anw:music

Some Favourite Playlists by la-petitefille

hi, angels! here is a big masterpost of some of my personal favourite themed playlists on Spotify that i’ve made over time. i will add to it as time goes by! and if you have any really specific ideas for a themed playlist i should make, feel free to drop a suggestion by replying to this post. ♡ xoxo

For the Witches

Songs for Air Witches

Songs for Earth Witches

Songs for Fire Witches

Songs for Moon Witches

Songs for Water Witches

Autumn Witch Songs

Autumn Witch Songs (w/ Vocals)

Spring Witch Mix

Witchy Beltane Songs

The WitchCraft Playlist (ultimate chill, cool, and witchy atmospheres)

For Extra-Ethereal Relaxation

The Princess Relaxes, Vol. 1

The Princess Relaxes, Vol. 2

Spiritual Awakening (music for meditation)

For the Holidays

Merry Christmas (classic, older holiday songs)

A Vintage Halloween (spooky and festive older songs)

Random Others

Beach Goth + Surf Punk

Chill In My Hippie Van (ultimate 1960′s-70′s rock ‘n’ roll playlist)

Darling Sadness (for those sadder, wistful nights)

Feel Good, Angel (random happy songs)

Girl Groups Forever (1960′s bubblegum songs)

My 90′s Dream (my personal favorite 90′s garage/grunge/etc)

The Sad Boy Playlist (encyclopedia of the floppy-haired emo) 

Shoe(gazing) In Your Eyes (dreamy, floaty songs from another planet)

Watch Me Trip (1960′s-current psychedelic garage)

It was a privilege covering the Concert for Charlottesville, and getting to meet and speak with so many inspiring members of the community. I passed smiling faces at every turn, watched as crowds of people raised peace signs in grand displays of unity. Those I met with called for love and deliberation moving forward, and spoke to the importance of empathy. What a truly beautiful concert this was; you could hear the music, sure, but you could feel the humanity. 
– Dylan Garcia ( @dylan, @untexting@historyandmemes

(Extrait de Fréquenstar 1998)

Loin des paradis fiscaux, Jean-Jacques a choisi de rester en France et pourtant…

Laurent Boyer : Tu dis que tu es content de payer 60 % d'impôt. C'est une première d'entendre ça , en France.

Jean-Jacques Goldman : Ouais.

Laurent Boyer : Excuse-moi, mais bon.

Jean-Jacques Goldman : Moi, je suis très content, ouais. C'est une dette que je dois à ce pays là, et je la paierai le plus longtemps possible.

Laurent Boyer : Ça te satisfait ces normes.

Jean-Jacques Goldman : Ah oui, c'est normal, oui. J'ai payé plus que 60 % ! Là , c'est récent. Mais avant, c'était, il y a quelque années, c'était jusqu'à 70 un truc comme ça. Mais c'est bien. C'est normal.

Laurent Boyer : Tu sens que tu fais oeuvre civique de citoyen.

Jean-Jacques Goldman : Ouais, je trouve que c'est normal qu'il y ait une redistribution, pour ceux qui gagnent beaucoup et que ça profite à la collectivité puisque nous profitons aussi de la collectivité.

those legendary songs #6

i had planned to stop at #5 but NO YOU NEED MORE I CAN NOT STOP.

#1.

the title means “he played the piano standing up” and the first comment is “maybe he had hemorroids”, french elegance at its best.

#2.

this guy is a VERY good writer. 

#3.

#4.

a band to listen to if you’re a little hippie (ce que l’on sème is a v nice album).

#5.

youtube

As a follow-up to the last post, here are some nice views of Kiev.

youtube
youtube

Emilianismi combattenti, anche nel raccontare senza ipocrisie ciò che è difficile spiegare. Ormai pressoché persi.

Vedi cara, è difficile spiegare,
è difficile parlare dei fantasmi di una mente.
Vedi cara, tutto quel che posso dire
è che cambio un po’ ogni giorno, è che sono differente.

Vedi cara, certe volte sono in cielo
come un aquilone al vento che poi a terra ricadrà.
Vedi cara, è difficile a spiegare,
è difficile capire se non hai capito già…

Vedi cara, certe crisi son soltanto
segno di qualcosa dentro che sta urlando per uscire.
Vedi cara certi giorni sono un anno,
certe frasi sono un niente che non serve più sentire.
Vedi cara le stagioni ed i sorrisi
son denari che van spesi con dovuta proprietà.

Vedi cara è difficile a spiegare,
è difficile capire se non hai capito già…

Non capisci quando cerco in una sera
un mistero d’ atmosfera che è difficile afferrare,
quando rido senza muovere il mio viso,
quando piango senza un grido, quando invece vorrei urlare,
quando sogno dietro a frasi di canzoni,
dietro a libri e ad aquiloni, dietro a ciò che non sarà…
Vedi cara è difficile a spiegare,
è difficile capire se non hai capito già…


Non rimpiango tutto quello che mi hai dato
che son io che l'ho creato e potrei rifarlo ora,
anche se tutto il mio tempo con te non dimentico perchè
questo tempo dura ancora.
Non cercare in un viso la ragione,
in un nome la passione che lontano ora mi fa.
Vedi cara è difficile spiegare,
è difficile capire se non hai capito già…

Tu sei molto, anche se non sei abbastanza,
e non vedi la distanza che è fra i miei pensieri e i tuoi,
tu sei tutto, ma quel tutto è ancora poco,
tu sei paga del tuo gioco ed hai già quello che vuoi.
Io cerco ancora e così non spaventarti
quando senti allontanarmi: fugge il sogno, io resto qua!

Sii contenta della parte che tu hai,
ti do quello che mi dai, chi ha la colpa non si sa.

Cerca dentro per capir quello che sento,
per sentir che ciò che cerco non è il nuovo o libertà…

Vedi cara è difficile a spiegare,
è difficile capire se non hai capito già…