con t shirt

i’m thinking of bringing back some old-school pins i did like…five years ago and then never actually sold in my shop haha

remember the breadvengers pins?? so if i did like…..a limited edition run for a fundraising type thing for getting a cintiq…would y’all buy them?

                                                                                                                                                                                                                   I had an amazinggg two days con today and yesterday~
my job is, I’m an artist who sells at Cons Posters T-shirts dolls and cool stuff that I make
but I got myself a pure happy moments to get some selfies~!! so this is me as Frisk and my dear Friend is my Sans <3 there is some more that ill upload tomorrow I just have to go to sleep (Cons >sleeping)
but I had to upload one cuz I’m in stardust of having amazingggg days~ *~* and Fransss ~!

also showing my new flowey Tatu *~*

TREDICI

Ciao, sono Ludivine. Ludivine C. Esatto. Non smanettate su qualunque cosa stiate usando per ascoltare. Sono io. In diretta e stereo. Nessuna replica, nessun bis e questa volta assolutamente nessuna richiesta. Mangia qualcosa e mettiti comodo, perché sto per raccontarti la storia della mia vita. Anzi, più esattamente, il motivo per cui è finita.
E se tu hai ricevuto anonimamente questo pratico link al mio sito con la playlist supersegretissima, è perché sei uno dei motivi che mi ha spinto a farlo. Che stavo dicendo? Ah, siediti comodo, perché oltre alla playlist c’è anche una presentazione in Powerpoint da settecentododici diapositive da accompagnare all’ascolto. Se vuoi, in alto a destra nel mio sito c’è uno shop dove puoi comprare le tazze e le t-shirt con la mia faccia, non fare domande. Vuoi mancare di rispetto ad una morta? Non penso proprio, non fare lo stronzo. Affianco allo shop c’è un pulsante rosa brillantinato che dice “Upgrade”. Premici sopra. Benvenuto nella Membership Premium. Per 9,99€ al mese non solo avrai la possibilità di connetterti al sito da più dispositivi contemporaneamente tipo Netflix, ma hai presente quando stai usando Spotify e ci sono le pubblicità che spuntano sul più bello? Qui è la stessa cosa, ma al posto di toglierti le pubblicità ti tolgo da mezzo quella trifolata di cazzo del mio amico messicano. Ah, ed una percentuale sarà devoluta in beneficenza. Giuro. Sgancia i tuoi soldi alla “Fondazione per la Prevenzione del Suicidio Giovanile”. Certo che è così, fratello. Certo che sono morta, che cazzo di domande fai?

                                                                                                                                                                                                                     and some more cosplay luv~!~! <3 <3
kiss kiss~!~! ^_^

had an amazinggg two days con today and yesterday~
my job is, I’m an artist who sells at Cons Posters T-shirts dolls and cool stuff that I make
but I got myself a pure happy moments to get some selfies~!! so this is me as Frisk and my dear Friend is my Sans

Convention Tips: A HANDY DANDY CONVENTION CHECKLIST!

I was asked to put together a convention packing checklist! So here it is, disregard anything that isn’t relevant to you!


TICKETS
Make sure you remember to print out all your tickets in whatever format they take! That’s email confirmations, or your PDFs convention tickets, photo ops and autographs, plus meet and greet invoice if you’re doing one. Hotels have printers of course, but it’s easier to have them ready to go, rather than trying to find somewhere to print them out while at the convention – because you’ll be busy!

ELECTRONICS
Camera – with spare batteries and memory card and associated cords.
Phone
Laptop/iPad/iPod
All your chargers!
All your charger cables!
It’s also great to bring an extra battery pack for your phone, because there usually isn’t anywhere to quickly charge your phone without going back to your room, so if you have a pre-charged battery backup with you that can help keep in touch!

* if you do forget something, you always have fan backup – someone will lend you that charging cable that mysteriously got left behind!

PENS
A pen – for filling out reupping forms – and for writing down your email or twitter for new friends!
Highlighter pens – for highlighting the schedule
Coloured Sharpie – if you don’t want black or silver for your auto, bring your own coloured Sharpie pen!

PAPER
Always bring some kind of notebook – just in case you want to jot down notes from a panel, or something someone told you, names, emails, twitter handles (as Jensen calls them) etc!

SOMETHING TO PUT YOUR PHOTO OPS IN
You need something to put your photo ops in so they don’t bend and get ruined! You can buy hard sleeves in the vendor’s room, but I find that the photos can get stuck in them! A document display folder with plastic inserts, or a ring-binder with plastic inserts is great. Or just a hard plastic document envelope. The photos printed out at the con are 10x8, so anything that fits A4 or larger works.

WHATEVER YOU’RE GOING TO GET AUTOGRAPHED
If you have something specific that you’re getting signed, don’t forget to pack it! The Vendors room has photos and books and some other items that can be used for autos if you don’t have something specific.

SNACKS AND WATER
Soooooo important! Many of the convention hotels/convention centres don’t have much (or any) food available, or you have to go out to get food (and did I mention how busy you’ll be?), or it’s super expensive. So pack your own. If you’re travelling and can’t pack a sandwich or anything, even if it’s just some fruit or nibblies to take into the convention auditorium, that will help to keep your energy up.

The days are long, you might not get much sleep, you might be drinking more alcohol than usual, the hotels and convention centres are heavily air-conditioned, so it’s also super important to stay hydrated. If you can pickup a bulk pack of water at Target or a supermarket or something, that’s going to save you money and you’ll have water in your room and to take to panels! Seriously, snacks and water. Get on that!

*CREATION CON SPECIFIC - There is also a large water dispenser with cups inside the auditorium. You can use that water throughout the day, and you can also fill up your own water bottle from the supplied water dispensers to save more money. (tip courtesy of Krista)

TWITTER HANDOUTS (tip courtesy of Kate)
Print out your Twitter @  or/and email on little pieces of paper that you can hand out to your new fandom friends who want to be able to follow or contact you. You can make them simple, or into cool little business cards!

EXTRA MONEY – BUT BUDGET!
Um. Cons are expensive. Outside of the costs of hotel accommodation and all your tickets that you’ve already paid for, you’ll also have to buy food and drinks (unless you packed them as per the awesome tip above!) The Vendor’s room or vendor’s areas at a con has cool stuff, t-shirts, books, stickers, mugs, glasses, posters, standees, all sorts of jewellery, and various other goodies that you might want. There may even be a guest that you didn’t get an op with, but when you see their panel, you feel you absolutely must hug the living hell out of them, (oh believe me, it happens!), so you just have to get another op! So take a little extra money, just in case. But budget…because it’s real easy to get swept up into the con craziness and want all the things and all the ops (speaking from experience), so make sure you set yourself a budget!

YOUR OUTFITS
Okay, I know, d’uh, you’re going to pack clothes! But if you’ve decided on a specific outfit, whether something pretty or something cosplay, make sure you have all the necessary bits! I always plan what I’m wearing for each day ahead of time. That way I don’t have to pack loads of options and I don’t have to think about it at the con. Some days (especially Saturday and Sunday) can start quite early, and the last thing you’re going to want to do is be trying on outfits like crazy. 1. You won’t have time. 2. You don’t want to increase your stress! So pre-plan your outfits and pack all the elements you decide on to make them perfect.

CREATION SPECIFIC - CASH FOR CHRIS – the Creation photographer
If you are buying JPEGS of your photo-ops you will need $US to give to Chris the photographer. Each photo op you have, comes with 1 10x8 print – but only 1. You can purchase JPEGS of each photo for $10 per JPEG. There is a number on the photo – you give that number to Chris or his offsiders in the photo room and about a week later, you will receive a link from Chris via email to download the JPEGS via Google Drive. Each JPEG you purchase costs $10 and you must have cash for that. So when you know what photo-ops you’re getting, figure out before hand which you may need (if there’s more than one of you in the photo) or want a JPEG of and ensure you have enough $US on you. If you are at a Canadian con – you can use Canadian dollars but as Chris is from the US, US dollars are better for him. The JPEGS are super high quality, large files, which can be printed to LARGE canvas size if you want (speaking from experience).

If you don’t have the cash at hand to buy the JPEGS at the convention, you can still buy them after the con. Go to the Creation website and follow the link and you’ll be able to contact Chris and order them via there. 

TISSUES/VITAMINS/PAIN KILLERS ETC.
There’s lots of aircon in the hotels/convention areas and you may get a running nose – you don’t want to be snuffly or snotty – pack tissues. Eyedrops – for the same reason, the aircon may dry your eyes out and make them sore and red. Bring along some anti bacterial wipes or hand sanitiser, because con crud is a thing! Plus you’re in much used hotels, so it’s a good idea just to give your hands a bit of a once over a few times a day! It’s also not a bad idea to pack some Vitamin B or C to keep your energy up and immune system working. Pack some Paracetamol or/and Ibuprfen in case of headache or backache or hangover! I always take hay fever medication with me – I never know if something is going to affect me in a place I’m not used to (Vancon for example, gives me hives…WHY I DO NOT KNOW!). I also bring cough/cold medication. I have got super sick at cons! It sounds like a lot, but seriously, I have got sooo sick and having stuff on hand has been a life saver. I also always travel with Bepanthen because I get tatts when I travel :D Also don’t forget extra contact lenses if you need them, and pack band aids (especially if you have new shoes.)

BREATHMINTS/GUM
You’re going to want to pop a mint before you go into a photo op! You’re about to get up close and personal with Jensen Ackles, and you don’t want to breathe coffee breath all over him! Pack mints.

PERFUME/MINI DEODERANT
For the same reason as the mints. You’re about to hug the crap outta Misha Collins – you don’t want “been sitting for 6 hours in the same shirt” smell as you squish into him!

LITTLE PURSE MIRROR
Perfect for checking your lippy, hair, making sure you don’t have kale in your teeth – as you wait in line for your photo op. Don’t worry, EVERYONE is doing it!

That’s it for now – if I think of anything else…I’ll update!
Happy packing and conning!
-sweetondean

youtube

misha at denver con, binge watched shows

cooking with west

maison’s ‘’friend’’

yoga

misha with a shatner shirt

halloween

Sebastian Stan Request


hii! can you write an imagine where the reader is a really famous actress (she’s Chris hemsworth’s sister) and she plays Sebastian stan’s love interest in the marvel movies, and one day in comic con they accidentally reveal that they’re dating to the public (the cast and their families already knew, but the fans didn’t) pleease? your blog is the best!! <3


“You look beautiful,” Sebastian told you as he arrived to comic con.

“In my t shirt and jeans?” You laughed, “Thanks.”

“You looked beautiful all the time, though.”

“Good answer,” Chris Hemsworth, your older brother, walked up to you two. Just like all your older brothers you were an actress. Thanks to your successful career, and a little help from Chris, you landed a role in the Avengers and have been in the franchise since. That’s how you first met Sebastian. After two months on set you began dating and now, 8 months into your relationship, it was still a secret from the public; the only people that knew where your friends and family. You were sure it would be a big thing to the Marvel fans since you played Bucky Barnes’ love interest in the newest film.

“You guys ready to take the stage,” Chris Evans came up to your group and asked. “We’re up in 3.”

The time came quickly and you walked on stage taking your spot between your brother and Evans. You shot Sebastian one last long glance before he sat down on the other side of Evans.

“All right, we’re going to start off with an exclusive clip from Civil War,” the fans cheered, “and then we’ll open up questions from the audience.” The crowd went crazy for the new clip and were eager to ask questions about the new movie. “How hard was it having to beat up on Chris,” someone asked Robert.

“Not at all. He had it coming,” he joked.

“How do you think Natasha feels about fighting Clint as the godmother to his children,” another asked.

A couple more questions were asked until someone turned the crowd’s attention towards you. “Y/N, how does it feel to be playing Bucky’s lover?”

You laughed. “It feels pretty badass. Both our characters are strong and dangerous people and I think our match in the movie makes a really fun, dangerous, and kickass couple.”

“Going off that,” another fan started, “Sebastian, how does it feel to be acting alongside Y/N? From the clip it looked like you two have a lot of chemistry.”

“Y/N is a great partner to have on set. She’s great at her job but is also super fun while filming. We’ve had a great time on and off set and I think we do have a pretty great chemistry,” he smiled at you.

“This is for both of you. From seeing the new clip and the trailers that have been released the fans have really latched on to Bucky and Y/N being shipped together. Most have also shipped you guys in real life; do you think there’s any possibility for that to happen?”

“Any chance for it to happen or any chance that’s it’s happened,” Sebastian muttered to Evans jokingly but forgot that the mic was on him. This words rang out among the crowd and they whispered to each other trying to figure out what that meant.

The whole cast was smiling and looking down at the table except for the two of you. You looked with wide eyes at him and cracked a smile. He looked with wide eyes at you trying to get guidance as to what to say. You nodded at him and bobbed your head towards the audience as if to say “Just do it.”

“Well,” he began, “since I basically blew it,” the cast laughed, “I guess I can announce now that Y/N and I are dating and have been for the last 8 months.” The audience gasped and everyone’s hands shot up eagerly for a new round of questions all about you and Sebastian.

“Oh, here we go,” R.D.J muttered.

Amo i concerti perché, qualsiasi band tu vada a vedere, trovi sempre gli stessi tipi di persone.
Ci son quelli che il mattino prima son davanti ai cancelli nei sacchi a pelo e quelli che se arrivano a concerto iniziato è già tanto.
Quelli che accompagnano l’amico e conoscono solo le canzoni più famose, quelli che sono fan da poco e se lo tengono per sé perché han paura di sfigurare, quelli che con quei brani ci son cresciuti e
non c’è parola che non ti sappiano cantare.
Quelli che si presentano sfoggiando le maglie della band più belle che hanno e, credetemi, ci han messo un secolo a scegliere quella giusta! quelli che la sera prima si son divertiti a farsene una da soli, quelli che si presentano con t-shirt di altri gruppi e un gran sorrisone stampato in faccia, quelli che la maglia se la comprano in fila a diciotto euro: dieci se hai capacità di persuasione! e si cambiano pure davanti a tutti perché tanto con quelle gente ci dovrai condividere anche il sudore.
Quelli che se li son già visti un milione di volte e han tanti aneddoti da rifilare, quelli che per loro è la prima volta e non vedono l’ora di poterlo raccontare.
Quelli che ormai sono esperti e si buttano nella mischia come se fosse una fottuta piscina, quelli che non hanno mai visto tanta calca e si tengono a debita distanza.
Quelli che son troppo timidi e in fila non riescono a socializzare, quelli che son rompicoglioni e in coda si fan sempre riconoscere.
Quelli che si ritrovano a parlare con gente mai vista prima e si dimenticano di chiedere i nomi da cercare su facebook, quelli che chiedendoti l’amicizia dopo la prima battuta han già concluso tutto.
Quelli che si son portati persino le carte con cui giocare e quelli che in tasca c’han solo il cellulare, ma va bene comunque, che qualcosa da fare lo si trova sempre.
Quelli prudenti che si son portati ombrelli, k-way e cappelli, quelli che han madri prudenti che però non ascoltano e si ritrovano pieni zeppi di pioggia o ustionati da far schifo.
Quelli che a mezzogiorno tirano fuori i pennarelli indelebili e quelli a cui il tatuaggio in onore della band basta e avanza.
Quelli che sorridono davanti ai fotografi e quelli che si nascondono dietro una mano.
Quelli che son troppo bassi e non riescono nemmeno a fotografare la gente dietro, quelli alti due metri che sorridendo ti prendono la macchina fotografica e fanno le foto al posto tuo.
Quelli che controllano ogni tre minuti il biglietto e quelli che scrollano le spalle perché già ce l’hanno in mano.
Quelli che ti riempono di gomitate quando aprono i cancelli e quelli che si tirano indietro per non farti male.
Quelli che alla fine ti menano lo stesso, perché col cazzo che ti lascio il posto!
Quelli che il concerto se lo guardano in uno schermo e quelli che se lo godono senza macchine fotografiche ad occupare la visuale.
Quelli che si stringono contro la transenna e non la lasciano un secondo, quelli che si ritrovano in mezzo alla bolgia e s’aggrappano alla prima spalla che trovano.
Quelli che si sentono male e si allontanano un po’ dal palco, quelli che stringono i denti e resistono fino in fondo.
Quelli che chiamano il migliore amico rimasto a casa con la febbre che poi, se fosse stato per lui, sarebbe venuto lo stesso, per fargli vivere la sua canzone preferita a distanza di mezzo stato, quelli che il migliore amico ce l’hanno vicino e tirano gomitate pure a lui, perché è giusto così.
Quelli che piangono per quasi tutto il concerto e quelli che non lasciano trasparire un’emozione, ma dentro esplodono comunque.
Quelli che urlano a squarciagola e quelli che preferiscono tacere.
Quelli che, alla fine, si mettono le mani fra i capelli e continuano a ripetere “non ci posso credere, non ci posso credere”, quelli che si abbracciano, quelli che si baciano, quelli che si sorridono.
Quelli che si parlano da una parte all’altra dello stadio e quelli che ridendo si fanno i cazzi loro.
Quelli che vanno subito a fare la scorta di bottiglie d’acqua e quelli che si fiondano senza tante cerimonie dallo store ufficiale.
Quelli che si salutano e quelli che si ritrovano.
Quelli che fotografano e quelli che guardano.
Siamo tanti e siamo diversi, ve lo concedo, ma quando il concerto finisce siam tutti uguali:
siam quelli che camminano piano, l’uno accanto all’altro, con l’assurda voglia di ricominciare tutto da capo, subito.
Siam quelli che si sorridono in mezzo al casino, anche se non si conoscono, e si dicono “grazie, perché quello che ho provato stanotte lo sai solo tu”.
—  (Via makesilencenow)
A volte ti accorgi di essere innamorato troppo tardi, ti accorgi di amarla quando ormai l’hai lasciata andare.

Succede che una mattina ti svegli con la convinzione di trovare un messaggio o un audio su Whatsapp di lei che ti chiede scusa perché la sera prima avevate litigato, come succedeva sempre, ma niente. C’è quella volta in cui apri l’applicazione e non trovi alcun messaggio e allora ti prende una strana sensazione allo stomaco e per tutto il giorno controlli il cellulare. Guardi i suoi ultimi accessi, lei si è svegliata, condivide post su Facebook, è online ma non ti scrive e stranamente ti senti infastidito, ferito perché non era mai successo. 

Sai quali sono i suoi programmi, allora decidi di andare dove hai la certezza di incontrarla, per vedere se succede qualcosa, se ti saluta, se ti parla.

E hai ragione, lei è lì con le sue amiche che ride e scherza come se nulla fosse, non ti guarda nemmeno mentre tu non fai altro che fissarla. Lei non si muove e qualcosa dentro te si smuove. 

Inizi a pentirti di averle urlato contro, inizi a capire che avevi torto ma ora non puoi più tornare indietro, o forse puoi, ma non vuoi.

L’orgoglio te lo impedisce.

I giorni passano, continua a non cercarti.

Eppure è strano, di solito dopo due giorni al massimo, cedeva. Ma questa volta no. 

La vedi collegata su Facebook a notte fonda, ti chiedi se sia da qualche parte, se stia chattando con qualcuno e allora rimani collegato anche tu per vedere se pubblica qualcosa.

Diventi talmente tanto paranoico che l’aggiungi agli amici ‘più stretti’ su Facebook e controlli tutti i post a cui mette il ‘mi piace’.

Noti che c’è un ragazzo in particolare di cui le piacciono le foto e poi noti che lui fa lo stesso.

E allora noti quanto sia bella.

Capisci che ci sono troppi ragazzi che le vanno dietro, ma non te ne sei mai accorto perché tanto lei badava solo a te. Inizi a notare troppo tardi quanto possa apparire carismatica e divertente agli occhi degli altri.

E diventi possessivo.

Perché lei è tua e gli altri non possono toccare ciò che ti appartiene. 

Poi la incontri, stranamente indossa un abito e non la solita t-shirt con il solito jeans, le scarpe alte la slanciano e vedi che alcuni ragazzi la guardano.

Hai voglia di prenderla su una spalla e portarla via, ma non puoi.

Non più.

La sua amica troia si ferma a parlare con un gruppo di ragazzi, uno lo riconosci, è il tipo che le mette i mi piace a tutta la bacheca.

Lei scoppia in una risata, parla animatamente e gesticola com’è solita fare.

Il nervosismo ti sale, la gelosia ti divora e la consapevolezza di averla persa ti brucia vivo.

Senti la mancanza della sua voce, 

ti mancano i suoi abbracci e la sua ingenuità.

Ripensi a quando le hai detto ‘faremo mai sesso?’ e lei diventò tutta rossa e balbettando disse ‘io voglio fare l’amore’.

E allora capisci di essere stato un coglione. 

Capisci che infondo l’amavi, ma non lo accettavi. 

Perché tu sei quello che non s’innamora mai e che una sostituta la trova nell’arco di due minuti.

Ma il problema è che questa volta non vuoi una sostituta, 

vuoi lei.

Lei che ti sorride e poi ti bacia.

Lei che fa le sue facce buffe.

Lei che ti accarezza dolcemente e sa farti rilassare più di chiunque altro. 

Lei così piccola che scompariva dietro di te o in un tuo abbraccio.

Ti mancano persino le sue scenate di gelosia e la sua testardaggine. 

La tua piccola bastarda ti manca e ora sai che la ami, ma forse te ne sei accorto troppo tardi. 
—  ossigenomancato.
Amo i concerti perché, qualsiasi band tu vada a vedere, trovi sempre gli stessi tipi di persone.
Ci son quelli che il mattino prima son davanti ai cancelli nei sacchi a pelo e quelli che se arrivano a concerto iniziato è già tanto.
Quelli che accompagnano l’amico e conoscono solo le canzoni più famose, quelli che sono fan da poco e se lo tengono per sé perché han paura di sfigurare, quelli che con quei brani ci son cresciuti e non c’è parola che non ti sappiano cantare.
Quelli che si presentano sfoggiando le maglie della band più belle che hanno - e, credetemi, ci han messo un secolo a scegliere quella giusta! -, quelli che la sera prima si son divertiti a farsene una da soli, quelli che si presentano con t-shirt di altri gruppi e un gran sorrisone stampato in faccia, quelli che la maglia se la comprano in fila - a diciotto euro: dieci se hai capacità di persuasione! - e si cambiano pure davanti a tutti perché tanto con quelle gente ci dovrai condividere anche il sudore.
Quelli che se li son già visti un milione di volte e han tanti aneddoti da rifilare, quelli che per loro è la prima volta e non vedono l’ora di poterlo raccontare.
Quelli che ormai sono esperti e si buttano nella mischia come se fosse una fottuta piscina, quelli che non hanno mai visto tanta calca e si tengono a debita distanza.
Quelli che son troppo timidi e in fila non riescono a socializzare, quelli che son rompicoglioni e in coda si fan sempre riconoscere.
Quelli che si ritrovano a parlare con gente mai vista prima e si dimenticano di chiedere i nomi da cercare su facebook, quelli che chiedendoti l’amicizia dopo la prima battuta han già concluso tutto.
Quelli che si son portati persino le carte con cui giocare e quelli che in tasca c’han solo il cellulare, ma va bene comunque, che qualcosa da fare lo si trova sempre.
Quelli prudenti che si son portati ombrelli, k-way e cappelli, quelli che han madri prudenti che però non ascoltano e si ritrovano pieni zeppi di pioggia o ustionati da far schifo.
Quelli che a mezzogiorno tirano fuori i pennarelli indelebili e quelli a cui il tatuaggio in onore della band basta e avanza.
Quelli che sorridono davanti ai fotografi e quelli che si nascondono dietro una mano.
Quelli che son troppo bassi e non riescono nemmeno a fotografare la gente dietro, quelli alti due metri che sorridendo ti prendono la macchina fotografica e fanno le foto al posto tuo.
Quelli che controllano ogni tre minuti il biglietto e quelli che scrollano le spalle perché già ce l’hanno in mano.
Quelli che ti riempono di gomitate quando aprono i cancelli e quelli che si tirano indietro per non farti male.
Quelli che alla fine ti menano lo stesso, perché col cazzo che ti lascio il posto!
Quelli che il concerto se lo guardano in uno schermo e quelli che se lo godono senza macchine fotografiche ad occupare la visuale.
Quelli che si stringono contro la transenna e non la lasciano un secondo, quelli che si ritrovano in mezzo alla bolgia e s’aggrappano alla prima spalla che trovano.
Quelli che si sentono male e si allontanano un po’ dal palco, quelli che stringono i denti e resistono fino in fondo.
Quelli che chiamano il migliore amico rimasto a casa con la febbre - che poi, se fosse stato per lui, sarebbe venuto lo stesso - per fargli vivere la sua canzone preferita a distanza di mezzo stato, quelli che il migliore amico ce l’hanno vicino e tirano gomitate pure a lui, perché è giusto così.
Quelli che piangono per quasi tutto il concerto e quelli che non lasciano trasparire un’emozione, ma dentro esplodono comunque.
Quelli che urlano a squarciagola e quelli che preferiscono tacere.
Quelli che, alla fine, si mettono le mani fra i capelli e continuano a ripetere “non ci posso credere, non ci posso credere”, quelli che si abbracciano, quelli che si baciano, quelli che si sorridono.
Quelli che si parlano da una parte all’altra dello stadio e quelli che ridendo si fanno i cazzi loro.
Quelli che vanno subito a fare la scorta di bottiglie d’acqua e quelli che si fiondano senza tante cerimonie dallo store ufficiale.
Quelli che si salutano e quelli che si ritrovano.
Quelli che fotografano e quelli che guardano.
Siamo tanti e siamo diversi, ve lo concedo, ma quando il concerto finisce siam tutti uguali:
siam quelli che camminano piano, l’uno accanto all’altro, con l’assurda voglia di ricominciare tutto da capo, subito.
Siam quelli che si sorridono in mezzo al casino, anche se non si conoscono, e si dicono “grazie, perché quello che ho provato stanotte lo sai solo tu”.