braghettone

Michelangelo Buonarroti

Giudizio Universale

1536-41, Cappella Sistina, Vaticano

affresco,13,7x12,2 m

-

Na ventina de anni dopo avè dipinto er soffitto Michelangelo torna in Cappella Sistina, chiamato da papa Clemente VII, e stavorta senza fà tante storie, je dipigne er Giudizzio Universale. E’ già su ‘a sessantina Michelangelo, ma nun se scompone, sale sull’imparcature e te fa sta paretina bella bella; e nun se scordamo che ner frattempo stava a sovrintenne ‘a costruzione de San Pietro, più antre cosette qui e là, ma se sa che lui era un genio e sapeva fà tutto, pittura, scurtura, architettura, poi quanno ciaveva dieci minuti libberi te scriveva un sonetto, e ce scommetto che era bono puro a fà ‘a ribboliita aa maniera toscana anche si li biografi me pare nun menzioneno er fatto.

Ad ogni modo, sto affresco è ‘a fine der monno: nun solo ner senso che è bello na cifra, ma che qui Michelangelo te fa vede er giorno der giudizzio: er monno è finito, er tempo s’è fermato, Dio ha chiuso i battenti e mo tocca vede gnuno come se posiziona. In arto Gesù, bello e giovane, che fa dii gesti tipo viggile urbano ma incazzato parecchio, che ogni murta sò cent’anni ner foco eterno, che decide chi va ndove: i boni se ponno accomodà su ‘e nuvolette, i cattivi cascheno giù all’inferno ndove li diavoli ‘i stanno a aspettà, Caronte co er remo in mano pronto a datte na botta sur culo si solo je provi a dì “lei nun sa chi sono io, riceverà na lettera dar mio avvocato!”. Sbàmmete!

Vicino a Gesù ce sta su madre, ‘a Madonna, che se strigne tutta che quasi quasi cià paura puro lei. Tutt’attorno li santi e in particolare li martiri, che ce fanno vede come quarmente fureno ammzzati in quanto cristiani. Tipo San Lorenzo caa graticola, che ‘o fecero arosto sur barbechiù; Santa Caterina caa ròta; e San Bartolomeo che ‘o scuioareno vivo poraccio, e che qua regge in mano popo ‘a pelle sua: e drento sta pelle, in quaa faccia stiracchiata, Michelangelo ce mise l’autoritratto suo, quasi a firmà er dipinto.

Ma ce sta puro un antro ritratto naa faccia de quer diavolaccio de Minosse che sta in fonno a destra, come spesso er cesso, e manna li peccatori alli vari piani d’iinferno arotolanno ‘a coda tante vorte quanto er numero der piano, e sta coda è un serpente che je sta a morde li cojoni; e cià puro l’orcchie de somaro che n’è popo un complimento: e ‘a faccia anfatti pare sia quella de Biaggio da Cesena che era er cerimoniere der papa e che se pensò de criticà er lavoro de Michelangelo: er quale immediatamente se vendicò dipignendolo all’Inferno. Subito Biaggio se annò a lamentà dar papa, je fece “Santità, ma anvedi che m’ha fatto Michelangelo, m’ha messo all’Inferno in mezzo alli diavoli, me faccia toje subito pe cortesia!”; ma er papa je rispose “Bè si fosse stato er Purgatorio, che è solo pe n’anticchia de tempo, tanto tanto: ma cioo sai che l’Inferno è pe sempre, quinni purtroppo taa pii in saccoccia e ce resti, me dispiace”.

Che poi ‘a critica der cerimoniere era perché dice Michelangelo aveva dipinto tutti gnudi e in bella vista, che nun era rispettoso. Ma Michelangelo volevà dì che de fronte ar giudizzio de Dio semo tutti uguali, come mamma cià fatto. Però, date le proteste, a na certa er papa fece mette ‘e braghe cioè ‘e mutanne ai gnudi più in vista, e er pittore Daniele da Vortera che eseguì sta censura fu anfatti detto “Er Braghettone”.

Mo, se potrebbero dì antre mille cose su sto dipinto, ma dati li tempi medi truzzi de sopportazione chiudemo, ricordanno solo che qui drento è ndo li cardinali eleggheno er papa: e je auguriamo che sto Giudizzio bello e teribbile che ‘i sovrasta durante er conclave je sia di ispirazione pe fà sempre ‘a cosa giusta.