castelli

Mi manchi, ma so già come funziona. Ormai sono abituata.
Mi manchi, ma continuo la mia vita tranquillamente.
A volte ti penso, concedimelo.
Eravamo perfetti nella mia mente.
Ero già felice.
Lo sentivo già nella pelle, il cambiamento.
E poi, come sempre, il castello in aria ha cominciato a crollare, e dopo pochi secondi non c'erano altro che resti.
Resti di un ipotetico “noi”, resti delle mie speranze, delle mie illusioni, dei miei “questa volta tocca a me essere felice”. Resti di un sogno, fin troppo bello per essere vero.
Avete presente quei castelli di sabbia usciti male? Che ne sò, anche a voi sarà capitato di recarvi in spiaggia e, armati di secchiello e paletta, avete costruito dei castelli. Uno di questi però, è imperfetto. Magari, proprio mentre stavate sollevando il secchiello, una parte di castello si è staccata ed è scivolata via. E voi che avete fatto? Ovviamente coi vostri piedini l’avete distrutto completamente. Che ci faceva in mezzo a tutti quei castelli belli, dotati di finestrelle e torri? Niente. E io mi sento proprio come quello. L’unico, fragile castello in mezzo a tanti altri migliori di me.
—  Datemileistruzionipervivere
Personalmente amo il mare. In tutte le stagioni, con la pioggia o il sole, a mezzogiorno o al tramonto. La cosa che mi piace di più del mare è l'odore, anzi, il profumo. Mi ricordo che, da piccola, la prima cosa che notavo quando arrivavo in spiaggia era il profumo, quell'odore familiare, che mi faceva (e mi fa ancora oggi) sentire a casa. Un'altra cosa che ho sempre amato è la sabbia. Forse può sembrare strano, ma è così. Amo la sensazione della sabbia sotto i piedi, per non parlare del significato che ha per me. Infatti io considero la sabbia in modo particolare: un qualcosa che, da solo, non può fare niente, ma, mischiato con l'acqua, può dar vita a bellissimi castelli. Un po’ come noi, abbiamo bisogno di qualcuno che ci completi, che ci aiuti a costruire qualcosa, a dare un senso alla vita, perchè da soli non ce la facciamo. Un altro elemento che contribuisce a dare fascino al mare, è il vento. Quella brezza leggera, che talvolta diventa più forte, ma che è sempre una presenza costante. Quel vento che scompiglia i capelli, che crea le onde che si infrangono a riva, che ti da un po’ di sollievo quando il caldo è opprimente. Ci sarebbero ancora così tante cose da dire del mare, ma mi fermo, non voglio stancare nessuno. Semplicemente amo il mare, in ogni suo elemento.
—  Tantisognienessunacertezza

Le château de Girsberg, Haut Rhin, France

It was the Lords of Ribeaupierre who built the castle in the 13th century, then named Stein (La Roche). They rebuilt it after a fire caused by lightning in 1288. In 1304, they gave it to their vassals, the knights of Girsberg, from whom the castle took its name. The Girsbergs kept it until they died out in the15th century. It was abandoned in the17th century.

The Château du Girsberg (formerly named Petit-Ribeaupierre) is one of three castles (with the Château de Saint-Ulrich and the Haut-Ribeaupierre) which dominates the commune of Ribeauvillé in the Haut-Rhin département of France.

Made with Flickr