che bona

Scusami se ti disturbo,ma io proprio non ce la faccio a resistere ancora questa volta.
So che per te non sono mai stata niente,ma devi solo sapere quanto ti amo perché io non ce la faccio se non te lo dico.Non riesco a tenermi dentro tutto l'amore che provo per te,non posso.Dannazione,io non mi capisco più.Non so tutto sto macello che sto combinando,persino i miei stanno male a causa mia.
L'altro giorno ho litigato con loro e sono scappata,da sola.
Persino la prof dice che rivuole la vecchia me,e sospetta che io mi sia innamorata.
E non sai quanta voglia ho di urlarle contro che si,mi sono innamorata,e non ho potuto mai far niente di peggio.E non sai poi quant'altra voglia ho di urlare a quei due,che vengono in classe ogni singolo giorno a chiedermi se sto con te,che mi manchi,tremendamente.
Perché si,mi manchi.Ma dirtelo non serve a niente perché so già la risposta.
E’ che tu mi completi.
Solo con te mi sento me stessa.
E’ che ti sogno a giorni alterni e fa un male cane.
Stamattina mi sono svegliata col tuo pensiero fisso in testa.
Mi sono svegliata serena,nel letto,da sola.
E non sai quanto cazzo fa male pensare di averti dimenticato,dire “Eh, io non ho bisogno di lui”,e poi sognarti.Giuro,crolli.
Non sai quanto cazzo fa male svegliarsi dopo averti sognato,andare in bagno per prepararsi per la scuola, pensare “Cavolini,oggi c'è il compito di matematica ed io non so un cazzo!”, dopoddicché “Ah, ma vaffanculo, ho fatto pace con Modesto”,riflettere,“Dio, ma che cazzo ho detto!?Era solo un sogno”, e scoppiare in lacrime.
Perché da quando ci siamo messi insieme non apro più manco un libro,e non so quanto culo ho perché mi beccano solo i prof che non fanno manco niente.
Perché a me davvero non frega niente di avere una cultura,di crearmi un futuro migliore.
Mannaggia la madonna,io il futuro migliore l'avrò solo se ti sposo.
A me non frega un cazzo di avere una cultura,io voglio i tuoi cazzo di occhi e guardarli ogni cazzo di secondo.
Mi manchi…Anche se t'ho mandato a quel paese non so quante volte,mi manchi tu accanto a me.
Mi mancano i tuoi abbracci.Quegli abbracci dove mi sentivo al sicuro,come se il mio mondo fosse quello,come se il mio mondo fosse tra le tue braccia.Quello era il mio rifugio.
Mi manca provare a farti lo sgambetto mentre cammini,ma tanto non inciampi mai.
Mi manca guardarti negli occhi.
Mi manca fissarti mentre guardi altrove o quando fai le facce strane.
Sei bello,sei bellissimo.Di una bellezza rara.
Sei tutto,almeno per me, e non riesco a fermarmi.
Perché dico cose belle solo a te.
Perché mi viene da dirle solo a te.Sempre.
Mi manchi,sempre.
E ti amo,tantissimo.
Anche se ho commesso errori che manco io mi perdonerei,mi manchi.Mi manca persino avere il tuo nome in cima alle conversazioni di Whatsapp.
Sono innamorata di te da non so quanto,mentre tu…lasciamo stare.
Pure se ho baciato altri ragazzi,ma giuro che lo facevo per dimenticarti.
Ja quelli quando gli parlavo dei conigli pensavano che io fossi strana .-.
A me piaci tantissimo,giuro.Mi piaci davvero,più della coca cola bona che amo tanto,pure più dei conigli.
Ecco,se io ho te,giuro,il resto lo butto.
Ahn,ma tanto non serve a nulla dirtelo…Mi manchi,ecco tutto.
Non risolverò niente,è vero…
Ma devi saperlo,buonanotte
Italian Vernacular Prayer Against the Evil Eye

“Affascine ca vaie pe’ la via

da ________ non ci ire

che è bona nata

battezzata, cresimata 

A nome de Die

e della Santissima Trinitate.”

‘Fascino going along the way,

don’t go to _________

for she is well-born

baptized and christened

in the name of God

and the holy trinity.’

From Witchcraft, Healing, and Vernacular Magic in Italy by Sabina Magliocco

SESSO. Tutti fissati con sto sesso. Tutti a pensare che il sesso sia la cosa più importante in un rapporto. Tutti a pensare che il sesso risolve le cose, completa tutto. Ma seriamente? Pensate che il sesso sia più importante di ogni cosa? Pensate che il sesso sia più importante del risolvere i problemi e lottare per andare avanti? Pensate che sia più importante di un pomeriggio insieme abbracciati a non poter fare a meno di fissarsi? sul serio mi viene da ridere. Perchè bhe, il sesso non è la cosa più importante tra due persone che si amano. C'è ben altro prima di quello. Cioè, volete dirmi che una notte di sesso è più importante del capirsi? dell'abbracciarsi? degli sguardi? Quando leggo di ragazzi o ragazze che pensano solo al sesso provo una gran pena, sapete? Un giorno stavo sull'autobus, un semplice e triste autobus. Appena salita mi capita a tiro un ragazzo con tre amici che racconta di quanto è bello scopare. Avevo intenzione di andarmene a sedere il più lontano possibile ma poi continua il suo discorso ispiratissimo e non posso fare a meno di ascoltare. ‘Co a pischella mia se semo lasciati ieri, l'ultima volta me la so scopata venerdì, che peccato era bona vera’ bhe, cari miei eravamo in un lunedì mattina. Capite di cosa parlo adesso? Ragazzi che lasciano la propria ragazza perchè non è brava a letto o perchè non la da dopo due settimane. Ragazze che passano da un letto all'altro e poi scrivono su Facebook 'ma er pischello serio nse trova, sete tutti uguali’. Eh certo. Ormai pensate tutti quanti solo ad infilarglielo per bene e poi amici come prima. Ormai pensate solo a scopare. Ma dove sono finiti i ragazzi che rispettano la propria ragazza se non è pronta? Dove sono finiti i ragazzi che preferiscono stare ore ed ore a letto abbracciati a parlare di qualsiasi cosa, anche di cazzate, con la ragazza che amano invece di fare sesso? Dove sono finiti i ragazzi che parlano di 'fare l'amore’ invece che dire solamente 'scopamo?’ Dove sono finiti? Dove cazzo stanno i ragazzi seri? Vi prego se trovate un ragazzo che vi ama e vi rispetta non lasciatelo andare mai. Che innamorasse de sti tempi è nprivilegio!
—  via (amarsinonbastamai)

Eugène Delacroix (Saint-Maurice, 1798 – Parigi, 1863)

La libertà che guida il popolo

1830, Museo del Louvre, Parigi

olio su tela, 260 x 325 cm

-

Oggi me scuserete si provo a fà arcune riflessioni che magari sò un po’ a mozzichi e bocconi ma l'argomenti sò tosti, quinni abbiate pazienza.

Ecchela qua ‘a Libertà. Che morti se ne riempieno ‘a bocca ma poi quann’è er momento sò liberi solo loro e l’antri sì ma un pò de meno.

Questa che guida eroicamente er popolo tra vento e gesti teatrali se chiama Marianna e è na donna ma pure ‘a Francia intera e pure ‘a Libertà stessa, su ‘e baricate de Parigi der 1830, naa rivorta contro er re. Dice ma come, nun l’aveveno cacciati anzi decapitati tutti? E gnente, ereno tornati, tipo zombi. Mo nun ve vojo fà ‘a storia spiegata ai truzzi, ma in pratica c’era stata ‘a rivoluzione francese, poi piano piano s’ereno iriggiditi, Napoleone, poi Napoleone era stato sconfitto, poi gnente era tornato er re. Ma na vorta che uno assaggia ‘a libertà, difficile che saa lassa portà via.

Li francesi daa rivoluzione francese, e l’illuministi che sempre daa Francia sò originari, aveveno messo ‘a libertà su un piedistallo che ancora oggi noi ‘i ringraziamo.

Però accanto, nun soo scordamo, ciaveveno messo l’uguajanza e ‘a fraternità.

Perchè ‘a libertà è sacrosanta nun solo quanno ce toccheno ‘a nostra, ma pure quanno noi annamo a sfrantumà quella dell’antri. Cosa che noi europei amo fatto spesso e volentieri.

Quinni regola numero uno: ‘a libertà va difesa quanno ce piace e quanno nun ce piace, perché tutti l’esseri umani sò ugguali.

Ma sempre sempre? Ad esempio si uno me carpesta ‘a faccia co convinzione e cattiveria, è libbero de fallo? Devo porge l’antra guancia? O me posso spostà? O je devo menà? O ce devo parlà, pure si ‘a voce m'esce storta perchè me sta a carpestà?

Per esempio, quanno hanno fatto ‘a rivoluzione er popolo francese stava popo male male male. No come oggi, baguette bulevard cafè musica turismo moda nuvel vag nuvel cuisin: c’era ‘a nobirtà che saa spassava, un po’ de borghesia che campava, e na marea de poracci che ‘n ciaveveno un cazzo da magnà e nun sapeveno né legge né scrive. Un po’ come tanti paesi oggi, de quello che na vorta appunto se chiamava “terzo monno” e oggi un po’ più caruccio “paesi in via de sviluppo”, come a daje na bottarella de incoraggiamento.

E tanto staveno male sti francesi che ‘a libertà saa sò pijiata a son de fucili, accette e gijottine. E diciamola tutta dopo hanno pure strafatto e c'è stato er regime der terore anzicheno co tanto de liste de proscrizione.

Quinni, regola numero due: l’idee sò importanti ma tocca sempre stà attenti a du spauracchi der genere umano: ‘a paura e ‘a sete de potere, che porteno aa violenza e aa prepotenza. E quinni mettese dii limti, che sò poi quelli daa legge, nun è na cosa sbajata, specie pe difenne i più debboli.

E regola numero tre: tocca nun affamà ‘a gente, sinnò poi ‘a gente se incazza. E bada che ‘a fame po’ esse fame de cibo ma pure de curtura, de democrazia, de libertà.

Purtroppo certe vorte pare che quasi ogni ragione pò esse bona pe ammazzà. Oggi vedemo che c’è gente che ammazza quelli che seconno loro se sò presi troppe libertà. E cercano de ammazzà gente e libertà insieme.

Io dico che n’idea si è bona nu ‘a pòi ammazzà, riciccia sempre. Invece ammazzà na persona pe n’idea me sembra un po’ na cazzata: primo perché ‘n idea riciccia e na persona no, ma anche perché aho ma chi taa detto che l’idea tua è tutta giusta e quelle dell’antri sò tutte sbajate?

Pe carità, certe vorte combatte co 'e armi pò risurtà necessario, tipo pe difendese o contro 'a dittatura, come - che ne so - ‘a Resistenza. Ma uno dii traguardi mejo daa civirtà nostra è che invece de ammazzà a chi nun ce piace come ‘a pensa, quello che dice o che fa, ce parlamo, cercamo de convivece, de venì a patti. Ar massimo massimo si uno fa na cosa popo brutta brutta criminale ‘o mettemo in galera. Ma no ammazzallo.

Ecco.

È di una bellezza strana,
Tu non la incontri per strada e dici “Cristo che bona! Me la farei.”
No.
Tu la incontri per strada e speri che ti sorrida, e quando lo fa
Ti si scioglie il cuore e non capisci più un cazzo.
Vorresti rimanere lí con lei, e magari ti maledici in silenzio perché non sei abbastanza interessante da farle saltare l’appuntamento a cui sta andando, magari con uno molto più interessante di te.
È di una bellezza particolare, delle quali ti accorgi piano piano.
Capisci? Del tipo che la prima volta in cui la vedi sei costretto a pensare “che carina.”
Poi ci parli, e ti piace sul serio.
Ti sorride, e sei infatuato.
Quando raccogli abbastanza coraggio da guardarla negli occhi, sei fregato.
È una bellezza importante, la sua.
Di quelle che durano tutta la vita; è per via della luce che si porta dentro, credo.
Quella, al contrario delle altre, non ha bisogno di ritocchi o di chirurgia plastica durante gli anni.
Una stella brilla per sempre.

anonymous asked:

Raccontami una storia divertente, ti prego!:(

C'è una mia compagna di classe che si atteggia a gran fattona. Ogni lunedì mattina mi tocca sorbire i suoi “Oh ragà madonna, sabato cosa non mi so fumata! Ahahaha ancora sto rincoglionita!”, e lo ha fatto anche oggi. Un giorno, l'anno scorso le dissi “Ma Rossè, fai tanto così, sabato esci con il gruppo mio, no? Tanto li conosci tutti, ti facciamo vedè come torni a casa!”
Ovviamente non avrei sprecato dell'erba per lei, mai e poi mai. Sabato pomeriggio, io ed il mio migliore amico facemmo due canne di TIMO. Il timo è una normalissima pianta aromatica, che fa anche bene ahahahah. Sabato sera accendiamo la prima e facciamo tutti quanti “ammazza che bona” “oh è proprio forte”.. Arrivato il suo turno ha degenerato.
“RAGÀ STO COME NA PIGNAAAA” E noi continuavamo il giro e ridevamo come dei coglioni PERCHÉ LEI INSISTEVA A FARE LA FATTA.
Ed ha continuato anche con la seconda, anzi ha pure detto “ragazzi io questo giro passo, perché sto veramente distrutta!” Diceva cazzate su cazzate, rideva da sola.. Voglio dire, ha fatto un cinema, ma se le annusavate le mani, profumavano proprio di erba aromatica.
AHAHAHAHAH È STATO BELLISSIMO AHAHAHAHAHAHA

Leda e il cigno

II sec. d.C., copia romana forse dall'originale greco dello scultore Timotheos, 360 a.C.

Roma, Musei capitolini

marmo, cm 132

-

Ecco qua n’antro esempio de statua romana copiata da na statua greca, che ai romani ‘a scurtura greca je piaceva na cifra e pe fortuna se sò fatti ‘e copie, che poi l’originali se sò persi quasi tutti e invece quarche copia è rimasta. E pure ‘a storia reccontata è un mito greco, che poi i romani se sò presi pure questo ma pe nun dovè pagà i diritti d’autore j’hanno cambiato quarche nome: così, pe dì, Zeus diventa Giove. Scherzo, eh.

Ad ogni modo, come avemo avuto modo de vedè artrove, sebbene Giove fosse ufficiarmente sposato co Giunone, je piaceva fasse parecchio l’affari sua, e quanno che vedeva na bella pischella (e quarche vorta pure un ber pischello) nun soo faceva dì du vorte. Però siccome che Giunone era gelosa e lui ce lo sapeva, quanno faceva ‘e scappatelle sua se trasformava, così ‘a moje nun lo vedeva.

Un giorno Giove incontra Leda, che era parecchio bona, e pe provacce se trasforma in cigno. Leda soo guarda e fa: “Anvedi sto ber cigno co sto ber collo lungo lungo, pare quasi che me se vò rimorchià! Sai che te dico? A me me sò capitati parecchi ommini che manco t’hanno invitato a cena na vorta che già se sò trasformati in maiali: ma cigni mai. Aho, che te devo da dì, n’amo provati tanti, provamo pure a questo”.

E così, daje e daje, Leda e er cigno se sollazzano a piacimento. Tanto che aa fine Leda resta pure incinta. E naturarmente, dato sì che lui era un cigno, dopo nove mesi partorisce du ova, ma granni; che da un ovo escheno du sorelle, Elena (de Troia) e Clitemnestra; e dall’antr’ovo du maschi, Castore e Polluce. Ma questa magari taa recconto n’antra vorta, che sinnò te rompi e co tutte st’ova ce famo na frittata.