asmatica

-

Sto tornando a pensare tanto, era da un po’ che non scrivevo dei post lunghi, ma credo di sentirne l'esigenza, ora che so che non verranno letti da chi non vorrei.
Questo mese al mare mi ha aiutato tanto, questo posto l'ha sempre fatto, prima solo fisicamente e poi anche mentalmente.
Ho scoperto di essere asmatica a soli due anni e così l'estate era d'obbligo venire qui. Sempre lo stesso posto per anni e piano piano anche le stesse amicizie e i primi amori.
Il mare mi ha dato tanto, dalla spensieratezza alla riflessione, dallo smarrimento alla ricomposizione, sempre qui.
Quest'anno è stata dura e non so se sono di nuovo guarita, però so che, quei pensieri che ho confidato a me stessa, mentre le onde sbattevano fra gli scogli, sono ormai da qualche parte nell'aria, altri pensieri li ho custoditi e so che continuerò a farlo perché ancora non sono pronta.
“Abbandona ogni cosa, lascia andare i tuoi pensieri”, chissà perché non ci sono mai riuscita, chissà perché mi porto dentro qualsiasi cosa io abbia vissuto, chissà perché abbandonare mi fa pensare ad un tradimento ed io non voglio tradire me stessa.

El peor de los males.

El otro dia escuche a un hombre que no conocia y hasta ahora no conozco decir “Yo poseo el peor de los males que puedan haber en este mundo” despues de unos segundos de estar pensando, le pregunte cual era, el respondio “Asma”, despues de una corta discusion sobre eso, olvide el tema, hoy me pongo a pensar por que ese hombre dijo eso, por que yo tambien sufro de eso, hoy despues de una corta reflexion y de imaginarmelo a mi manera entendi.

Es el peor mal, el aire se encuentra alli, todos pueden respirarlo, mientras que tu te ahogas.

Hay que observarlo de la manera en que el aire es el amor y la persona asmatica una persona soltera; mientras que todas las parejas comparten el amor, hablan sobre el, lo experimentan. La persona soltera sabe que esta ahi, que podria sentirlo pero que no puede.