benno levin

Non leggevo per divertimento, nemmeno da bambino. Non ho mai letto per divertimento. Prendetela come vi pare. Penso troppo a me stesso. Mi studio. Questo mi disgusta ma è tutto quello che ho. Io non sono nient'altro. Il mio cosiddetto ego è una piccola cosa contorta, forse un po’ come il vostro, e tuttavia posso tranquillamente dire che è attivo e si sente molto importante e passa continuamente da grandi sconfitte a grandi trionfi. Ho una cyclette senza un pedale che una sera qualcuno ha abbandonato per strada.
—   Le confessioni di Benno Levin