arte natura

Perché, cioè, sai cosa non capisco? Io non capisco perché le persone, perché ogni cazzo di persona è così cattiva col suo prossimo, così spesso cazzo. Non hanno senso per me i giudizi, il controllo, tutto.
—  Into The Wild

[“…c'è qualcosa nell'arte,come nella natura del resto,che ci rassicura,e qualcosa che invece ci tormenta,ci turba…due sentimenti eterni in perenne lotta,la ricerca dell'ordine,e il fascino del caos…dentro questa lotta abita l'uomo,e ci siamo noi,tutti…ordine e disordine…cerchiamo regole,forme,canoni,ma non cogliamo mai il reale funzionamento del mondo,è per gli uomini un eterno mistero…l'incapacità di risolvere questo mistero,ci terrorizza,ci costringe a oscillare tra la ricerca di un'armonia impossibile,e l'abbandono al caos…”]

Curami coi sogni che hai saputo darmi toglimi dai drammi
dammi solo quanto basta e su ogni cassa squarterò gli affanni
passa gli anni accanto a me che invecchieremo insieme
come pelle sul mio corpo sangue nelle vene
crepe sopra al foglio basta a reinventarmi
spogliarmi dei miei panni per mostrarti i tagli
nudo senza vergognarmi giuro non so fra chi collocarti
non so se stai fra l'armatura oppure fra le armi
fra le cure o i tagli scure notti proverò a sdraiarmi
tu ad accarezzarmi con le rughe e i calli di chi ha in mano gli anni
noi due stanchi dentro a un mondo di ologrammi avremo ancora i sogni
coi miei figli a sbeffeggiarmi che stanno sui fogli
forse non sapranno quanto hai fatto per me
forse non c'avranno l'arte avranno i numeri e se
così sarà io avrò fallito e sarò morto per te
come un soldato in una guerra di parole e di idee!
….
Vieni aiutami baby non ci sto più con la testa
ho scritto versi su versi c'ho messo l'anima abbestia
la notte più arida è questa abbandonati al caos
nello scorrere lento Dio guarda triste e fa ciao
il tempo batte e fa braow sapessi scrivere merda
tu avresti in alto le mani quanto più in basso la testa
io avrei il mio salto domani e la morte delle mie gesta
muore ogni notte e mi chiami per fare a gara a chi resta
sogno un testa a testa con Dio piani che non svelo
faccio un testacoda con l'Io mami non cedo
lo tsunami che aspetto il cambiamento del gioco
non parte certo dalle onde parte da un terremoto
io ho fatto a botte col fuoco il più delle volte
m'ha dato botte su botte il più delle volte
e ho visto gli occhi all'Hip-Hop in giornate storte
m'ha detto che ringraziarlo è imparare ad essere forte!

A un certo punto tutta quella deliziosa passività, tutti quei mondi assorbiti, accarezzati, quelle eteree fantasie vagheggiate avevano tanto riempito il vaso della mia interiorità da traboccare: da passiva fruitrice della parola e del silenzio, divenni del tutto fatalmente attiva creatrice delle parole e adoratrice del silenzio. Il silenzio è la condizione fondamentale, il concavo “clima”  da cui si genera ogni forma d’Arte, la silenziosa Poesia al pari della “rumorosa” Musica. Se la cenere sia generativa? Credo di sì, deve pur contenere dei residui dei materiali che la fiamma ha bruciato. Il problema è solo: quando lo sarà? A quali generazioni toccherà l’inesprimibile gioia di uscire dall’evo buio? Quante distruzioni si renderanno ancora necessarie, quante opere d’arte, libri, monumenti, uomini e città dovranno perire, prima che si produca una rinascita? In ogni caso questa non potrà mai aver luogo prima che il genere umano ritrovi delle basi relativamente naturali per la sua convivenza… Arte e Natura sono sempre state unite da un giuramento indissolubile. 

Lodovica San Guedoro

Gallery Swiss Art Space

Nature 2017 /  Edition 2

Exposition internationale d’art contemporain
13 - 30 avril 2017, Lausanne, Suisse

La Place Suisse des Arts et les artistes,
Luigi CiasulloJosefina TeminIngrid SolesvikJean de ClarensAlexander SanerBernadette MoeryCatherine MondouxMaria Célia de Souza AndradePierre Matthey-des-BornelsVictoire Mandonnaud Marie-Noëlle SargetKhatia GudushauriMarine MétrauxLydie DelaigueAmi DurusselNadia RaptiBarbara B.Ro Milan
vous invitent à l’exposition d’art contemporain Natura 2017
Gallery | Publishing | Swiss Art Space Association Rue du Valentin 32 | 1004 Lausanne | gallery@swissartspace.com+41 21 320 39 77Mardi-vendredi 15-18h | Samedi 14-17hou sur rendez-vous +41 79 413 45 77