capillar

10

A Vallevecchia tra agricoltura conservativa, di precisione, gestione innovativa dell’acqua.

Lo scorso 19 luglio si è tenuta a Vallevecchia, presso l’azienda dimostrativa di VenetoAgricoltura, una giornata divulgativa e dimostrativa di alcune innovazioni in campo, in particolare nell’ambito di tre progetti europei condotti contestualmente nell’azienda di Caorle.
Si tratta dei progetti Helpsoil, sull’agricoltura conservativa e le strategie per migliorare i suoli agrari - 20 aziende in tutta la pianura padana, e Kuhn partner del progetto; il progetto Agricare, sull’agricoltura di precisione e diversi itinerari tecnici a confronto, con Maschio-Gaspardo partner tecnico; il progetto WStore2, sulla gestione dell’acqua in una zona particolarmente difficile per natura dei terreni e problemi di risalita capillare dal mare.

Nella prima foto la prova di bulatura - trasemina di leguminosa in un cereale a paglia - che sto seguendo e di cui ho già raccontato fotograficamente, in un confronto tra diverse specie e la misurazione degli effetti sulla fertilità del terreno, in particolare biologica.
A seguire poi la taratura di uno spandiconcime a rateo variabile e le prove di semina su sodo o con seminatrici combinate su stoppie di colza. La prova di decompattazione con alcune macchine per migliorare la densità apparente dei terreni (in particolare compattamenti superficiali in agricoltura conservativa o vecchi compattamenti più profondi derivanti in particolare dall’aratura), e ancora il dettaglio di una seminatrice da sodo e il risultato di un sorgo seminato su un medicaio non completamente devitalizzato, con un interessante effetto di consociazione tutt’altro che negativo!
Infine poi il cuore progetto del progetto WStore2: il gruppo di filtri e pompe a ridosso del bacino di accumulo delle acque.

L’agricoltura conservativa migliora la fertilità del terreno, ne arricchisce la fertilità biologica, l’attività di microrganismi e insetti utili, aumenta la sostanza organica, l’infiltrazione e lo stoccaggio dell’acqua, il passaggio dell’aria e anche dei mezzi meccanici. Vi sono anche delle difficoltà, dei punti critici, ed è un peccato che nelle discussioni saltino fuori sempre gli stessi problemi, che non trovano risposta né dagli enti né tantomeno dagli agricoltori, il cui noto ingegno sembra fermarsi di fronte a questi ostacoli.

In questo contesto non posso dilungarmi oltre, ma nella recente pubblicazione del progetto Life+ Agricare (disponibile e più ampia anche quella del progetto Helpsoil), curata da VenetoAgricoltura e scaricabile sul sito, si trovano ampie descrizioni del progetto, un’occasione davvero unica di lavorare e studiare l’agricoltura conservativa, con approfondimenti sulla prova dei decompattatori e alcune schede dedicate ai progetti Life+ Helpsoil e WStore.
Nell’ultima foto, quanti sono rimasti fino al tardo pomeriggio delle alcune centinaia arrivata in mattinata, hanno potuto visitare tutta l’azienda guidati dai ricercatori di VenetoAgricoltura, alla scoperta delle numerose prove e studi in corso nell’azienda, aperta come le altre dell’ente alla visita di quanti vogliono conoscere le innovazioni in campo per l’agricoltura veneta.

ROSSO

Secondo la medicina tradizionale cinese il colore dell'estate è il rosso .
Tutti i cibi di questo colore sono ricchi di Licopene e antocianine ( la quantità è proporzionale alla maturazione del frutto o verdura e all'intensità del colore ) che riducono il rischio di tumore, aiutano i vasi sanguigni e la fragilità capillare.
Contengono inoltre molta vitamina C che aiuta la formazione del collagene ed incrementa l'assorbimento del ferro. Diamo colore e salute alla nostra estate e ai nostri piatti.

❤️