arte egizia

Eugène Delacroix (Saint-Maurice, 1798 – Parigi, 1863)

La libertà che guida il popolo

1830, Museo del Louvre, Parigi

olio su tela, 260 x 325 cm

-

Oggi me scuserete si provo a fà arcune riflessioni che magari sò un po’ a mozzichi e bocconi ma l'argomenti sò tosti, quinni abbiate pazienza.

Ecchela qua ‘a Libertà. Che morti se ne riempieno ‘a bocca ma poi quann’è er momento sò liberi solo loro e l’antri sì ma un pò de meno.

Questa che guida eroicamente er popolo tra vento e gesti teatrali se chiama Marianna e è na donna ma pure ‘a Francia intera e pure ‘a Libertà stessa, su ‘e baricate de Parigi der 1830, naa rivorta contro er re. Dice ma come, nun l’aveveno cacciati anzi decapitati tutti? E gnente, ereno tornati, tipo zombi. Mo nun ve vojo fà ‘a storia spiegata ai truzzi, ma in pratica c’era stata ‘a rivoluzione francese, poi piano piano s’ereno iriggiditi, Napoleone, poi Napoleone era stato sconfitto, poi gnente era tornato er re. Ma na vorta che uno assaggia ‘a libertà, difficile che saa lassa portà via.

Li francesi daa rivoluzione francese, e l’illuministi che sempre daa Francia sò originari, aveveno messo ‘a libertà su un piedistallo che ancora oggi noi ‘i ringraziamo.

Però accanto, nun soo scordamo, ciaveveno messo l’uguajanza e ‘a fraternità.

Perchè ‘a libertà è sacrosanta nun solo quanno ce toccheno ‘a nostra, ma pure quanno noi annamo a sfrantumà quella dell’antri. Cosa che noi europei amo fatto spesso e volentieri.

Quinni regola numero uno: ‘a libertà va difesa quanno ce piace e quanno nun ce piace, perché tutti l’esseri umani sò ugguali.

Ma sempre sempre? Ad esempio si uno me carpesta ‘a faccia co convinzione e cattiveria, è libbero de fallo? Devo porge l’antra guancia? O me posso spostà? O je devo menà? O ce devo parlà, pure si ‘a voce m'esce storta perchè me sta a carpestà?

Per esempio, quanno hanno fatto ‘a rivoluzione er popolo francese stava popo male male male. No come oggi, baguette bulevard cafè musica turismo moda nuvel vag nuvel cuisin: c’era ‘a nobirtà che saa spassava, un po’ de borghesia che campava, e na marea de poracci che ‘n ciaveveno un cazzo da magnà e nun sapeveno né legge né scrive. Un po’ come tanti paesi oggi, de quello che na vorta appunto se chiamava “terzo monno” e oggi un po’ più caruccio “paesi in via de sviluppo”, come a daje na bottarella de incoraggiamento.

E tanto staveno male sti francesi che ‘a libertà saa sò pijiata a son de fucili, accette e gijottine. E diciamola tutta dopo hanno pure strafatto e c'è stato er regime der terore anzicheno co tanto de liste de proscrizione.

Quinni, regola numero due: l’idee sò importanti ma tocca sempre stà attenti a du spauracchi der genere umano: ‘a paura e ‘a sete de potere, che porteno aa violenza e aa prepotenza. E quinni mettese dii limti, che sò poi quelli daa legge, nun è na cosa sbajata, specie pe difenne i più debboli.

E regola numero tre: tocca nun affamà ‘a gente, sinnò poi ‘a gente se incazza. E bada che ‘a fame po’ esse fame de cibo ma pure de curtura, de democrazia, de libertà.

Purtroppo certe vorte pare che quasi ogni ragione pò esse bona pe ammazzà. Oggi vedemo che c’è gente che ammazza quelli che seconno loro se sò presi troppe libertà. E cercano de ammazzà gente e libertà insieme.

Io dico che n’idea si è bona nu ‘a pòi ammazzà, riciccia sempre. Invece ammazzà na persona pe n’idea me sembra un po’ na cazzata: primo perché ‘n idea riciccia e na persona no, ma anche perché aho ma chi taa detto che l’idea tua è tutta giusta e quelle dell’antri sò tutte sbajate?

Pe carità, certe vorte combatte co 'e armi pò risurtà necessario, tipo pe difendese o contro 'a dittatura, come - che ne so - ‘a Resistenza. Ma uno dii traguardi mejo daa civirtà nostra è che invece de ammazzà a chi nun ce piace come ‘a pensa, quello che dice o che fa, ce parlamo, cercamo de convivece, de venì a patti. Ar massimo massimo si uno fa na cosa popo brutta brutta criminale ‘o mettemo in galera. Ma no ammazzallo.

Ecco.

2

Pittore della tomba di Nefertari

La regina Nefertari in posizione di preghiera

circa 1298–1235 a. C., Tebe, Tomba di Nefertari

pittura murale, 120 × 83 cm

-

Stele di Nemtiui

Primo periodo intermedio (2192 a.C. al 2040 a.C.); forse proveniente da Akhmim, ora a Hildesheim (Germania), Roemer und Pelizaeus Museum

Pietra calcarea, pittura su intonaco, h 48.5 cm.

-

Pe capì perché ‘e figure che faceveno l’egiziani sò così strane, bisogna scordasse pe n’attimo er modo nostro de vedè ‘e cose. Noi semo abituati che n’immagine deve da esse er più possibbile uguale a quello che vò rappresentà, come fosse na fotografia. E’ perché venimo da secoli de arte classica, ndove er concetto de base era ‘a “mimesi”, ossia che l’arte deve esse copia daa reartà.

Ma ce sò dee vorte in cui l’esattezza è meno importante daa riconoscibbilità. Te faccio n’esempio. Quanno che vai a un bagno pubblico, cerchi ‘a figurina omo o donna pe capì qual è ‘a porta giusta. Mo, nun è che l’omo è veramente fatto così, ‘a testa tonda, du zeppi pee gambe e du zeppi pee braccia, e ‘a donna uguale ma co na cosa triangolare che sarebbe er vestito: ma è pe fatte capì ar volo, “questo è n’omo e questa è na donna”, che magari vai pure de fretta che taa stai a fà sotto e nun te ne frega gnente che l’omo magari cià la barba o la donna i capelli lunghi e le ombre o i muscoli o i particolari l’occhi er naso ‘a bocca: “omo” / “donna”, tanto basta. E’ come si ce fosse scritto, “omo” e “donna”: solo che na figura ‘a ponno capì pure i stranieri che parleno n’antra lingua o li regazzini che ancora nun sanno legge.

Ecco. L’egiziani, quanno che te fanno er faraone o ‘a reggina o er dio Osiride, nun je interessa de fatte vedè che faccia ciaveva pe davero o de mettetelo in prospettiva o sotto na certa luce: te vonno dì, “questo è er faraone” o “questa è ‘a dea Iside”. Che anfatti pure ‘a scrittura loro, i geroglifici, aa fin fine è fatta così, na figurina stilizzata pe dì na parola, un concetto.

Quinni, prima de tutto, tocca fà capì che sò esseri umani. E ‘a faccia è de profilo, perché se capisce mejo che è na faccia si se vede ‘a linea der naso fronte mento; invece l’occhio è visto de fronte, perché se capisce mejo che è n’occhio. Infatti si te do un fojo de carta e te dico “disegname un occhio” sicuro a palla che me ‘o fai de fronte, caa pupilla e ‘e cija, piuttosto che de profilo che pare un ventajo un bocciolo un boh ma che è. E così, er busto de fronte ma ‘e gambe de profilo. E ‘e mani uguali, ‘a destra come ‘a sinistra, perché sò mani e basta. Dopo de che, pe specificà, er faraone cià un certo cappello e er dio Anubbi cià ‘a faccia de cane e ‘o scrivano er blocco notes, ma pe er resto sò tutti uguali, ma no perché l’egizziani s’assomijoveno tutti: non più de quanto s’assomijiamo noi, pure che in tutti i bagni der monno l’omino e ‘a donnina sò fatti a ‘o stesso modo.

2

_________________

Nelle foto ci sono due esempi di maschere funerarie egiziane.

La prima è la famosissima maschera di Tutankhamon e costituisce un classico esempio di arte egizia pre-romana: defunto bellissimo, chiaramente idealizzato.

La seconda invece ha subìto le influenze romane. Dopo aver colonizzato l'Egitto, infatti, i romani si integrano con le tradizioni locali e introducono il realismo nell'arte funeraria. Il volto riprodotto è molto probabilmente quello del defunto mummificato.