se non con te
ho capito che per me, l'amore, sei tu
sei tu
ad avermelo insegnato, sei tu la più alta definizione, la migliore che io conosca, e forse, l'unica versione dell'amore che porterò con me per tutta la vita

Ti rendo onore.

Quando una storia finisce, per quanto riguarda il genere maschile, ne susseguono 3 fasi. La prima è il “crollo” ovvero quella fase in cui, ti senti come se le tue convinzioni e certezze crollino, ti sembra che non ci sia più senso di stare al mondo, come se non potessi avere nessun'altra storia. La seconda è “la presa alla leggera” ovvero quella fase in cui l'uomo sembra aver già digerito la cosa, sembra di nuovo pronto a passare oltre; questa fase arriva poco dopo la prima. La terza ed ultima fase è denominata “l'odio” ovvero quella fase in cui l'uomo riconsidera tutto ciò che ha fatto, non ha minimamente digerito la cosa, un po’ si pente di quello che ha donato all'altra persona, gli sembra quasi di non essere abbastanza; la fase prosegue con un periodo di depressione (la lunghezza del periodo dipende da persona a persona). Finite le 3 fasi della fine di una storia arriva la “grande conclusione” nella quale l'individuo ha realmente oltrepassato il dolore e quindi dalla storia trae un insegnamento, e inoltre rivive nella mente i ricordi positivi che ha vissuto con l'altra persona. Non si ha più odio, rancore, rabbia o depressione verso l'altra persona, si prova solamente un filo di nostalgia e le si vuole bene.

ragazzo-fenice