casa in campagna

Vorrei dirti che mi manchi/
Ma dopo un po ti stanchi/
Di rincorrere qualcuno che ha preferito trascorrere del tempo con altri/
Stare sul letto e mettere la mia mano sui tuoi fianchi/
Vorrei passasse del tempo per dimenticare/
Ma tu mi hai trattato come una gomma da masticare/
Ed io avevo cominciato nella mia stanza a fantasticare/
Con una casa in campagna aspettando che cominciasse a nevicare/
Ma dentro di me sento che vorrei solo amarti/
Per dirti che in fin dei conti eravamo giusti,ma mi viene voglia di baciarti/
Quando ti vedo impazzisco, ti vorrei salire di sopra, come faccio a dimenticarti?/
Chiuso nella mia stanza, e non riesco ad evitare di pensarti/
Ho provato amore che si é tramutato in orrore per poi morire solo con me stesso/
Prima di entrare nella tua vita ti avevo chiesto il permesso/
MI hai lasciato entrare ma poco dopo mi sono sentito compromesso/
Avevo detto che dopo l'ultima tipa non ci sarei cascato, me lo ero ripromesso/
Amavo il modo in cui mi guardavi/
Prima la mattina appena sveglia mi ricodavi/
E la chitarra apposto mio mi accordavi/
Poi sei andata via, perché con i miei sentimenti giocavi/
Adesso ho solo dolore,quel dolore che mi hai lasciato/
Stupido io che non ho dato retta al mio cuore malandato/
Ora è più danneggiato di prima, perde sentimenti, tutto fasciato/
Ed il mio sguardo è sempre più angosciato
—  Una-nota-stonata
C’è una scorciatoia per tornare a casa mia, ma io non la prendo quasi mai. Mi piacciono i lunghi tragitti, quelli dove faccio in tempo ad ascoltare tutta la mia playlist. C’è un’altra ragione per cui non prendo la strada più corta: te. Abito in una casa in campagna ad 1 km dalla città, basterebbe girare a destra e sono arrivata, ma io voglio passare in mezzo alla gente, per vedere se anche tu ci sei.. Non sono mai stata per le cose semplici. Mi piace complicarmi la vita.
—  Lorena