bertrand jean redon

2

Odilon Redon (Jean-Bertrand Redon, Bordeaux, 1840 – Parigi, 1916)

La morte di Orfeo

1905-10, Gifu (Giappone), The Museum of Fine Arts

olio su tela, 50 x 73,5 cm

-

Gustav Moreau (Parigi, 1826 – 1898)

Orfeo

1865, Parigi, Mosée d’Orsay

olio su tavola, 155 x 99,5 cm

-

E venimo così a reccontà ‘a fine daa storia de Orfeo. Si ve ricordate, Orfeo ritorna su ‘a tera dall'Inferi solo soletto e cor core sfranto, e ovviamente inizia a cantà er dolore suo. E viè ucciso da ‘e Baccanti, ossia donne sfrenate dedite ar curto der passionale Dioniso: chi dice perché j’aveva sfrantumato l’orecchie co sto miagolio continuo der canto de amore perduto, chi invece, più credibirmente, perché dopo avè perso Euridice s’era chiuso a riccio, avea giurato de nun amà mai più e fasse frate. Che nun se fa, perchè ‘a vita va avanti. E anfatti vedi che er monno e ‘a natura, co tutte ‘e catastrofi e ‘e monnezze che je famo, imperterito continua a vive e copulà e fijà.

Insomma ‘e Baccanti ‘o fanno a pezzi ma gnente, ‘a testa continua a cantà (pare quasi un firm d’oorore aho, coi mostri che je spari e uguarmente se riarzeno e nun te molleno; oppure quii cantanti orendi che passeno a mijor vita ma ‘a casa discografica nun se rassegna e continua a sfornà arbum postumi reccojiticci e best of). Ma diciamo che pe Orfeo er simbolismo è de più arta fattura: è come si l’arte potesse esse davero immortale, ma solo dopo ‘a morte, dopo er passo estremo che permette de entrà in un’antra dimensione. Che è uno dii motivi per cui drento sto blogghe trovi solo artisti defunti: che solo aa fine der percorso tu pòi guardà indietro a tutta l’opera complessiva e dì “sì ecco mò sei leggenda”.

Conmunque qui ciamo du pittori simbolisti che ce fanno vedè sto finale. Redon fa na roba visionaria quasi astratta, quasi che sta testa è vista ar microscopio in mezzo a foje giganti e gocce d’acqua su un vetro; Morò je dà un tono più classico, malinconico, co sta donna tutta seria che guarda triste ‘a faccia de Orfeo, perché in effetti che je vòi dì? Sò argomenti de na certa serietà, e naa vita ariva sempre er momento de esse seri, e pure de sta zitti, e medità.

  Battle of Bones, 1881, charcoal by Odilon Redon, 1840-1916, French. Kröller Müller Museum, Netherlands.

  Radon was born Bertrand-Jean Redon and was a symbolist artist, printmaker, draftsman and pastelist. He is of the postimpressionist period.