chiudendo

Ricordo il tuo odore alla perfezione,
adoravo quando mi restava sulla pelle,
era come se ci mescolassimo a vicenda,
era la tua presenza anche in assenza.
Ricordo il tuo odore alla perfezione,
non era molto delicato,
era abbastanza deciso ma io lo adoravo
e, per sentirlo, tra il mento e la spalla il mio capo portavo.
Ricordo il tuo odore alla perfezione,
e adesso che non ci sei lo cerco tra le persone,
e quando mi sembra di sentirlo,
inutile dirlo,
che chiudendo gli occhi l'unica cosa a cui riesco a pensare,
è il tuo viso, il tuo corpo che vorrei tanto riabbracciare.
—  onlyletmewrite
Qualche volta il destino assomiglia a una tempesta di sabbia che muta incessantemente la direzione del percorso. Per evitarlo cambi l’andatura. E il vento cambia andatura, per seguirti meglio. Tu allora cambi di nuovo, e subito di nuovo il vento cambia per adattarsi al tuo passo. Questo si ripete infinite volte, come una danza sinistra con il dio della morte prima dell’alba. Perché quel vento non è qualcosa che è arrivato da lontano, indipendente da te. È qualcosa che hai dentro. Quel vento sei tu. Perciò l’unica cosa che puoi fare è entrarci, in quel vento, camminando dritto, e chiudendo forte gli occhi per non far entrare la sabbia.
Qualche volta il destino assomiglia a una tempesta di sabbia che muta incessantemente la direzione del percorso. Per evitarlo cambi l'andatura. E il vento cambia andatura, per seguirti meglio. Tu allora cambi di nuovo, e subito il vento cambia per adattarsi al tuo passo. Questo si ripete infinite volte, come una danza sinistra col dio della morte prima dell'alba. Perché quel vento non è qualcosa che è arrivato da lontano, indipendente da te. E’ qualcosa hai dentro. Quel vento sei tu. Perciò l'unica cosa che puoi fare è entrarci, in quel vento, camminando dritto, e chiudendo forte gli occhi per non fare entrare la sabbia. Attraversarlo, un passo dopo l'altro.
—  Haruki Murakami, Kafka sulla spiaggia
«E ho pensato che andava bene comunque, che era solo un’altra notte, che avrei superato tutto persino l’essenza e invece ho sbagliato perchè certe cose non le superi, non riesci neanche a liberarti di loro perchè restano lì, aggrappate e ti fanno compagnia anche quando ormai i tuoi occhi sono chiusi e hai sperato con tutta te stessa che finalmente, chiudendo gli occhi, avresti messo a tacere i pensieri e invece sono i pensieri che mettono a tacere te. E allora accetti questa cosa e speri di addormentarti il prima possibile, stringi le palpebre come quando da piccola avevi paura di qualcosa e allora pensavi che bastasse chiudere gli occhi e adesso sei grande e adesso capisci che le cose arrivano da dentro, che i cuori si rompono, che le cicatrici non se ne vanno, che le assenze sono anche più forti delle presenze e che non importa perchè alla fine passa, passa tutto, anche quando sembra non esserci via d’uscita. E io aspetto la luce, in fondo a quel tunnel ma non posso restare ferma, devo correre per riprendermi questa vita, devo avere la forza di combattere, devo avere la forza di farcela. E sai, il tuo cuore verrà spezzato altre volte e altre volte ti ritroverai a fare a pugni con i tuoi mostri, con i tuoi silenzi e ti ritroverai seduta su un pavimento freddo e penserai di essere sola, di non aver nessuno e batterai i pugni, farai i capricci e ti renderai conto che tutte quelle persone che dicevano “io non ti lascio” alla fine ti hanno lasciata, o semplicemente in quel momento saranno impegnate a bere una birra, saranno con gli amici a far serata o semplicemente avranno i cazzi loro per la testa e allora tu a quel punto diventerai un enorme peso, uno di quelli grandi e non devi dispiacerti di questa cosa perchè succede. Perchè è così che va, è una di quelle prove che la vita ti mette davanti per farti capire se sei forte abbastanza per sopravvivere e allora tu sorridi alla vita, sfoggia uno dei tuoi sorrisi migliori e falle vedere che si, sei capace di camminare senza ricevere per forza l’aiuto di qualcuno che in quel momento ha scelto altro. Fai in modo di arrivare in alto con le tue mani e con le tue forze perchè il giorno che splenderai, saprai che è solo merito tuo. E non avere paura di vivere, non avere paura di assaggiare la felicità, non avere paura di urlare, di sbattere i piedi, di piangere, di gioire, di fare pazzie, di cantare a squarciagola, di ballare in mezzo alla strada, di fare l’idiota, non aver paura di sentirti viva perchè un giorno potresti pentirti di non aver vissuto abbastanza forte e di non aver vissuto questa vita a pieno. Non arrivare mai a dire “avrei potuto” perchè le cose bisogna farle, bisogna rischiare, sempre. Non aver paura di dire alla persona che ti piace, che ti piace, che ha due occhi meravigliosi e che forse quando si arrabbia è un po’ buffa, non aver paura di piangere davanti alla sua bellezza, non aver paura di non essere abbastanza, non aver paura di fare pazzie. Tu corri, devi correre, devi mangiartela la sabbia, devi sentire il vento in faccia, l’amore nel cuore e la vita nelle vene. Devi essere pronto a correre in ogni situazione e non avere paura perchè la vita è questa, la vita è tua e tu devi assolutamente viverla al meglio e non smettere mai di aver cura di te, abbi sempre cura di te, dei tuoi sorrisi, delle tue felicità, della tua persona, delle volte in cui qualcosa andrà storto, abbi sempre cura di vivere, di alzarti, di sorridere, di splendere! E svegliati con il sorriso di chi può affrontare tutto, svegliati con la consapevolezza che puoi arrivare ovunque e che niente è impossibile e non perdere tempo a dire “ma si, forse”, il forse non esiste! Giocatele tutte queste possibilità e chissene frega se si cade, è inevitabile ma non fermarti, alzati e corri più veloce. E te lo dico io, che ho perso troppo tempo. Ti dico di fare tutto quello che ti passa per la testa, ti dico di perderla la testa, ti dico di battere i pugni, di saltare, di vivere, di essere maledettamente felice perchè la felicità è tutto, perchè non c’è cosa più bella che ridere a crepapelle, non c’è cosa più bella che splendere ad ogni ora del giorno e della notte e va bene, andrà bene anche se ci sarà qualche delusione, anche se porterai qualche cicatrice, anche se qualcuno purtroppo si prenderà gioco di te, andrà fottutamente bene perchè è così che deve andare, perchè è questa la vita! Perchè non sarà mai rose e fiori, perchè cadrai, perchè metterai il cuore in mani sconosciute ma non pentirtene mai, non pentirti di aver osato. Sceglila la felicità, scegli di alzarti la mattina con quell’adrenalina che solo una persona pronta a vivere ha. Scegli di splendere, di stare bene, di riempire di felicità ogni cosa. Scegli di vivere perchè la vita è un dono meraviglioso e solo uno sciocco sceglierebbe di restare fermo, immobile. Solo uno sciocco sceglierebbe di non vivere. »

Una lettera a me stessa; da leggere spesso.


E ho pensato che andava bene comunque, che era solo un’altra notte, che avrei superato tutto persino l’essenza e invece ho sbagliato perchè certe cose non le superi, non riesci neanche a liberarti di loro perchè restano lì, aggrappate e ti fanno compagnia anche quando ormai i tuoi occhi sono chiusi e hai sperato con tutta te stessa che finalmente, chiudendo gli occhi, avresti messo a tacere i pensieri e invece sono i pensieri che mettono a tacere te. E allora accetti questa cosa e speri di addormentarti il prima possibile, stringi le palpebre come quando da piccola avevi paura di qualcosa e allora pensavi che bastasse chiudere gli occhi e adesso sei grande e adesso capisci che le cose arrivano da dentro, che i cuori si rompono, che le cicatrici non se ne vanno, che le assenze sono anche più forti delle presenze e che non importa perchè alla fine passa, passa tutto, anche quando sembra non esserci via d’uscita. E io aspetto la luce, in fondo a quel tunnel ma non posso restare ferma, devo correre per riprendermi questa vita, devo avere la forza di combattere, devo avere la forza di farcela. E sai, il tuo cuore verrà spezzato altre volte e altre volte ti ritroverai a fare a pugni con i tuoi mostri, con i tuoi silenzi e ti ritroverai seduta su un pavimento freddo e penserai di essere sola, di non aver nessuno e batterai i pugni, farai i capricci e ti renderai conto che tutte quelle persone che dicevano “io non ti lascio” alla fine ti hanno lasciata, o semplicemente in quel momento saranno impegnate a bere una birra, saranno con gli amici a far serata o semplicemente avranno i cazzi loro per la testa e allora tu a quel punto diventerai un enorme peso, uno di quelli grandi e non devi dispiacerti di questa cosa perchè succede. Perchè è così che va, è una di quelle prove che la vita ti mette davanti per farti capire se sei forte abbastanza per sopravvivere e allora tu sorridi alla vita, sfoggia uno dei tuoi sorrisi migliori e falle vedere che si, sei capace di camminare senza ricevere per forza l’aiuto di qualcuno che in quel momento ha scelto altro. Fai in modo di arrivare in alto con le tue mani e con le tue forze perchè il giorno che splenderai, saprai che è solo merito tuo. E non avere paura di vivere, non avere paura di assaggiare la felicità, non avere paura di urlare, di sbattere i piedi, di piangere, di gioire, di fare pazzie, di cantare a squarciagola, di ballare in mezzo alla strada, di fare l’idiota, non aver paura di sentirti viva perchè un giorno potresti pentirti di non aver vissuto abbastanza forte e di non aver vissuto questa vita a pieno. Non arrivare mai a dire “avrei potuto” perchè le cose bisogna farle, bisogna rischiare, sempre. Non aver paura di dire alla persona che ti piace, che ti piace, che ha due occhi meravigliosi e che forse quando si arrabbia è un po’ buffa, non aver paura di piangere davanti alla sua bellezza, non aver paura di non essere abbastanza, non aver paura di fare pazzie. Tu corri, devi correre, devi mangiartela la sabbia, devi sentire il vento in faccia, l’amore nel cuore e la vita nelle vene. Devi essere pronto a correre in ogni situazione e non avere paura perchè la vita è questa, la vita è tua e tu devi assolutamente viverla al meglio e non smettere mai di aver cura di te, abbi sempre cura di te, dei tuoi sorrisi, delle tue felicità, della tua persona, delle volte in cui qualcosa andrà storto, abbi sempre cura di vivere, di alzarti, di sorridere, di splendere! E svegliati con il sorriso di chi può affrontare tutto, svegliati con la consapevolezza che puoi arrivare ovunque e che niente è impossibile e non perdere tempo a dire “ma si, forse”, il forse non esiste! Giocatele tutte queste possibilità e chissene frega se si cade, è inevitabile ma non fermarti, alzati e corri più veloce. E te lo dico io, che ho perso troppo tempo. Ti dico di fare tutto quello che ti passa per la testa, ti dico di perderla la testa, ti dico di battere i pugni, di saltare, di vivere, di essere maledettamente felice perchè la felicità è tutto, perchè non c’è cosa più bella che ridere a crepapelle, non c’è cosa più bella che splendere ad ogni ora del giorno e della notte e va bene, andrà bene anche se ci sarà qualche delusione, anche se porterai qualche cicatrice, anche se qualcuno purtroppo si prenderà gioco di te, andrà fottutamente bene perchè è così che deve andare, perchè è questa la vita! Perchè non sarà mai rose e fiori, perchè cadrai, perchè metterai il cuore in mani sconosciute ma non pentirtene mai, non pentirti di aver osato. Sceglila la felicità, scegli di alzarti la mattina con quell’adrenalina che solo una persona pronta a vivere ha. Scegli di splendere, di stare bene, di riempire di felicità ogni cosa. Scegli di vivere perchè la vita è un dono meraviglioso e solo uno sciocco sceglierebbe di restare fermo, immobile. Solo uno sciocco sceglierebbe di non vivere.

—  Cristiana Tognazzi

Mia nonna chiudendo la chiamata “ti auguro tanta forza bedda”. Ho dovuto resistere per non rispondere “che la forza sia con te”.

Una lettera a me stessa.
Promemoria: da leggere spesso

E ho pensato che andava bene comunque, che era solo un'altra notte, che avrei superato tutto persino l'essenza e invece ho sbagliato perchè certe cose non le superi, non riesci neanche a liberarti di loro perchè restano lì, aggrappate e ti fanno compagnia anche quando ormai i tuoi occhi sono chiusi e hai sperato con tutta te stessa che finalmente, chiudendo gli occhi, avresti messo a tacere i pensieri e invece sono i pensieri che mettono a tacere te. E allora accetti questa cosa e speri di addormentarti il prima possibile, stringi le palpebre come quando da piccola avevi paura di qualcosa e allora pensavi che bastasse chiudere gli occhi e adesso sei grande e adesso capisci che le cose arrivano da dentro, che i cuori si rompono, che le cicatrici non se ne vanno, che le assenze sono anche più forti delle presenze e che non importa perchè alla fine passa, passa tutto, anche quando sembra non esserci via d'uscita. E io aspetto la luce, in fondo a quel tunnel ma non posso restare ferma, devo correre per riprendermi questa vita, devo avere la forza di combattere, devo avere la forza di farcela. E sai, il tuo cuore verrà spezzato altre volte e altre volte ti ritroverai a fare a pugni con i tuoi mostri, con i tuoi silenzi e ti ritroverai seduta su un pavimento freddo e penserai di essere sola, di non aver nessuno e batterai i pugni, farai i capricci e ti renderai conto che tutte quelle persone che dicevano “io non ti lascio” alla fine ti hanno lasciata, o semplicemente in quel momento saranno impegnate a bere una birra, saranno con gli amici a far serata o semplicemente avranno i cazzi loro per la testa e allora tu a quel punto diventerai un enorme peso, uno di quelli grandi e non devi dispiacerti di questa cosa perchè succede. Perchè è così che va, è una di quelle prove che la vita ti mette davanti per farti capire se sei forte abbastanza per sopravvivere e allora tu sorridi alla vita, sfoggia uno dei tuoi sorrisi migliori e falle vedere che si, sei capace di camminare senza ricevere per forza l'aiuto di qualcuno che in quel momento ha scelto altro. Fai in modo di arrivare in alto con le tue mani e con le tue forze perchè il giorno che splenderai, saprai che è solo merito tuo. E non avere paura di vivere, non avere paura di assaggiare la felicità, non avere paura di urlare, di sbattere i piedi, di piangere, di gioire, di fare pazzie, di cantare a squarciagola, di ballare in mezzo alla strada, di fare l'idiota, non aver paura di sentirti viva perchè un giorno potresti pentirti di non aver vissuto abbastanza forte e di non aver vissuto questa vita a pieno. Non arrivare mai a dire “avrei potuto” perchè le cose bisogna farle, bisogna rischiare, sempre. Non aver paura di dire alla persona che ti piace, che ti piace, che ha due occhi meravigliosi e che forse quando si arrabbia è un po’ buffa, non aver paura di piangere davanti alla sua bellezza, non aver paura di non essere abbastanza, non aver paura di fare pazzie. Tu corri, devi correre, devi mangiartela la sabbia, devi sentire il vento in faccia, l'amore nel cuore e la vita nelle vene. Devi essere pronto a correre in ogni situazione e non avere paura perchè la vita è questa, la vita è tua e tu devi assolutamente viverla al meglio e non smettere mai di aver cura di te, abbi sempre cura di te, dei tuoi sorrisi, delle tue felicità, della tua persona, delle volte in cui qualcosa andrà storto, abbi sempre cura di vivere, di alzarti, di sorridere, di splendere! E svegliati con il sorriso di chi può affrontare tutto, svegliati con la consapevolezza che puoi arrivare ovunque e che niente è impossibile e non perdere tempo a dire “ma si, forse”, il forse non esiste! Giocatele tutte queste possibilità e chissene frega se si cade, è inevitabile ma non fermarti, alzati e corri più veloce. E te lo dico io, che ho perso troppo tempo. Ti dico di fare tutto quello che ti passa per la testa, ti dico di perderla la testa, ti dico di battere i pugni, di saltare, di vivere, di essere maledettamente felice perchè la felicità è tutto, perchè non c'è cosa più bella che ridere a crepapelle, non c'è cosa più bella che splendere ad ogni ora del giorno e della notte e va bene, andrà bene anche se ci sarà qualche delusione, anche se porterai qualche cicatrice, anche se qualcuno purtroppo si prenderà gioco di te, andrà fottutamente bene perchè è così che deve andare, perchè è questa la vita! Perchè non sarà mai rose e fiori, perchè cadrai, perchè metterai il cuore in mani sconosciute ma non pentirtene mai, non pentirti di aver osato. Sceglila la felicità, scegli di alzarti la mattina con quell'adrenalina che solo una persona pronta a vivere ha. Scegli di splendere, di stare bene, di riempire di felicità ogni cosa. Scegli di vivere perchè la vita è un dono meraviglioso e solo uno sciocco sceglierebbe di restare fermo, immobile. Solo uno sciocco sceglierebbe di non vivere

2

“Vorrei essere io il ragazzo per cui ti stai chiudendo con gli altri, e al posto suo ti avrei presa e sarei venuto con te, spero che ti riprenda perché spero tu sia felice, sarebbe il minimo da ciò che ti deve dare la vita dopo tutto quello che hai passato”


Niente mi vien da piangere, grazie davvero

Ho lasciato un po di spazio per te
ho pensato se magari ti va di ripassare
c'è del posto libero;
anche se
tu non avresti fatto lo stesso.
Avrei dovuto raccogliere coraggio
chiudendo ogni porta
lasciando fuori te e le tue scuse
e forse stavolta bisogna dirlo,
te lo meriti
fanculo.

Ti lascerò un po’ più distante
anche se.

-Cristiana De Sciscio

Io non ti augurerò mai del male,però ti auguro di ritrovarmi in ogni cosa,persino quando bacerei lei,e chiudendo gli occhi magari penserai,anche solo per un attimo,a me.Di ricordarti i bei momenti passati insieme,anche solo camminando su un marciapiede al bordo della strada.
Di risentire il mio profumo tra la gente e voltarti per cercarmi,e magari mi vedrai,e quando i nostri sguardi si intrecceranno sarà come la prima volta,perché non ho mai smesso di amarti.
—  Ioeilmiodemone

Mi piacerebbe così tanto venire da te ogni volta che voglio, suonarti e vederti scendere di corsa per aprire la porta.
Fermarsi quel millesimo di secondo guardandosi negli occhi.
Saltarti addosso chiudendo la porta lasciando tutto il mondo fuori.
Baciarti senza paura che qualcuno possa vederci,giudicarci, fermarci.
Che sia chiaro, a me non importa nulla della gente, ma credo che ognuno abbia bisogno della propria intimità,soprattutto per amare come ti amo io.

‘Glielo scrivo o non glielo scrivo?’
Questo è il dubbio che mi assale ogni volta che devo scrivere un messaggio importante. Ma di quelli seriamente importanti. Non tipo: “il cibo è nel frigo” o “stasera mi dai uno strappo in macchina?”.
Parlo dei messaggi davvero importanti come “mi manchi”, “ti amo” o “mi fai stare bene”. Quelli che mentre li scrivi senti il cuore in fibrillazione e le mani che tremano.
A me succede sempre così. Non sono brava ad esprimere i miei sentimenti, e quando devo farlo il mio corpo va in cortocircuito.
E quindi parte la vocina in testa che mi dice: 'va beh. Lasciamo perdere. Tanto ci fai solo la figura della stupida.’
Anche adesso, con la vocina nella testa e lo schermo illuminato cancello tutto il testo invece di premere sul tasto 'invio’.
Poso il telefono ai piedi del letto, spengo la luce e mi sdraio chiudendo gli occhi. Cerco di dormire e allontanare i brutti pensieri.
Un senso di vuoto al petto. Una vaga domanda nella testa 'che cosa mi risponderebbe se gli scrivessi?’
Resto immobile per qualche minuto.
Poi il desiderio di buttarmi prende il sopravvento. A tastoni cerco il telefono per terra, lo afferro, lo schermo s'illumina.
Entro sulla chat e velocemente compongo il messaggio. “Vorrei un sacco abbracciarti in questo momento”.
Rileggo giusto per essere sicura che il correttore non mi faccia sembrare una dislessica. Invio. Scrivi un altro messaggio per spezzare l'imbarazzo, ma tanto il messaggio importante l'ho già inviato.
Spengo il telefono e torno a dormire.
Il telefono s'illumina.
Con mezzo occhio aperto, più per la paura che il sonno, leggo la risposta.
Sorrido.
Un'ingannevole illusione.
Arotrot
Un'ingannevole illusione.

“Hei, è ormai l’ennesima notte che passo sveglio. Sai come si dice: “Le persone sole sono sempre sveglie nel bel mezzo della notte”.

Dicono che chiudendo gli occhi prima o poi riuscirei a dormire, ma in realtà non farei altro che alimentare il tuo pensiero.
So che dovrei smettere di pensarti, ma la necessità di non farlo mi porta al farlo comunque.
Dicono anche che dovrei impegnarmi con qualcun’altra, non che non c’abbia provato, ma la tua assenza ha lasciato mobili pieni di bottiglie al sapore dei tuoi baci, lenzuola avvolte attorno a ragazze sconosciute che vagamente ti somigliano, e i’ipod pieno di canzoni che ci ricordano.
E si, come dicono tanti dovrei abbandonarti o almeno scriverti, ma ogni volta la paura di distruggere la mia illusione mi blocca: so che io non starò mai bene senza te, come tu mai con me. Quindi..quindi niente.”

Arotrot

Gira ovunque, vivi più che puoi ma poi fermati con la persona che saprà farti sentire tutto anche senza toccarti.
Perché in mezzo a tutta la gente del mondo sarà soltanto di questo che avrai bisogno. Il resto lo ringrazierai e un saluto di congedo basterà a riprenderti la tua libertà di nuovo, come sempre. Tutta la sensualità che precede le mani, che sta nel pensiero, può toccarti davvero anche a molteplici distanze. I pensieri accarezzano o disturbano e il problema è che è proprio di quelli che ti disturbano che ti innamori. Ora non ci credi ma te ne accorgerai. Ti accorgerai cosa vuol dire avere le mie mani dappertutto, chiudendo gli occhi da sola, in un letto anni luce distante da me. E più sarò lontano e più mi sentirai addosso.
—  Massimo Bisotti