bassorilievo

2

Guido Reni (Bologna, 1575 –1642)

Aurora

1613-14, Roma, Casino Pallavicini Rospigliosi

affresco, 700 x 280 cm

-

Giovanni Francesco Barbieri, detto il Guercino(Cento, 1591 – Bologna, 1666) con l’aiuto di Agostino Tassi (Ponzano Romano, 1580 – Roma, 1644)

Aurora

1621-23, Roma, Casino Boncompagni Ludovisi

affresco e tempera a secco, cm ?

-

Fa sempre piacere vedè na competizione tra du granni: che si se vedesse più gara a chi fà mejo invece che a chi fà prima e peggio a insurtà l’avversario suo, in tutti i campi doo scibbile umano, sta tera sarebbe un posto mijore.

Qui vedi er derby daa pittura, che Guido Reni e Guercino fanno na specie de gara a chi dipigne ‘a mejo Aurora. ‘A competizione era accesa, anche perché sti due ereno daa stessa zona, paese più paese meno, e ste due Aurore se troveno tutte e due a Roma, isolato più isolato meno.

Ner dipinto de Guido Reni ar volante ce sta Apollo che guida er caro der sole, illuminato da quer regazzino che è Fosforo, no quello der dentifricio ma ‘a stella der mattino, e intorno ce sò le Ore che se fanno un balletto composto tipo girotondo marcondirondirondello, ognuna cor colore suo ton sur ton che pare na truss de ombretti che si nun sai che sto a dì chiedi aa regazza tua che too spiega lei; l’Aurora apre er corteo gettanno fiori e caccianno vie er buio daa notte co er blu e er viola che scappeno e er dorato e er rosino che ariveno, popo come quanno torni daa discoteca che è già quasi l’arba e dici “aho anvedi che robbetta”. E’ tutto delicato, carmo, allegro ma nun troppo; sta sur soffitto ma è come si fosse un quadro su na parete, bello spianato senza sobbarzi e classico come si fosse un bassorilievo antico.

Otto anni dopo er Guercino fa ‘a sua controproposta. Stavorta l’Aurora è lei che ha preso ‘a patente e guida er caretto. Davanti ‘a notte che scappa, e dietro resta er marito anziano che un po’ se preoccupa e je fa “aho vai piano me riccomanno, e ricordate de l’Olimpo è ztl”. E’ visto dar basso, sottinsù, come che er soffitto è crollato, e ecchetela tiè, che vola lassù e fa popo n’antro effetto totarmente, un gran ta-da! barocco, più vero, più contrasto de colori, più ombre, più più più.

E gnente, come a icse factor aa fine decidete voi, chi vince?

3

Arco di costantino

315 d. C., Roma

Muratura, opera cementizia, marmo; dimensioni generali: altezza 21 m, larghezza 25,9 m, profondità 7,4 m

-

Rilievo costantiniano, Liberalitas (313 d.C.)

Rilievo aureliano, Liberalitas (173 d.C.), altezza oltre 3 m

-

Ma ‘o potemo davero chiamà arco de Costantino quanno che Costantino (o er Senato che je lo dedicò) pe fà st’arco ha preso pezzi e bocconi de qua e de là, tirannoli via da monumenti che ereno de Marc’Aurelio, Adriano e Traiano, e appiccicannoli poi all’arco suo tipo figurine sull’arbum? In pratica ha fatto na specie de quee coperte che fa tu nonna che se chiameno Pacciuorch, hai capito come? A parte che c’è pure chi dice che addirittura ‘a muratura popo dell’arco era de Adriano, e che Costantino l’ha solo riammodernato.

Ma nun dovemo necessariamente pensà che l’ha fatto pe micragna. Magari ciaveva fretta. Oppure, mejo, voleva come presentà n’antologgia de granni imperatori prima de lui, come a dì “aho, io sò erede loro, rigà.”

Però cià messo pure quarche trafiletto de suo, anche perché st’arco, che è n’arco de trionfo, sta lì a celebbrà er decennale de regno dell’imperatore ma soprattutto na vittoria militare, che in quarche modo se doveva pure reccontà. E anfatti ce stanno na serie de freggi stretti e lunghi che te fanno vede l’episodi vari daa campagna militare e daa vittoria contro Massenzio a Ponte Mirvio (che quinni vedi è importante pe antre raggioni ortre a quei lucchetti der cazzo).

E qui te faccio vede l’episodio daa Libberalitas che è quanno l’imperatore distribbuisce sòrdi pe festeggià. Vedi che Costantino sta ar centro, più granne dell’antri perché più importante, e torno torno ce sta la gente che sò messi tipo in fila precisi precisi, tutti ugguali, come sordatini, che pare quasi che l’hanno fatti coo stampino, e pure che ‘a metà destra è ‘a fotocopia daa sinistra o viceversa; e da quelli più importanti, e quinni più granni, se scenne mano mano a quelli che nun conteno gnente, che sò più piccoletti. E’ un monno in cui l’imperatore è quasi na divinità e li cittadini sò poco più de nummeretti senza faccia, che devono da stassene ognuno ar posto suo. Er ruolo conta più dell’individuo, e l’ordine quasi più daa libbertà.

E guarda come sò diversi sti freggi dai quii pezzi antichi riusati qua, per esempio ‘a Libberalitas de Marc’Aurelio: che l’imperatore certo, sì, cià la corona, però è n’omo come l’antri, e ‘a gente è tutta daa stessa grannezza, a parte er regazzino ovviamente, e ognuno è diverso, omo donna, arto basso, giovane vecchio, barba pelato, me metto de fronte de schiena de profilo, magari nun posso votà all’elezioni ma armeno ner bassorilievo me posso move come me pare aho.

Ce sta ancora quer naturalismo der monno classico, perché anfatti le figure sò naturali, e no messe in posa e in riga come pedine su na scacchiera.

Ma dar primo impero a Costantino sò cambiate parecchie cose, e anfatti da qui a un secolo e mezzo l’impero romano de occidente crollerà, e ariveranno li barbari e inizierà quello che se dice Medio Evo; e st’arte qua, tutta bella ordinata schematica, co ‘e linee marcate che pare un disegno pure che è scorpito, diventerà ‘o stile un po’ de tutta l’arte.

E pure st’abbitudine, de riciclà robba presa da li monumenti antichi pe fà ‘e robbe proprie diverà ‘a norma: che se dice ‘matieriale de spojo’, perché spojaveno i templi e palazzi imperiali de tutti li marmi e robbe pe riusalle antrove. Che mò sti marmi e robbe stanno a San Pietro e in tante antre belle chiese: e ar Foro Romano ce sta un mucchio de rovine, che l’americani quanno ‘e vedeno te chiedeno “ma perché nun ‘e riparate che sò tutte rotte?”. E tu dije che è perché nun ciavemo li sordi: così magari te finanzieno du restauretti, vedi un po’.

flickr

Palazzolo Acreide - portale della chiesa dell'Annunziata da btm_mtb
Tramite Flickr:
il più riccamente decorato finora visto