blue engel

4

She’s coming home … ❤ 

Marlene Dietrich started her first Germany tour after WW II in Berlin. She gave three acclaimed concerts at the “Titania Palast” from May 3 to May 5 in 1960. Many loyal fans gave Marlene a warm welcome

During her visit then Mayor of West-Berlin, Willy Brandt, received her at the western City Hall in the district Schöneberg (her birthplace), where Marlene signed the Golden Book of Berlin

Marlene also stopped by at the UFA Film Studios, where “Der blaue Engel” (The Blue Angel) was filmed by Josef von Sternberg in the years 1929 and 1930 … the role that made her famous.

Sadly, Marlene had to get acquainted with the dark side during the entire tour … the group of die-hards insulted her, calling her a traitor and yelling at her “Marlene, go home!”. I’m afraid, those idiots will never die …

Marlene’s strong principles and her courage to fight against Nazi Germany even though from the outside, makes me love her most and a little bit proud that this amazing woman came from this fantastic city! In Berlin, self-confident women often name themselves ‘Marlene’s daughters’!


“Ich bin, Gott sei Dank, Berlinerin!” (’Thank God, I’m from Berlin!’) 

~ Marlene Dietrich ~

6

L'Angelo Azzurro (Der Blaue Engel), 1930 di Josef von Sternberg

Sapevo che sarebbe tornato: da me ritornano tutti.

Il 1930 è un grande momento della Germania, della Repubblica di Weimar che rappresenta la più alta manifestazione culturale del nostro secolo: letteratura, teatro, pittura, design, scienze, cinema; Weimar detta nuove regole al mondo. Una delle parole chiave è espressionismo. Molti  autori, dopo il 1933, con l'avvento di Hitler, abbandoneranno il loro paese immigrando soprattutto in America. Marlene Dietrich arrivava nel momento più opportuno: veniva da ruoli insignificanti e si trovò titolare di un personaggio, Lola Lola, che sarebbe stato tramandato per decenni dalla stessa Dietrich e imitato con assoluta trasparenza. I grandi segni erano: cappello a cilindro, calze e giarrettiere nere, boa di piume. In questo film Marlene canta la famosa canzone Ich bin von Kopf bis Fuß auf Liebe eingestellt (Falling in Love Again in inglese e in italiano, venne tradotta letteralmente come “Da capo a piedi sono orientata all'amore”). Il ruolo di donna fatale in questo film le ha permesso di iniziare la sua carriera di star internazionale.